Multe, Milano regina degli incassi. Napoli? Non è dato sapere. Voce non presente nel bilancio del Comune

maschionapoli

di ROBERTO BERNARDELLI – Recentemente è stata stilata la classifica degli incassi attraverso la polizia municipale delle principali città e in tutte le regioni italiane. Dentro nei bilanci dei comuni finisce un po’ di tutto, si va dalle  infrazioni alle ordinanze del sindaco e al codice della strada. Bene, Openpolis ha raccolto tutti i numeri e cosa è stato scoperto? Chi guadagna di più?

Ecco la splendida tabella.

chart

 

 

Per scoprirlo più nel dettraglio si può ricorrere a openbilanci.it, cercando la voce “polizia locale”. “Questo tipo di entrate comprende tutte quelle realizzate nell’esercizio delle funzioni di polizia, tra cui le contravvenzioni per infrazioni al codice della strada”, si legge. Bene. Gli automobilisti più martellati sono al Nord. Chiaro a tutti? Poi, tranne eccezioni, si scende di latitudine. O tutti sono più diligenti o si chiude un occhio.

 

“Vediamo – si legge ancora – quali delle città maggiori hanno incassato di più da questa voce nel 2014. Al primo posto Milano con circa 102 euro pro capite, Firenze e seconda con 90,98 euro e terza Torino con 58 euro. Seguono Roma e Bologna, con rispettivamente 57,71 e 56,46 euro per ogni abitante. Appaiati attorno ai 44 euro due capoluoghi veneti: Verona e Venezia. Nella parte bassa della classifica, dove cioè si concentrano le città che incassano meno alla voce polizia locale, troviamo Genova (36,18 euro), Padova (33,99), Palermo (31,42), Catania(19,97) Bari (18,57), Trieste (13,73) e Napoli, il cui valore non è presente all’interno del bilancio consuntivo”.

Ecco, stop, fermi tutti. Ma davanti ad una scoperta così interessante, a nessuno viene voglia di capire perché? A noi piacerebbe.

 

 

Print Friendly

Related Posts

Leave a Comment