Monti: niente taglio tasse, ma non vi ho rovinato il Ferragosto

di REDAZIONE

Non c’è allo studio nessun taglio dell’Irpef. Lo dice il premier Mario Monti intervenendo il giorno dopo la pubblicazione della notizia da parte di Repubblica. E, dice il professore, sono intervenuto solo oggi perché non volevo rovinare il Ferragosto degli italiani: alla faccia, non avrà rovinato il Ferragosto ma il resto dell’anno si.

“Un fisco meno gravoso e’ una sacrosanta esigenza per i contribuenti onesti. Renderlo concretamente possibile, senza fare promesse irrealizzabili, e’ un obiettivo tra i piu’ importanti per il governo”. Lo premette il presidente del Consiglio Mario Monti, che in una nota dice: “Ma prima che la politica di risanamento e di riforma venga consolidata, se possibile anche con radici che ne rendano probabile la prosecuzione con i governi che verranno, iniziare a distribuirne i benefici (ad esempio riducendo l’Irpef) sarebbe prematuro”. Infine, Monti conclude: “Quando una tale prospettiva verra’ delineata e sara’ considerata credibile anche dai mercati, ipotesi di un minore carico fiscale saranno non solo auspicabili, ma concretamente realizzabili”.

Print Friendly, PDF & Email

Related Posts

7 Comments

  1. lory says:

    figuriamoci se quel’individuo taglia le pensiono d’oro, quel’essere e da sempre nella greppia, è la al governo per fare l’interesse dei forti contro i deboli e i schiocchi anche se in verità questi ultimi non lo sanno.

  2. Monti sa perfettamente dove tagliare: sono cose talmente risapute che qualsiasi casalinga saprebbe far meglio di lui. Per esempio le pensioni d’oro http://buseca.wordpress.com/2012/08/07/pensioni-doro-golden-pensions/ roba da oltre 10 miliardi l’anno…

    • Dan says:

      Peccato che non gli passi neanche per l’anticamera del cervello di farlo quindi piuttosto si taglierà la minima alla vecchia che ha fatto l’operaia tutta la vita o si farà in modo di tagliare direttamente la vecchia: girano storie che nei pronto soccorso si cerca di far crepare i vecchi su consiglio della stessa inps, a volte solo confondendo i codici d’urgenza altre agendo direttamente sui medicinali tanto alla peggio viene archiviato tutto come l’ennesimo caso di malasanità

  3. CARLO BUTTI says:

    Questo signore con la sua politica di rapina ci sta avviando alla popvertà estrema, sta riducendo l’italia a un deserto economico, ha gonfiato il debito pubblico, non ha saputo domare il cosiddetto “spread”: eppure persevera con le sue ricette fallimentari. Mi chiedo come possa aver ottenuto una cattedra uiniversitaria, come possa esser diventato rettore d’un ateneo un tempo prestigioso.Ma forse ha fatto una brillante carriera proprio per la sua ottusità: nello Studio di Padova Galileo Galilei era considerato un professorucolo di basso rango, mentre autentiche nullità erano riverite e incensate…E’ l’Italia di sempre.

    • Dan says:

      Falliti come codesto personaggio raggiungono fama ed onori perchè chi li riconosce per quello che sono, non si decide a fare i passi necessari atti a defenestrarlo. Ci si limita a parlare e si persevera anche quando si ha già avuto prova che le parole da sole non comportano risultati tangibili.
      Alla fine viene da chiedersi se è più ottuso lui nel volerci rovinare o noi nel lasciarglielo fare.

  4. Albert1 says:

    E chi ci aveva creduto?

  5. Dan says:

    Tradotto dal bocconiano: “so benissimo che vi sto pelando il culo con tutte queste tasse, so benissimo che oramai vi suicidate per colpa mia, ma io me ne frego e continuo così perchè io sono io e voi non siete un cazzo”

    E c’ha ragione aggiungo io…

Leave a Comment