No all’autostrada Tirrenica, agrressione alla Toscana

autostrada

di CARLO VIVARELLI* –   La SAT, Società autostrada Tirrenica, e la Regione Toscana, come fossero organismi di un Regno, comunicheranno ai sindaci il tracciato definitivo dell’autostrada. Un atteggiamento da stato dittatoriale. Nei comuni coinvolti si sarebbe dovuto convocare da tempo un referendum per consultare la popolazione, e non attendere una decisione tenuta anti democraticamente segreta, cosa che ci appare una palese illegalità. Il Partito Indipendentista Toscano dichiara il suo rifiuto alla costruzione dell’Autostrada Tirrenica, che è un’inutile, devastante, arrogante aggressione contro la Maremma da parte dello Stato italiano, che ha il solo scopo di arricchire ditte e persone legate ai partiti politici italiani ed alle loro clientele. La Maremma ha necessità non di devastazioni autostradali ma di legalità, dello stop immediato dell’immigrazione causa i 30.000 disoccupati del suo territorio, della distruzione militare del caporalato, dello stop immediato dell’importazione di olio, grano, verdura, carni e manufatti provenienti dall’estero, spesso prodotti dalle mafie e, per quanto riguarda i prodotti alimentari, di dubbia commestibilità. Proponiamo, come hanno fatto molti partiti, associazioni e comitati, la messa in sicurezza dell’attuale tracciato dell’Aurelia.

 

*Partito Indipendentista Toscano

Print Friendly

Recent Posts

Leave a Comment