MOLGORA: RICORSO RITIRATO, MA TAGLIAMO I VITALIZI AI PARLAMENTARI

di REDAZIONE

Il presidente della provincia di Brescia, Daniele Molgora, parlamentare della Lega Nord, ha ritirato il ricorso che aveva presentato contro il taglio ai vitalizi. Lo ha annunciato in una conferenza stampa, aggiungendo di aver pronta una proposta di legge che prevede il versamento di un contributo di solidarietà del 30% da parte di tutti coloro che oggi percepiscono il vitalizio; si tratterebbe di circa 3200 senatori e deputati. «Se ne potrebbero ricavare circa 70 milioni di euro, da destinare ai fondi per la cassa integrazione» ha spiegato Molgora. «Si tratterebbe di un intervento vero per la riduzione dei costi della politica, non fasullo nè ridicolo come è stato fatto recentemente» ha aggiunto.

“Come ho sempre detto”, ha spiegato Molgora, “quello definito dal governo è un finto intervento, che di fatto – toccando poche decine di posizioni – comporta un risparmio di soli 3 milioni di euro all’anno. Per questo ho deciso di depositare una proposta di legge che aggiunge un contributo di solidarietà del 30 per cento su tutti i vitalizi, compresi quelli già in essere. In questo modo il risparmio si aggirerebbe sui 70 milioni di euro all’anno (su un totale di 320). Più dei soldi che si vorrebbero ‘guadagnare’ con il taglio delle Province (65 milioni). Con questa somma”, ha continuato, “ci potremmo pagare la cassa integrazione a zero ore per 7mila persone”.

“Per quanto riguarda il mio ricorso”, ha chiarito il presidente del Broletto, “vorrei sottolineare che la lettera con cui l’ho ritirato porta la data di fine febbraio. In queste settimane ho letto numerose notizie che parlavano di out out che mi sarebbero stati posti. Tengo a precisare che non ho ricevuto alcuna comunicazione al riguardo dai vertici del partito. Ho ritirato il ricorso semplicemente perché credo non sarebbe stato coerente con la mia iniziativa”. Ma sulle parole di Maroni – che lo aveva criticato duramente – la replica di Molgora è stata sferzante. “E’ stato forse il miglior ministro degli Interni italiano”, ha risposto, “ma oggi non riveste alcuna carica all’interno della Lega: parla a titolo personale”. Ancora, il numero uno di Palazzo Broletto – sollecitato dai giornalisti – non ha mancato di dire la sua sul clima difficile in casa Lega. “Il momento è complicato per tutti”, ha spiegato, “credo che il Carroccio, in questa fase, debba ritrovare la sua concretezza e che tutti debbano attenersi al ruolo che sono chiamati a svolgere, con umiltà. Troppa gente”, ha concluso, “si è permessa di rilasciare dichiarazioni come se fosse il segretario nazionale o federale del partito”.

Print Friendly, PDF & Email

Related Posts

2 Comments

  1. GIORGIO says:

    CHE SIA LA VOLTA BUONA !! MA SPERIAMO, IO SONO ANCORA SCETTICO. E’ COMUNQUE PUR SEMPRE UNA FARSA, MA SENZA FINE. LE SOLUZIONI ORMAI LE CONOSCONO ANCHE I BAMBINI, MA NON C’E’ NIENTE DA FARE, TUTTI GLI ALTRI BAMBINONI CHE CI GOVERNANO, NON NE VOGLIONO PROPRIO SAPERE, ASPETTANO PAZIENTEMENTE LA FINE DEL BEL PAESE, PER POI SCAPPARE COL MALLOPPO. SEMBRA INVEROSIMILE MA SAPPIAMO BENISSIMO CHE MOLTE FAMIGLIE SONO GIA’ FALLITE, DI QUESTO, GLI ITALIANI COL PARAOCCHI NON NE VOGLIONO SAPERE, IMMAGIANIAMOCI POI CHI CI GOVERNA. EBBENE NON CI TOCCA CHE ASPETTARE, NON POSSIAMO FARE ALTRO.

  2. molgorel says:

    Molgora al posto di Bossi, subito!!!!!!!!!!!! Bianchi Clerici a Rai Parlamento subito!!!!!!!!! Maroni a Brescia subito!!!!!!!!!!!!! Calderoli a cag…subito!!!!!!

Leave a Comment