Molteni: la Cgil raccoglie cellulari per i “migranti”. E tu sei esodato, pensionato e senza telefono? Chiedi anche tu un cellulare alla Cgil!

cellulari-clandestini

 

Hanno scritto su Facebook

di NICOLA MOLTENI – CHIAMA SUBITO LO 031.239311/12.!!!! Questo è il numero di telefono della CGIL COMO. Raccolgono cellulari per CLANDESTINI.  Sei comasco, pensionato, esodato, cassaintegrato, disoccupato e non hai il cellulare? Chiama subito la CGIL COMO e chiedi un cellulare.

Print Friendly

Articoli Collegati

4 Commenti

  1. Walter Zanier says:

    Perchè la CGIL invece di chiedere celleulari per i migranti non li invita nelle loro sedi per telefonare a casa?

  2. luigi bandiera says:

    Se non si stabilira’ chi e’ il nostro NEMICO e chi e’ il NOSTRO AMICO PATRIOTA non ne usciremo.
    Gli invasori sono nostri nemici o nostri amici..?
    I loro collaborazionisti sono nostri nemici e traditori o sono loro amici..?
    I nostri detti per presa culo nostri fratelli per chi sono impegnati, per noi o per gli invasori..??
    I nostri detti sempre per presa culo, fratelli, lavorano per il nostro bene di cui poi patria, o per gli invasori di cui poi la nostra sottomissione..?
    Domando:
    perche’ dobbiamo essere sempre sotto a partire dallo stronx di napoleon in avanti e fino ad oggi..??
    Menatela come e quanto volete: se non si capira’ chi e’ il NEMICO NOSTRUM, col kax che ne verremmo a capo.
    PREGHIAMO…

  3. Giancarlo says:

    Eh, per favore che qualcuno non venga a dirci che lo fanno anche per questioni di sicurezza !!!
    Così si possono rintracciare dove sono in ogni momento……ma per favore, così invece diamo i cellulari anche a quelli dell’ISIS che abbiamo in casa o che sono appena sbarcati……
    Complimenti ai cervelloni della CGIL. ||||Catena dei Giullari italiani Ludici |||
    WSM

  4. Giancarlo says:

    Insomma dopo questa notizia si può ben dire che vogliono a tutti i costi una rivoluzione.
    Si deve azzerare tutto e ricominciare su nuove basi e nuovi sistemi economici.
    Il razzismo esiste ed è proprio di sinistra o per meglio dire di coloro che essendo imbevuti di ideologie stantie e fallimentari, ancora seminano odio e differenziazioni assurde se non pretestuose appunto.
    Io il cellulare l’ho buttato già da tempo. NON LO VOGLIO.
    Me ne frego delle mode, dei mass media dei politici e cerco di vivere pensando con il mio cervello e senza mai farmi condizionare da niente e da nessuno.
    La libertà ha un prezzo e mi va bene pagare il prezzo pur di essere libero !!!
    Contro i migranti non ho nulla di nulla, ma contro questi politici che sono al governo sì. Sono loro i responsabili di un’immigrazione di massa prima pensata ( PRODI) poi voluta ed ora gestita nel peggiore dei modi scaricando sui cittadini tutte le problematiche relative.
    Cialtroni, in male fede, incapaci e ideologicamente pieni di buonismo che si traduce poi in schiavitù con paghe basse, mancanza di lavoro, ditte che scappano, giovani che se ne vanno, anziani che emigrano per poter vivere decentemente, e non voglio dilungarmi sulle altre istituzioni italiote, marcie, obsolete e incoerenti ma dico di più al servizio di loro stesse e di coloro che ne sono a capo o semplicemente burocrati
    che complicano la vita dei cittadini pensano sempre che vanno mazziati perché…..” evasori”.
    Siamo arrivati ad oggi e anche con questa iniziativa della CGIL, che sembra meritoria…..perché vorrebbe dare ai migranti la possibilità di parlare magari con i parenti ed amici…invece si traduce nell’ennesima porcata contro gli italiani poveri, disoccupati,pensionati al minimo etc…etc…..etc….
    I razzisti rossi ci sono ed eccoli qua. Perché si disinteressano dei poveri italiani ????
    Quando sarà possibile veder i bilanci dei sindacati ???
    Perché gli ex ” comandanti dei vari sindacati del passato se la passano molto bene e vivono in case di lusso o da gran signori ??? Loro che avrebbero dovuto essere i difensori dei lavoratori.
    Lo schifo continua, la puzza aumenta e prima o poi arriverà la ruspa a far pulizia !!!!
    WSM

Lascia un Commento