NO AI BOTTI SI AI BISCOTTI! NEI FUOCHI D’ARTIFICIO: PM10 OTTO VOLTE SUPERIORE AL VALORE LIMITE

bottiDAI SOCIAL 

di ANGELICA BASSI* – Mi hanno chiesto una relazione tecnica sui danni che i fuochi d’artificio provocano sia agli animali domestici e selvatici sia all’ambiente.
Bisogna ricordare che il grave problema per gli animali e per l’ambiente non è ristretto solamente al momento dell’esplosione in aria, ma anche quando gli elementi componenti i fuochi pirotecnici ricadono a terra.

Magari non a tutti interessano gli animali che possono anche morire di paura e che scappando terrorizzati possono provocare incidenti stradali, ma ad alcuni, molto attenti a ciò che respiriamo, può interessare l’inquinamento spaventoso dovuto alle sostanze contenute nei fuochi d’artificio, che rilasciano un carico di PM10 otto volte superiore al valore limite.
Se avete due minuti leggete questo elenco e pensate se vale la pena di fare tanti danni all’ambiente per pochi minuti di colore.

BARIO: aggiunto ai fuochi d’artificio per produrre la colorazione verde e stabilizzare altri elementi volatili.
Se ingerito, l’assorbimento del bario è rapido, causando una grave ipocalcemia, vomito, diarrea, salivazione, ipertensione, aritmia cardiaca in poche ore dall’assunzione. I sintomi possono
progredire in seguito evidenziando tremori, convulsioni, paralisi, midriasi, tachipnea, difficoltà respiratoria, shock cardiaco.

BERILIO: produce scintille bianche e, se inalato, molto dannoso. Può creare problemi citotossici, morte cellulare, polmoniti ed edemi polmonari.

CALCIO: l’aggiunta di questo elemento serve per ottenere il colore arancione. Produce vomito e diarrea.

FERRO: usato per la colorazione oro. Se ingerito ha un forte effetto corrosivo del tratto gastrointestinale dove possono manifestarsi gravi ulcere e irritazioni. Il fegato è l’organo maggiormente colpito, per cui una grossa ingestione di ferro può causare, oltre che depressione del sistema nervoso centrale, insufficienza epatica e in seguito morte.

MAGNESIO: utilizzato per creare scintille ed aumentare la brillantezza, se ingerito, causa problemi intestinali come diarrea. Se assorbito in grande quantità può causare ipotensione, paralisi, insufficienza respiratoria e cambiamenti in elettrocardiogramma.

FOSFORO: aggiunto per conferire luminosità. Può essere assorbito per via orale, dermatologica o inalatoria. Il fosforo contenuto nei fuochi d’artificio può causare gravi emorragie gastroenteriche, dolore addominale, debolezza muscolare, danni epatici e renali, collasso.

POTASSIO: crea il colore viola. Velocemente assorbito attraverso il tratto prossimale gastrointestinale, può causare ipotensione o ipertensione e diversi problemi al cuore fino
all’arresto cardiaco.

STRONZIO: aggiunto per conferire brillantezza al colore rosso può provocare disturbi a livello gastrico.

ZOLFO: contenuto nelle polveri può creare vomito e diarrea. A livello del colon i batteri lo convertono in idrogeno solforato che causa atassia, aritmie, collasso, incoscienza, edema polmonare morte.

ZINCO: aggiunto per avere l’effetto fumo. È corrosivo e provoca vomito, diarrea e ulcere gastrointestinali. I metalli di zinco se ionizzati nello stomaco e assorbiti possono causare anemia emolitica e insufficienza renale.

*Etologo e comportamentalista

Print Friendly, PDF & Email

Related Posts

Leave a Comment