Muro di filo spinato in Marocco: stop ai clandestini algerini

di REDAZIONE

Il Marocco ha deciso di erigere una barriera con del filo spinato lungo 450 chilometri di frontiera con l’Algeria per frenare l’immigrazione clandestina da Paesi dell’Africa subsahariana, ma anche come deterrente contro il traffico di droga. Uno degli obiettivi del ‘muro’ sarebbe quello di bloccare i tentativi di clandestini di entrare nello spazio di Ceuta e Melilla, enclave spagnole in territorio marocchino. Lo riferisce il quotidiano arabofono marocchino Akhbar Al Youm, secondo il quale la decisione è stata presa nel corso di una riunione ad alto livello di responsabili della sicurezza marocchina, tenutasi nella città di Oulda, alla frontiera con l’Algeria.

Secondo Akhbar Al Youm, il progetto prevede che la barriera sia realizzata tra la città costiera di Saidia (nel nord del Paese) a quella di Figuig (nel sud). Progetto che, sempre secondo lo stesso quotidiano, dovrebbe prendere corpo già nelle prossime settimane.

Print Friendly, PDF & Email

2 Comments

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Articolo precedente

Veneto, proposta per un "plebiscito digitale" il 16 febbraio 2014

Articolo successivo

Spending review, una sola certezza: il nulla assoluto!