FORCONI E STUDENTI. BRUCIATO IL TRICOLORE

di REDAZIONE

(VIDEO DI MARTINA MILIANI) Si sono dati appuntamento alle 9 davanti la cattedrale. Erano circa 200 studenti. Liceo scientifico Benedetto Croce, Vittorio Emanuele II, Istituto Regina Margherita, Volta e Parlatore. Tutti insieme per manifestare la loro solidarietà nei confronti del Movimento dei Forconi. Il corteo guidato e organizzato dal coordinamento degli studenti medi e da centri sociali di Palermo, tra cui anche l’Anomalia, è partito stamane da corso Vittorio Emanuele per poi dirigersi verso il porto per dare sostegno ad agricoltori e autotrasportatori che da lunedì hanno bloccato uno degli ingressi dell’area portuale.

“Noi la crisi non la paghiamo”. Unanime il coro, mentre gli studenti sfilano lungo Corso Vittorio Emanuele. Poi, due studenti che danno fuoco al tricolore. Un gesto simbolico per manifestare il loro dissenso rispetto alle politiche attuate dallo Stato italiano specie nei confronti della Sicilia. “La nostra vuole essere una denuncia del comportamento dello Stato che nei confronti della Sicilia ha sempre avuto un atteggiamento di colonizzazione, sfruttamento delle risorse e impoverimento della popolazione”. Lo ha detto Giuseppe Vitale, Centro Sociale Anomalia.

FONTE: www.livesicilia.it

 

Print Friendly, PDF & Email

Recent Posts

6 Comments

  1. sciadurel says:

    l’avessimo fatto qui mi immagino le breaking news, le trasmissioni e gli editoriali di regime dei soliti tromboni itaglioti

  2. Nicola BS says:

    Poverini, è nota la vessazione fiscale che subisce la Sicilia, l’occupazione dei posti statali da parte dei lombardi in terra siciliana. Povera colonia!

  3. Albert says:

    Se lo facciamo qui (come quando si è bruciato un fantoccio di Garibaldi) ci becchiamo insulti da tutti, ne parlano le trasmissioni in TV ecc, invece in Terronia (TERZIGNO; PALERMO) va tutto bene, bisogna capire ecc ecc.
    Indipendenza!!!

  4. rugero says:

    Chiunque pubblicamente e intenzionalmente distrugge, disperde, deteriora, rende inservibile o imbratta la bandiera nazionale o un altro emblema dello Stato è punito con la reclusione fino a due anni.
    art.292.2 del Codice Penale.

    Vedremo se e quando accadrà in Veneto le “forze dell’ordine” faranno finta di niente come è accaduto in Sicilia…

Leave a Comment