Monti scenderà in campo giovedì e si fregherà anche il pallone

di REDAZIONE

Monti è a bordo campo, pronto a scendere nel rettangolo di gioco. Fonti ministeriali riferiscono che il premier potrebbe decidere già nelle prossime ore. L’occasione potrebbe essere data dal prossimo Consiglio europeo di Bruxelles e soprattutto dal palcoscenico del congresso del Ppe, partito che il premier ha piu’ volte elogiato per la visione comune di Europa. Le stesse fonti ipotizzano che un passo avanti verso la candidatura o addirittura l’annuncio possa arrivare quindi giovedi’, giorno in cui si terra’ la riunione del partito popolare. Troppe le spinte che sta subendo da varie parti, quelle che sperano che il professore freghi il pallone agli altri giocatori già sul terreno.

Il premier, sottolineano le stesse fonti, e’ sempre piu’ tentato dalla discesa in campo, anche se restano sul tavolo alcuni dubbi. I piu’ importanti sarebbero legati alle considerazioni che nei giorni scorsi avrebbe espresso il Colle riguardo al suo eventuale abbandono di figura di ‘super partes’. L’alternativa, spiega un ministro, e’ quella di fare comunque campagna elettorale per promuovere una lista ‘Italia civica’ nazionale che porti avanti la sua agenda. Alcuni esponenti dell’esecutivo sono gia’ al lavoro sulla compilazione delle liste e la cornice, viene riferito, e’ quella gia’ delineata con il provvedimento che ha avuto il via libera in Consiglio dei ministri sull’incandidabilita’ dei condannati per le pene superiori a due anni. Continuano inoltre i contatti tra i ‘moderati’ di Pdl e Pd e il governo per stringere sulla realizzazione del progetto attorno a Monti.
Di tutto questo, pero’, ovvero dell’attesa che si respira in Italia sulla sua partecipazione o meno alle prossime elezioni, il Professore a Oslo non ne parla. Il premier dribbla le domande dei cronisti (“Non considero la questione di una mia ricandidatura in questo momento. Concentro i miei sforzi su cio’ che resta da fare”) e preferisce lanciare messaggi rassicuranti ai mercati: “Non ci sara’ un vuoto decisionale, il governo resta in carica fino al voto. Capisco le reazioni ma non bisogna drammatizzare, chiunque governera’ sara’ responsabile”.

Ma il presidente del Consiglio, oltre a confermare gli impegni dell’Italia che “sara’ ancora protagonista in Europa”, mette in guardia “dai rigurgiti di populismo e di nazionalismo”. L’attenzione naturalmente e’ rivolta verso il nostro Paese. Dal dibattito elettorale “i cittadini devono uscire con le idee un po’ piu’ chiare e non con mistificazioni e promesse irrealizzabili”. Ed ancora: “il rischio di politiche populistiche c’e’, serve uno sforzo collettivo, c’e’ la convinzione che i cittadini sono maturi, non disposti, non disposti a credere a promesse irrealistiche, non sono sciocchi”.

Il premier non strumentalizza, quindi, la risposta degli investitori alla notizia della candidatura di Berlusconi. Ma e’ a lui e a chi
pensa di condurre una campagna elettorale contro ‘l’esecutivo delle tasse’ che risponde in maniera anche irritata: “E’ privo di fondamento per chi capisce di economia, anche senza essere professore, pensare che chi ha dovuto porre rimedio alle inazioni e alle carenze precedenti potesse arrivare subito a dei risultati di crescita”. Il presidente del Consiglio cosi’ risponde per le rime alle critiche del Pdl sulla linea economica del governo: “qualunque persona che abbia un minimo di competenza e di buona fede sa che le misure di disciplina di bilancio, accanto a quelle di riforma strutturale porteranno ai dei risultati positivi”. Per Monti infatti “occorre tempo”, la terapia “e’ stata d’urto” perche’ l’obiettivo dell’esecutivo “e’ stato quello di evitare una crisi gravissima per l’Italia e l’Europa”.

Print Friendly, PDF & Email

Related Posts

4 Comments

  1. Un Alpino Genuino says:

    Montio I è meglio si ritiri in engadina nella sua alcova che di danni all’ italia ne ha fatti abbastanza.

  2. Un Alpino Genuino says:

    Montio I vuole scendere in campo, con tutta la sua schiera di cortigiani, ma m. cosa vuole scendere in campo , ma non si vergogna di nulla, la sua ricetta per appianare il debito è stata la requisizione di quota di casa e di quota degli immobili strumentali delle imprese in crisi, delle imprese agricole al fallimento, imu che colpisce i cassintegrati, cghi paga il mutuo chi ha reddito 0 ma ha la casa, montio i lei è il peggior ladro che ci sia mai stato in italia dopo napoleone , come lei sono stati solo i barbari di rubare la casa. Lei montio I vorrebbe instaurare una sorta di partito stalonazi in italia, pretende l’ imposta sulla casa da chi non a liqidità per pagarla e se non pagano di mettere all’ asta la casa, . Staklin aveva requisito tutto ai CulaKi e a attuato la statalizzazzione in campo economico e il controllo totale , con lo zar staklin lo stato era l’ oppressore capitalòista, montio I è lo stalonazi che al soldo dei 40 ladroni vuole che tutto sia accentrato allo stato oramai nelle mani loro. Cuioe’m vuole il capitalismo di sato dal punto di vista degli oligarchi italiani : socialismo di stato. Montio I si ritiri da solo a caprera perche’ gli italiani mica sopbno ne russi ne cambogiani. Si ritiri a silvaplana nel suo maniero da 5 m, si faccia belle gite inh carrozza e ammiri il piz Roseg, se no’ gli italiani la mettono all’ isola del giglio al pascolo con i porci della sua cricca. Studi la gabella imu se e’ un professore che è illegale, incostituzionale e folle.

  3. I.I. says:

    Monti è malato di protagonismo, come lo era Berlusconi e tutti gli altri assetati di potere. Ha pensato bene di dare soldi gratis alle banche e a garantire i loro stipendi a scapito di chi lavora (veramente) e investe i propri soldi per riuscire a pagare tutto, garantendo lo stipendio a delle famiglie che altrimenti costerebbero allo stato.
    Ecco, NOI CHE LAVORIAMO e siamo ONESTI ne abbiamo un po’ le palle piene della sua politica, vorremmo governare noi il nostro territorio,( almeno fateci provare per 10 anni, valutate se vi dobbiamo qualcosa [ dai miei conti verrebbero dei soldi a noi] tutta l italia avra’ agevolazioni di acquisto in Veneto con le nostre leggi che saranno un tantino diverse da quelle italiane/romane. qui siamo arrivati ormai che ci stanno “cagando in testa tutti”…chiunque arrivi da qualsiasi parte del mondo e’ più tutelato di un italiano… Ai rom gli danno 30€ al giorno, ( e ci rubano in casa, al supermercato in macchina e per strada) ospedale e sanita’ gratis, scuola gratis, mezzi di trasporto gratis, mense scolastiche…è noi sempre a pagare… non chiedo che ci AMMINISTRINO MEGLIO perché non ne sono capaci, chiedo solo di LASCIARCI VIVERE in pace, che ci lasci lavorare nel nostro territorio con il nostro popolo VENETO che ci GARANTISCA SICUREZZA, che FACCIA GIUSTIZIA, che si torni a vivere CIVILMENTE, con una SCUOLA che formi veramente i nostri figli, con insegnanti CAPACI che trasmettano il loro sapere.TASSE rapportate ai servizi . Consultazione col popolo tramite referendum.Ecco se questo FENOMENO si innescasse in tutte le regioni, ecco allora verrebbe distrutto il sistema Italia e nascerebbe lo stato ITALIA FEDALE.
    ITALIA INDIPENDENTE

    • Un Alpino Genuino says:

      Mi sembra che I.I. dica cose sensate, chi ha una attivita’ in proprio non riesce piu’ ad andare avnti il prelievo fiscale è insostenibile e demenziali. Tra minimun tax , studi di settore, gabellometro, imu e quant’ altro . Se poi è vero che danno ai rom 30 e al giorno siamo alla scemenza, tutti i rom venuti qua’ dpo l’ ingresso in U.E. della Romanioa che non anno i mezzi di sostentamento devono essere ruimpatriati altro che 30 e al giorno. In effetti tutti gli stranieri che arrivano da noi pagando alle org. criminali da 3 a 10000 euro poi si installa no sul territorio e vivono di espedienti tra cui anche furti e rapine, sèpavccio, ecc. e con le leggi all’ H2o di rose , per loro l’ itaqlia e’ l’ eden. Anche con marroni min. degli interni tutti quelli che sbarcavano a lampedusa veniva portrati in it. e dopo poco liberati sul territori, bravo Maroni! E bravo montio I che anziche’ togliere fondi ai nullafracenti retribuiti dallo stato ruba una quota di abitazione ai contribuenti. I vari politicanti anziche sviscerarsi in ogni sorta di D.L. demenziale si devono leggere le Leggi Svizzere e adottarle e adottare la democrazia diretta. E ‘ ora che invertano la rotta perche’ tutti i porcili come il loro alla fine sono finiti spazzati via dal popolo : rivoluzione francese, rivolta in Romania, in Tunisia, in Libia , pertano politicanti abrobate tutti i D.L. di mointio I o con la requisizione della casa IMU finirete rovesciati a gambe per aria (e il Duce era molto piu’ liberale di voi) . Io non la voglio la sommossa perche’ tutte le rivoluzioni anno portato al potere dittatori e forme di governo peggiori di prima. Ma le tensioni socili sono al limite.

Leave a Comment