Milano 2012: nel terziario ha chiuso 1 azienda ogni 20 minuti

di REDAZIONE

“Alla politica non chiediamo una passerella di astratta solidarietà, ma un impegno su temi concreti che riguardano tutti”. Lo ha scritto in una nota Adalberto Corsi, vicepresidente vicario di Confcommercio Milano Lodi Monza Brianza, in occasione della Giornata di Mobilitazione di Rete Imprese Italia. “Le imprese – prosegue Corsi – sono in grande difficoltà e vogliono affrontare in modo deciso la crisi economica. A Milano, Lodi, Monza Brianza (elaborazioni su dati della Camera di Commercio di Milano) nel 2012 ha chiuso nel settore del terziario un’impresa quasi ogni 20 minuti e nel commercio al dettaglio il volume d’affari ha registrato una flessione del 5,6%. I temi di fondo evidenziati durante la mobilitazione sono stati fisco, credito, lavoro, burocrazia e infrastrutture. Problemi che riguardano concretamente anche il territorio di Milano, Lodi, Monza e Brianza, ma Corsi ha citato, in particolare, la tassazione locale “che in alcuni comuni si è aggiunta pesantemente alla fiscalità generale; agli affitti onerosi per le attività commerciali e ai problemi della speculazione immobiliare; alla necessità delle imprese di avere più credito e un mercato del lavoro agile e flessibile; al problema delle infrastrutture che ancor di più in Lombardia sono necessarie in vista di Expo 2015”.

Print Friendly, PDF & Email

Related Posts

One Comment

  1. drago says:

    Peggio vi deve succede ancora di peggio….
    Cari padani dovete andare per stracci e dovete ringraziare la Lega che in tutti questi anni non ha fatto un c…..o anzi ha fatto … ha votato tutte le leggi a favore di Berlusconi per salvarlo infischiandosene delle riforme e dell’economia.
    per far ripartire le aziende.

Leave a Comment