Muore l’artigiano, ecco i veri poveri della questione settentrionale

di GIOVANNI D’ACQUINOartigiani

Da cosa è fatto il Pil? Dagli stipendi degli statali? Dalle fabbriche? Dai piccoli imprenditori? Dai lavoratori pubblici assunti per sostenere magari con i forestali, le famiglie del Sud? O c’è una categoria, quella della bottega, che ha fatto il Paese e buona parte di questo? Le ultime cifre della Cgia sulla mortalità degli artigiani, una moria che sta devastando il tessuto ancora produttivo delle regioni del Nord, impone una riflessione politica trasversale e oltre gli schieramenti politici Nord-Sud, destra-sinistra. Perché se quelle serrande si chiudono, o chiudono per sempre oppure vengono riaperte da chi non rappresenta necessariamente l’economia più sana del territorio. La colonizzazione è in corso, si può far finta di non vederla e di diventare ospiti a casa nostra. Avanti così, che va bene.

Ecco la lettura che l’ufficio studi della Cgia effettua sul mondo artigianale. 

Tra il 2009 e i primi nove mesi del 2014 l’artigianato ha perso oltre 91 mila imprese. Una su due era ubicata al Nord. Le regioni dove il saldo tra nati e mortalità è stato maggiore sono la Lombardia (-12.496), l’Emilia Romagna (-11.719), il Veneto (- 10.944) e il Piemonte (-8.962).

Un quadro, quello fotografato dall’Ufficio studi della CGIA, che ci descrive una situazione molto pesante, anche se non mancano alcuni segnali positivi.

“Nonostante la crisi economica abbia cancellato a livello nazionale ben 91.000 aziende artigiane – dichiara Giuseppe Bortolussi segretario della CGIA di Mestre – i giovani, soprattutto nel comparto casa, costituiscono la maggioranza degli addetti. E’ un segnale molto importante che squarcia un quadro generale molto critico. A nostro avviso ciò è dovuto a due motivi. Il primo: questi mestieri, legati al mondo dell’edilizia, impongono una forza e una tenuta fisica che difficilmente possono essere richiesti a dei lavoratori di una certa età. Il secondo: il forte aumento del numero dei diplomati avvenuto in questi ultimi anni nel settore edile, elettrico e termoidraulico ha favorito l’ingresso di molti ragazzi nel mercato del lavoro. In generale, malgrado le difficoltà e i problemi che sta vivendo il nostro settore, i giovani stanno ritornando all’artigianato, ma non ai vecchi mestieri. Dai nostri dati, ad esempio, gli artigiani che lavorano il vetro artistico, i calzolai, gli artigiani del cuoio, delle pelli e quelli e i sarti corrono il rischio, fra qualche decennio, di estinguersi”.

Ma la forza dell’artigianato, proseguono dalla CGIA, è ancora viva e capace di traguardare il futuro oltre la crisi.

“In alcuni settori come il tessile, il calzaturiero, l’agroalimentare, ma anche la meccanica – conclude Bortolussi – siamo nella condizione di poter gareggiare con chiunque, sia in Italia che all’estero. Laddove sono necessari eccellenza, intelligenza, creatività, cultura ed alta specializzazione non abbiamo rivali”.

I settori artigiani che in questi ultimi anni di crisi hanno subito la contrazione numerica più pesante sono le costruzioni/installazione impianti (-42.444), le attività manifatturiere (- 31.256), i carrozzieri e le autofficine (- 15.973). Sono in espansione, invece, i servizi alla persona (parrucchieri, estetiste, massaggiatori, etc.), con un saldo pari a + 1.405 attività, le gelaterie e le pasticcerie, con +5.579 imprese, e le attività di pulizia/giardinaggio, con + 10.497 aziende artigiane. CGIA

 

 

Quali sono le cause della crisi ?

Secondo i dati forniti dall’Ufficio studi della CGIA, tra il 2008 e il 2013 il costo dell’energia elettrica è aumentato ben oltre il 21 per cento, quello del gasolio di quasi il 23,5 per cento, mentre la Pubblica amministrazione ha allungato i tempi di pagamento ai propri fornitori di ben 35 giorni.

Gli artigiani, come del resto la quasi totalità delle piccole e micro imprese presenti in Italia, vivono dei consumi delle famiglie: dal 2008 al 2013 la contrazione di questi ultimi è stata fortissima: -6,6 per cento.

Sul fronte del credito la situazione è altrettanto preoccupante: in questi sei anni di crisi economica gli affidamenti bancari alle imprese con meno di 20 addetti sono diminuiti del 10 per cento. In termini assoluti alle micro imprese sono stati “tagliati” 17 miliardi di euro di impieghi.

Infine, le tasse e la burocrazia. Dopo la rivalutazione del Pil, nel 2013 la pressione fiscale in Italia si è stabilizzata al 43,3 per cento: picco massimo mai raggiunto in passato, anche se per le micro imprese il carico fiscale supera abbondantemente il 50 per cento. Perfino il peso degli adempimenti burocratici ha assunto un livello non più sopportabile. Secondo i dati della Presidenza del Consiglio dei Ministri, la burocrazia costa al mondo delle imprese italiane 31 miliardi di euro all’anno. Ciò implica che su ogni impresa grava mediamente un costo annuo pari a 7 mila euro. A differenza di quelle più grandi, le piccolissime imprese non possiedono una struttura amministrativa al proprio interno. Pertanto, sono costrette a rivolgersi a dei professionisti esterni, subendo dei costi annui ben superiori al dato medio nazionale sopra citato.CGIA2

 

Print Friendly, PDF & Email

Recent Posts

2 Comments

  1. luigi bandiera says:

    …ci mancava pure un bel segnale: bastonate agli operai lavoratori che fanno PIL.

    L’e’ come con i veneti serenissimi: bastonate e galera per dare segnali forti i IMPERATIVI.

    Per i serenissimi e’ il segno di chi deve stare SOTTO DOMINIO. Per i lavoratori che se non accettano lo status quo si beccano le randellate..!!

    Insomma dire alla niora perche’ arrivi alla suocera e viceversa ben s’intende.

    E si badi bene che i PRODUTTIVI (quelli che fanno PIL) NON COMANDANO..!!
    A comandare sono da sempre e purtroppo i soliti che io divisi in quattro categorie:

    BRIGANTI, RAPINATORI, SASSINI E MANTENUTI.

    Purtroppo l’INTELLIGHENZIA e’ trasversale in queste categorie appena enunciate.

    Per questo NON SERVE A NULLA, potete manifestare fare i gredini e duddo guado che noi facciamo quello che dobbiamo fare. Grazie e buon giorno. Lo dice Ad Kul Nostrum in RPL.

    PSM
    WSM

  2. luigi bandiera says:

    E’ un fatto, per cui non mi incenso, ma io da tanto tratto la questione guardandola da un altro punto di vista. E’ da anni. INUTILMENTE.

    Presentavo il problema guardando i contributi che ogni cittadino, statale o privato, versa per avere poi diritto alla pensione e sottolineavo che c’e’ una differenza tra pubblico e privato: che una categoria FIGURA il VERSAMENTO, mentre l’altra (rispettivamente) FA IL VERSAMENTO..!

    E poi sottolineavo nel sottolineare che quelli del pubblico, a parita’ di categoria, percepiscono di piu’ del privato, in stipendio o meglio, in PAGA.

    E sempre tra pubblico e privato, i FIGURANTI “versano” di piu’ dei privati dove poi avere una pensione maggiorata rispetto al privato. Quel privato che VERSA anche per il PUBBLICO..!!!

    Se non si ragiona dentro a questo meccanismo perverso NON SI RISOLVERA’ MAI IL PROBLEMA DEL BILANCIO..!

    Ovviamente il PIL lo fa chi PRODUCE.

    Ma se questi e’ pagato poco (ecco i lavori che non si vogliono piu’ fare: li faccia chi ama la costituzione e che oggi e’ superstraiperpagato) e quel poco che riceve lo deve versare per mantenere nella bombagia (paghe de oro) quelli del pubblico, a ramengo tutti..! Infatti, i capi d’azienda scappano non appena possono all’estero e i loro dipendenti o si adattano ai lavori che prima non volevano fare perche’ le paghe erano da fame, o anche loro seguono l’azienda che va appunto all’estero.

    Lo stato KOMUNISTA italiano va DEMOLITO perche’ e’ inutile fare riforme e pseudo rivoluzioni: sara’ una missione IMPOSSIBILE..!

    Diventa che L’E’ PEXO EL TAKON DEL BUXO..!

    La vogliamo capire si no..?

    Quella e’ la strada da intraprendere volenti o nolenti..!

    Pero’…

    Qua siamo a STOCKOLMA… quindi..?? Tutti colpiti dalla sindrome medesima.

    Ma nessuno pensa di tirarsi su le maniche, men che meno quelli del pubblico in ispecie gli SUPERSTRAIPERPAGATI..!

    Viva l’una e indivisibile..!

    Amen

Leave a Comment