Migranti, affare in mano a pochi

19emigranti-partono-da-Genova

di MARCELLO RICCI –  Che è la bontà? Tralasciando il significato religioso secondo il dizionario Treccani: “Essere buono; carattere di chi è d’animo buono e gentile, e particolarmente. di chi, sensibile alla sorte degli altri, cerca di procurare loro tutto il benessere possibile e di evitare tutto ciò che li può fare soffrire”.

Purtroppo luci e ombre in tutti i campi, a volte si alternano o si confondono. Bontà e buonismo perfettamente esemplificabili con le manzioniane figure di fra Cistoforo e di don Abbondio.
Nell’affrontare la tragedia dell’immigrazione di massa si vedono molti don Abbondio e nessun padre Cristoforo.
Sono accolti quelli che fuggono dalle guerre che divampano nei loro paesi e quelli che dicono di avere nulla da mangiare. Sono i migranti economici, la maggioranza, quasi tutti. Loro fuggono e le guerre non terminano o cessano finiscono quando il dittatore di turno prende il potere. Nasce uno stato canaglia. Le canaglie agiscono secondo la loro natura, le guerre tribali continuano, la fame cresce e le fughe in massa si moltiplicano e corre il dubbio che siano incentivate. Come gli sciacalli vanno a rubare nelle case terremotate, alcune grandi corporazioni d’affari, d’accordo con il dittatore di turno da loro stesse aiutato, prendono quanto quelle terre nel suolo e sottosuolo hanno di buono. Il buonismo dell’accoglienza a prescindere, è il lievito del disordine mondiale. Nato, Onu, Caschi blu et similia, a che servono?
Hanno solo il compito di consumare denaro e assicurare posti di potere e di prepotenza?
Nei “ Cara “ c’è qualcuno che raccoglie informazioni dai fuggiti sulla situazioni esistenti dai paesi da cui provengono?
Esiste un coordinamento che focalizza le situazioni dette e preordina interventi internazionali di bonifica con le armi dell’economia e anche con azioni militari?
Chi a qualsiasi livello accerta situazioni pericolose destabilizzanti l’ordine mondiale ha il dovere di organizzarne la bonifica. 
Corrono fiumi di denaro, per salvare per assistere, per mantenere veri o presunti profughi… è forse questo l’unico, vero circuito che torna utile a molti?
Possibile che gli scafisti non siano sistematicamente catturati e i mezzi che usano sequestrati ?
E’ questa di fatto  una stretta collaborazione tra guardie e ladri.
L’ONU che ruolo ha? Il parlamento europeo non ha nulla da dire? Il G8 ,  ora G7 non è interessato? E’ più importante aver isolato Mosca perché ha difeso la sua integrità territoriale che concordare interventi per risolvere un problema epocale.
Sorge il lacerante dubbio che TUTTI, chiese incluse in questo sporco affare ci sguazzino bene e lo usino come valida leva per muovere l’economia mondiale.
Nel detto si potrà pure trovare una venatura fantasiosa e surreale, ma si deve spiegare come i potenti della terra che si riuniscono per l’economia, per il clima, per gli inquinamenti, rifuggano dal trattare questo tema.
Non sarà che il fenomeno migratorio é “cosa loro”, è l’affare del secolo  prezioso  per creare la razza unica mondiale uniformata e gestita per gli scopi dei pochi eletti?
 Non è fantasia, già oggi la ricchezza mondiale è di pochi e questi vogliono ancor più concentrarla? Se non avranno una vita eterna terrena, cosa se ne faranno?
 
Print Friendly, PDF & Email

Recent Posts

Leave a Comment