Nazione italiana, Beggiato: ma esiste davvero?

discriminazionedi ETTORE BEGGIATO – Che con un’enfasi e una retorica che si credeva ormai sorpassata non passa giorno che ci si appelli  all’unità nazionale, alla “nazione italiana”; e proprio in questi giorni si deve registrare l’ultimo appello del presidente del Consiglio Gentiloni. Ma è davvero esistita ed esiste una nazione chiamata Italia? Dobbiamo accettare come dogma di fede tale definizione?

La mia domanda è sicuramente provocatoria, anche perché il dibattito, il confronto su questi temi e sulla differenza fra il concetto di Stato e quello di Nazione è pressoché nullo. Vediamo allora di cercare di razionalizzare il ragionamento. Aldo Gabrielli nel suo dizionario definisce la nazione come “complesso di individui avente una origine comune, spesso comuni la lingua, la storia, la religione, i costumi, sia esso o non politicamente unito”.  E già qui nascono le prime perplessità…

Che cosa io, io veneto, in comune con un  tirolese di Sterzing/Vipiteno, con un valdostano di Courmayer, con un sardo di Decimomannu, con un siciliano di Canicattì ?

L’origine? Non mi pare. La storia? Non se ne parla nemmeno, i costumi lo stesso, la lingua ? Ecco, da un po’ di tempo parliamo la stessa lingua veicolare, l’italiano (io comunque penso sempre in veneto e, quasi sempre, parlo in veneto).

Ma anche qui fa pensare che nel 1861, quando fu compiuto il primo censimento nel Regno d’Italia (il Veneto non era ancora stato annesso) , “gli italofoni (cioè coloro in grado di esprimersi  in italiano) erano, fatta eccezione di Roma e della Toscana, l’8 per mille della popolazione, vale a  dire 160 mila individui dispersi in una massa di 20 milioni di abitanti” (Tullio de Mauro – Storia linguistica dell’Italia unita).

E questo la dice lunga sul processo forzato di italianizzazione, di standardizzazione, di massificazione che è stato portato avanti dall’unità d’Italia, distruggendo un patrimonio di lingue, costumi, tradizioni forse unico in Europa.

Queste considerazioni portano ad una conclusione molto semplice (molto modesta e molto personale, se si vuole): l’Italia non è una Nazione ed è invece uno Stato sovranazionale, all’interno del quale vivono vari popoli (veneto, sardo, siciliano,  sudtirolese ecc.). Stato sovranazionale come la Gran Bretagna, dove troviamo inglesi, scozzesi, gallesi, nordirlandesi), Spagna (catalani, baschi, castigliani) ecc.

E quanto sta accadendo in Catalunya ci dimostra quanto sia in crisi lo “stato-nazione”: un concetto equivoco sul quale, soprattutto in Italia, c’è stata da parte della cultura dominante la volontà di non uscire da questo equivoco.

Un concetto che ha trovato soprattutto nel periodo fascista l’attuazione più dura e sistematica che si riassumeva e si riassume con “un popolo, una lingua, una storia”, un motto  che dopo mezzo secolo è stato fatto proprio dalla cultura di sinistra con la nascita di un “nazionalismo di sinistra” del quale avremmo fatto volentieri a meno.

E’ tempo di superare tale pensiero  sostituendolo con “più popoli, più lingue, più storie, più identità all’interno dello stato italiano” ed è emblematico come la prima delega che la Regione del Veneto chieda a Roma sia proprio quella della pubblica istruzione: da qui potrà nascere un Veneto più orgoglio.

Print Friendly, PDF & Email

Recent Posts

2 Comments

  1. L.I.F.E. FEDERALE says:

    Ogni testo ha il suo unico scopo,FARSI CONOSCERE,perchè ? Diventare qualcuno,occupare uno scranno qualsiasi,purchè redditizio,non certo per la GLORIA !
    A noi non interessa quanto scrivete,ma quanto fate,visto che da quasi trentanni 1990/2017 sacramentiamo contro lo Stato accentratore e partitocratico,, ,il Fisco esagerato,, la Burocrazia elefantiaca, e siamo qui ancora a BELARE ?
    Altro che capre,PECORE,PECORE,PECORE TUTTI NATURALMENTE !
    LIFE Ricci

  2. caterina says:

    … un Veneto più orgoglioso che continuerà ad essere schiavo di Roma e sarà obbligato a farcelo ripetere con la marcetta del suo inno che come beoti cantiamo dall’asilo all’università… o a qualsiasi inaugurazione di fabbrica, di strada, a qualsiasi cerimonia commemorativa dei nostri morti per guerre che mai avremmo voluto, dove fa mostra di sè qualche politico nostrano o inviato da Roma…
    Ma il nostro sogno di libertà si realizzerà! WSM!!!

Leave a Comment