Morire di aiuti, e non arrivare mai all’autonomia

nord e sud italiadi Riccardo Pozzi – Morire di aiuti. I fallimenti delle politiche per il Sud (e come evitarli)” di Antonio Accetturo, Guido De Blasio edito dall’Istituto Bruno Leoni. Una pubblicazione tecnica dall’enorme peso politico, confrontabile solo con il celebre “Sacco del nord” del Prof. Ricolfi.
Guardare oggi con serietà il problema Nord e Sud significa ammettere trasferimenti procapite più alti al Sud e doppia efficienza al nord. La questione settentrionale sta tutta qui. Erano inutili le ampolle e le corna celtiche, oggi sono ipocrite e cialtrone le felpe ruffiane e l’unitarismo di fronte all’invasore. Tutto fumo negli occhi.

L’autonomia votata da Lombardia e Veneto e tollerata dall’Emilia che non ha voluto verificare cosa ne pensassero i propri cittadini, è già cassata da tutti perchè dei soldi del nord nessuno vuole fare a meno, né a Roma né a Palermo, del cui stranissimo statuto speciale che le consente di spendere i soldi altrui nessuno si stupisce.

Nessun razzismo, non esiste una razza meridionale; nessuna superiorità del nord, la gente del sud ha avuto successo economico in tutto il mondo tranne nel suditalia; niente stupidi cori da stadio, niente campanilismi etnici o culturali, niente Vesuvio ed Etna, niente luoghi comuni così comodi per insabbiare le responsabilità. Solo soldi, nient’altro che soldi. Di questo sono fatte sia la questione meridionale che quella settentrionale. E per questo nessuna autonomia vera passerà.
Infatti proprio in questo consistono, veramente, i regimi.

Print Friendly, PDF & Email

Related Posts

2 Comments

  1. FIL DE FER says:

    L’ipocrisia impera a roma come in altri luoghi. Persino il Presidente della Repubblica Mattarella ha esaltato la modernità dell’autonomia speciale dell’Alto Adige e perché i Veneti non dovrebbero averla??
    La Sicilia spende e spande come pure la Valle d’Aosta e la Sardegna, più parco il Friuli Venezia Giulia, mentre l’Alto Adige se la fa, se la dice e se la suona.
    L’ipocrisia , la doppiezza la mascalzonaggine con cui i politici al potere trattano l’autonomia del Veneto è inaccettabile e come tale sarà sanzionata dai Veneti a tempo debito. Non è più il tempo di scherzare con certe richieste di cambiamento che provengono dalla base elettorale.
    Se qualcuno pensa che questa volt ai Veneti abbasseranno ancora una volta la testa, SBAGLIANOOOOO!!!!!
    Sapremo non solo fare massa, ma trovare le vie per convincere in una maniera o nell’altra chi ancora pensa di non cambiare nulla in questo disgraziato paese.
    WSM

  2. caterina says:

    Quando impera la falsità interessata di tutti quelli che ne traggono vantaggio nelle posizioni di potere che occupano, non c”è verso che si possa cambiare alcunché…l’autonomia di chi invece vede con chiarezza la situazione è vista come fumo negli occhi, percio’ non resta che un taglio netto: l’ indipendenza è l’ unica via per porre fine a una situazione sempre piu’ incancrenita, e richiede coraggio e determinazione… sara’ un bene per tutti, tranne per coloro che oggi vivono a sbaffo e anche se la ridono aggrappandosi all’unità d’Italia che platealmente si e’ rivelata un fallimento… Era ora!!!

Leave a Comment