Migranti, Francia all’Italia: teneteveli. Noi rispediamo quelli che dobbiamo mantenere

di CASSANDRAventimiglia

Avete sottoscritto il trattato di Dublino, per cui quelli che arrivano sono tutti vostri? Bene, che cosa pretendete allora? Firmato dal centrodestra e dal governo Berlusconi-Lega, Dublino va superato ma per arrivarci vattelapesca…. Ecco allora cosa replica, in punta di diritto, la Francia, dopo il caos di Ventimiglia.

“Le regole di Dublino devono essere rispettate. Quando i migranti arrivano in Francia sono passati in Italia e sono stati registrati là, la legge europea viene applicata e ciò significa che devono essere riportati là”. Lo ha dichiarato il ministro dell’Interno francese, Bernard Cazeneuve, all’emittente Bfm Tv, facendo riferimento alla situazione dei migranti alla frontiera vicina a Ventimiglia. “Non hanno il diritto di passare e devono essere gestiti dall’Italia”, ha aggiunto. Centinaia di migranti sono fermi alla frontiera tra Italia e Francia, sul mare, e ieri il premier Matteo Renzi ha chiesto un cambio delle regole.

Cazeneuve ha aggiunto che circa 15mila migranti sono stati respinti nel 2014 e che il numero quest’anno è aumentato in modo deciso, dopo che ha ordinato che i migranti per motivi economici fossero rimandati nel Paese di arrivo. “Ciò va fatto per garantire l’accoglienza ai rifugiati”, ha detto. “Ci deve essere una politica ferma”, ha aggiunto.

Print Friendly

Articoli Collegati

2 Commenti

  1. Roberto Porcù says:

    Eppure i migranti sono una risorsa. Anziché arrestare tanta gente buona ed altruista a Roma e dintorni, la Magistratura doveva lasciarli liberi assicurandosi il loro impegno a viaggiare per tutta l’UE organizzando conferenze riservate per spiegare come ricavare utili dal loro numero.

    • Dan says:

      In un mondo dove i soldi crescono sugli alberi, sicuramente ma in questo caso gli alberi sono la ue e di riflesso i suoi cittadini: evidentemente non sono tutti così ben disposti a contribuire a differenza dei cachi nostrani

Lascia un Commento