Mister Ikea uomo più ricco di Svizzera. E il patrimonio cresce ancora

di REDAZIONE

Mister ‘Ikea’ resta l’uomo piu’ ricco residente in Svizzera, Paese che conta 137 miliardari (in franchi svizzeri) secondo l’ultima classifica annuale dei Paperon de’ Paperoni realizzata dalla rivista economica elvetica Bilanz/Bilan.
In Svizzera, osservano gli autori dell’inchiesta , la ricchezza delle 300 persone piu’ facoltose e’ aumentata nel 2012 ed ha raggiunto secondo le stime 560 miliardi di franchi svizzeri (quasi 456 miliardi di euro), 16 miliardi in piu’ rispetto al 2011.
Come negli anni scorsi, in vetta alla classifica c’e’ Ingvar Kamprad, (86 anni), il fondatore del gigante svedese del mobile e dell’arredamento Ikea, con un patrimonio stimato a 38-39 miliardi di franchi (31-32 miliardi di euro), tre miliardi in piu’ rispetto allo scorso anno. Al secondo posto c’e’ il ‘re della birra’, Jorge Lemann, svizzero-brasiliano, con 17-18 miliardi di franchi, in crescita di quasi 10 miliardi rispetto al 2011. Figlio di un imprenditore caseario dell’Emmental, emigrato in Brasile, ha visto la sua fortuna crescere di 9 miliardi di franchi (7 miliardi e mezzo di euro) in un anno, grazie al consistente aumento delle azioni del leader mondiale della birra InBev, di cui detiene il 15 per cento. Lemann vive una parte dell’anno sulle rive del lago di Zurigo, secondo Bilan. Al terzo posto figurano le famiglie Oeri e Hoffmann, eredi dell’impero Roche (16-17 miliardi).
La rivista elvetica – in edicola oggi – sottolinea infine l’entrata di tre nuovi miliardari: Lily Safra, la vedova del banchiere Edmond Safra partita da Monaco per stabilirsi a Ginevra, Claude Dauphin, cofondatore del numero tre del trading di petrolio Trafigura ed il saudita Mohammed Elkhereiji, tornato a Ginevra e la cui fortuna si aggirerebbe intorno ai due miliardi di franchi.

 

 

Print Friendly, PDF & Email

Recent Posts

4 Comments

  1. FrancescoPD says:

    Chi ni si da un limite resta sempre un miserabile.

    Almeno Bill e Melinda Gates fanno beneficenza, come pure Soros e Baffet… di questo non ne ho mai sentito parlare, tranne che delle sue performance miliardarie e dei licenziamenti a manetta come succede in ceri centri Ikea della lombardia.

    • Luca says:

      Leggere di persone con patrimoni miliardari può fare innervosire, ma del resto quei soldi se li sono guadagnati onestamente, e in ogni caso c’è poco che si possa fare: se ponessimo un limite alla ricchezza che uno può possedere, nessuno si metterebbe più a fondare grandi aziende, e chissà quante innovazioni non avverrebbero mai. Comunque questo Kamprad ha ben 86 anni, e quindi non può che essere vicino al momento in cui tutti i soldi di questo mondo perdono valore…

      • Culitto Salvatore says:

        quei soldi tanto onestamente non li ha fatti, come lui stesso ha dichiarato tempo addietro (dopo essere stato ovviamente “sgamato”) non ha fatto soldi vendendo fiammiferi come per un paio di decadi ci voleva far credere, li ha fatti con gli aiuti dei nazisti dei quali era collaboratore (faceva parte del Nysvenska Rorelsen) e con i soldi degli ebrei, di certo una brutta bruttissima parentesi per il magnate svedese che per lavare tal macchia ha aperto centri in bangladesh, india, vietnam, dove i suoi amati dipendenti lavorano 80-90 a settimana ricevendo salari ricchissimi, in india 37 euro al mese, in bangladesh 11 euro, in vietnam 40, insomma i vietnamiti gli costano troppo ma il suo incredibile amore per il prossimo e per i bisognosi lo porta ad elargire tali ingenti somme a persone che se no non arriverebbero con altri lavori a fine mese, così riescono almeno a non arrivare a fine settimana

        • Culitto Salvatore says:

          mi viene in mente a tal proposito anche il caro amatissimo patron della microsoft bill gates che in una convention proponeva la sterilizzazione in massa dei popoli non americani perchè intaccavano il loro stile di vita e perchè ormai su questo pianeta siamo diventati in troppi… sta gente andrebbe appesa per le palle al campanile della città

Leave a Comment