Merkel riuscirà dove Hitler ha fallito. Ma senza armi…

di SANDRO MIGOTTO

Dove Hitler ha fallito… probabilmente ci riuscira’ la Merkel. Dopo due guerre mondiali perse, dopo una costosa riunificazione con la parte Est, la Germania si ripropone, forte della sua potenza economica, all’assalto dell’Europa. Hitler, come dice un mio caro amico, ha semplicemente avuto fretta. Avrebbe potuto tranquillamente essere stato padrone dell’Europa se manteneva il patto di non belligeranza con la Russia e non provocava gli Stati Uniti d’America. Non entro nel merito delle immonde leggi razziali promulgate dal terzo Reich etc. La favola che la maggioranza del Popolo tedesco non approvasse o non sapeva è vergognosa (in Italia sotto il fascismo e’ successo anche di peggio… ancor oggi viene fatta passare la fiaba che l’Italia sia stata liberata dai partigiani, ma questa e’ un’altra storia…).
Ordunque siamo arrivati al 2012, alle dichiarazioni di qualche giorno fa della Merkel: ”Serve l’unione politica dell’Europa”. A chi serve? Serve alla Germania. Di fatto negli ultimi anni ha allungato le mani su tutte le nazioni disponibili e ora soggette agli indirizzi economici dei tedeschi (Austria, Slovenia, Croazia, Olanda, Rep. Ceca, Belgio). Per altri Stati si profila una sorta di Protettorato, peraltro gia’ in parte imposto dalla Merkel stessa, con la cessione di parte della sovranita’ nazionale gia’ avvenuta, che interessa i Paesi PIIGS (Italia, Portogallo, Irlanda, Spagna, Grecia), imponendo tagli drastici, tassazioni che possiamo definire tranquillamente vessazioni.
Se qualcuno pensa che i tedeschi paghino i debiti italiani, si sbaglia di grosso. Diventeremo succursali della Germania, la quale imporra’ le proprie merci, la propria politica; noi (con gli atri stati satellite, altro che Unione Europea…) dovremmo sorbirci  ovvero pagare tutte le nefandezze compiute dalle banche negli ultimi venti anni, nonche’ probabilmente il debito pubblico Tedesco. Ecco quale e’, a mio avviso, il vero ruolo di Monti e Draghi. I traghettatori al soldo della Germania verso una completa vendita dello Stato Italiano alla Germania.
La Gran Bretagna, che ha la vista lunga e storicamente non e’ mai stata in sintonia con la Germania, si e’ ben guardata dall’entrare nell’Euro, d’altro canto potremmo definirla il 52° stato degli USA. Infine la Francia, terrorizzata, in quanto ben comprende quanto sta succedendo e che non ha la forza economica e politica per contrastare la Germania, ma l’ex grandeur, verra’ anch’essa assorbita dalla Germania.
Quindi, a mio avviso si prospetta la piu’ grande vittoria militare della Storia  in assenza di manu militari. Da quel giorno, non la chiameremo piu’ UNIONE EUROPEA, ma Quarto Reich. In compenso, nel giuoco del pallone…e questo interessa a molti Italiani, siamo piu’ forti.

Print Friendly, PDF & Email

Related Posts

38 Comments

  1. aussiebloke says:

    Interessante leggere che la “Gran Bretagna” [in realta’ si deve intendere il Regno Unito] sarebbe il 52esimo stato USA. Mi piacerebbe sapere qual e’ il 51esimo.

  2. Castagno12 says:

    Rispondo alla replica di migotto sandro – 11.7.12 at 9:50 pm.

    Lei è abituato a scrivere a ruota libera e gl’insulti che ha vomitato indicano che Lei è privo di argomenti: non mi poteva contestare nulla.

    Maurizio Blondet non è mio amico, non lo conosco personalmente. Nessuno ha mai smentito il contenuto del libro che ho citato. Blondet indica sempre le fonti delle informazioni che fornisce.
    Invece le Sue fonti sono: “Come dice un mio caro amico” !

    Lei, che si considera informatissimo, doveva darci (i lettori hanno dei diritti) una smentita almeno su un punto da me indicato. Invece, silenzio !

    L’username è consentito quindi la Sua osservazione La squalifica..

    Non so di quale Movimento o Iniziativa veneta Lei sia a capo.
    Comunque, il Suo livello culturale e la Sua maleducazione spiegano perchè Roma mantiene ancora, ben saldamente, i suoi piedi sulla nostra testa.
    Con esponenti come Lei, vanno via tranquilli.

    • sandro Migotto says:

      insulto quando sono provocato e quando so che mi sto relazionando con un castagno 12. essere squalificato da te non mi crea alcun problema. Vada lei a Roma con la sua educazione ed ottenga la liberta’.

      non faccio parte di alcun partito politico indipendentista….loro si che hanno le palle!!!!!!!! come e quasi quanto te.

  3. mercanzin marco says:

    Scusate, ma perchè fare una questione di morale, quando si tratta “solo” di economia e di storia?
    Caro Migotto, ti leggo volentieri e spesso condivido quanto sostieni, ma credimi, la storia ufficiale la scrivono i vincitori, ed essa non corrisponde obbligatoriamente alla verità.
    Castagno ti ha solo riportato dei fatti che ormai sono consolidati in molti storici contemporanei.
    Riguardo alla germania attuale, non dobbiamo ne demonizzarla ne idolatrarla.
    Essa infatti non ha fatto nulla ne per essere l’aguzzina d’europa, ne per essere la pagatrice d’europa.
    Basta attendere l’autunno o i primi dell’anno prossimo, perchè anch’essa, esaurito il suo compito, cada fra le fila dei pigs.
    Quello che nessuno considera mai, è che il mercato che consente un saldo positivo nelle partite correnti, cioè l’export, è quello intraeuro, cioè noi, gli altri pigs, + la francia etc etc.
    Bene.
    Massacrati questi mercati, anche per la germania comincerà la via crucis. In più, essa subirà le conseguenze dell’esposizione bancaria (quindi debito privato) causata dai prestiti effettuati dalle sue banche ai paesi deboli, per permettere che essi acquistassero i suoi beni.
    Prestiti effettuati grazie al surplus di esportazioni ottenuti dalle aziende tedesche, tramite l’effettiva svalutazione del marco al momento dell’entrata in vigore dell’euro.
    Quindi, come nelle due guerre mondiali, vengono usate le caratteristiche dei tedeschi, grandi teste dure, per massacrare l’europa, ma essi non sono registi, ma solo attori e comparse, tanto quanto noi.
    La regia è sempre la stessa, come sempre gòli stessi sono coloro che ci guadagnano.
    Ricordo a tutti che la germania dal 2000 al 2003 ha sforato tranquiilla mente il patto di stabilità europeo, finanziando le sue imprese, mentre a noi dal primo prodi in poi, ci hanno massacrato con l’austerità. Infatti, dal 98 fino al 2007il nostro rapporto debito pil è passato dal 138% al 110%, sempre elevato, ma avete presemnte cosa voul dire 18 punti di debito sul pil sottratto all’economia attraverso tasse e tagli?
    Inoltre, qualcuno doverbbe informarsi sulla precarizzazione del lavoro in germania, in quanto non esistono solo i dipendenti volkswaghen, ma anche una moltitudine di aziende in outsourching che garantiscono forniture alla stessa, ma con stipendi da 700 / 800 euro al mese.
    Qualcuno sa che il governo tedesco, in accordo con i sindacati e gli imprenditori, al contrario della nostra cassa integrazione a fondo perduto, ha detto alle sue parti sociali:
    fate lavorare 30 ore alla settimana i vostri dipendenti, dategli lo stipendio congruo a quelle ore, e per arrivare alle 35 settimanali, i soldi ce li metto io.
    Qualcuno lo sa che la spesa pensionistica non viene calcolata quando si definisce il debito pubblico tedesco?
    Qualcuno lo sa che la spesa sanitaria in germania, essendo in capo ai lander, non vie ne inserita nel calcolo del debito pubblico?
    Qualcuno lo sa che la nostra tanto vituperata spesa sanitaria è al quinto posto in europqa dopo francia,germania, inghilterra, austria?
    Che diventare indipendenti da roma smettenso di regalarle un 80 miliardi l’anno0, sottratti alle nostre imprese, ai nostri disoccupati, ai nostri anziani, ai nostri figli, sia un imperativo assoluto, non c’è ombra di dubbio, ma bisogna altresì capire le ragioni di una crisi determinata da un assalto criminale alla ns sovranità monetaria e politica, altrimenti, un veneto libero, ma inconsapevole, cadrebbe nelle stesse mani.

    • sandro Migotto says:

      caro Mercanzin, Ti ringrazio di questa Tua. Io non do’ e lo ho scritto oramai ad nauesam alcun giudizio di merito. Non scrivo da nessuna parte se e’ giusto o non giusto quello che penso io stia accadendo. molto semplicemente.

      Se Lei ha letto altri miei articoli sapraì che sono un indipendentista (parlo di indipendenza del Popolo Veneto) , delle altre genti italiane non mi importa un bel nulla, pertanto mi vien da ridere quando leggo (non il suo) certi commenti.

      Ho un’eta’ che non mi concede piu’ di accettare passivamente provocazioni o cazzate gratuite. Giusto, essendo in un giornale accettare critiche come le Sue… anche se non le condivido affatto. Ingiusto che un minus qualsiasi nascosto dietro un PC possa offendere gratuitamente o farti sembrare un idiota.

      Ripeto, io non sono un intellettuale, un giornalista, non sono pagato per quello che scrivo; la redazione di questo giornale e il Direttore Marchi decisono se pubblicare o meno. E tanto mi basta.

  4. Gino (AT) says:

    Consiglio caldamente questo video del tedesco dott. Rath molto illuminante e pertinente al post oltre a quanto ho postato prima:

    http://www.youtube.com/watch?v=J7IYq8JOP_c

  5. Gino (AT) says:

    Consiglio di leggere questo documento con la dovuta attenzione perchè fa quadrare molte cose:

    http://progettomayhem.blog.tiscali.it/2009/09/26/le_corporation_che_finanziarono_hitler_2010026-shtml/?doing_wp_cron

  6. Castagno12 says:

    Signor Migotto, il Suo caro amico, riguardo al comportamento e alla strategia di Hitler, non Le ha fornito informazioni esatte e complete.
    E se Lei si fosse informato, sarebbe stato meglio.

    Dal libro di Maurizio Blondet, “Schiavi delle Banche”, editore Effedieffe, sintetizzo.
    Hitler disponeva della Banca di Stato, si stampava marchi nella misura suggerita dalle necessità della Germania..
    La fretta, erroneamente attribuita a Hitler, l’avevano gli altri Stati che vedevano minacciato il loro sistema di emissione di valuta a debito, impossibilitato a reggere la concorrenza dei tedeschi.

    Hitler ha preso il potere nel Gennaio 1933.
    Il 6 Settembre dello stesso anno, la comunità ebraica di New York celebrò un rito di maledizione, detto cherem.
    Messe in atto le modalità richieste, il rabbino B. A. Mendelson pronunciò la formula di scomunica:
    ” …. a partire da oggi ci asterremo da qualunque commercio di materie prime provenienti dalla Germania. Saremo vigilanti per quanto riguarda l’uso di merci tedesche …. La validità di tale decisione durerà fino alla fine del regime di Hitler; allora il cherem avrà la nostra benedizione”.
    Specialmente gli USA (e altri Stati condizionati dai banchieri) tenevano una pistola finanziaria puntata alla tempia dell’economia tedesca, avevano molta premura di stroncare il dittatore.

    Il Suo amico e gl’italiani “illuminati” (i politici e i cittadini “pecore”) dovrebbero stamparsi nella testolina questo concetto:
    “L’emissione di valuta da parte dello Stato è una scelta a favore del popolo, NON E’ UNA PROVOCAZIONE”.

    Non sto difendendo Hitler, ma semplicemente un sistema finanziario adottato attualmente dai Paesi emergenti, che se non avessero la Sovranità Monetaria, non potrebbero neanche tentare di emergere !

    La Germania, perso ll conflitto, ha dovuto subire l’imposizione delle Banche private azioniste della Bundesbank: l’attuale emissione di valuta a debito spiega le attuali difficoltà dei tedeschi che non hanno risorse per salvare gli altri popoli, inqualificabili ed irresponsabili.

    Fornire delle informazioni sbagliate significa indirizzare al fallimento strategie, obiettivi e azioni (ammesso che siano stati messi in atto).
    Se non si vogliono indicare i reali problemi che ci stanno distruggendo, è meglio tacere. Diversamente si provocano anche dei commenti patetici e fuorvianti
    Un po’ di attenzione, prego !

    • migotto sandro says:

      il suo amico Maurizio Blondet non e’ Dio. Ci sono altre verita….e’ innegabile quanto ho scritto in premessa che a lei piaccia o no. Secondo me Lei ha una testolina piccola piccola e di caz.. poi uno che si firma castagno 12 e’ da ricovero immediato.

  7. oppio 49 says:

    chissà mai che il lombardo veneto, insieme o con due identità separate, non diventi un lander della germania federale. sempre meglio crucchi che nordafricani.

    • sandro Migotto says:

      Il veneto e la Lombardia, come gia’ ho commentato sotto, nulla avrebbero da invidiare alla Germania, semmai vale il contrario…purtroppo ad oggi Roma ci tiene legati… O indipendenti o sotto i tedeschi sempre meglio di questa merda

  8. Marty says:

    Dopo attente riflessioni, l’unica cosa che posso dire è:

    Se proprio la mia Lombardia non deve essere indipendente, allora comunque tanto meglio la Germania dell’italia.

    Salücc!

  9. renzone says:

    La Merkel fa bene il suo mestiere, a differenza dei farabutti patentati di Roma che a quanto pare hanno ricominciato a grugnire affamati con le bave alla bocca sentendo che Monti tra non molto lascerà.
    Invece che lamentarsi dei tedeschi sarebbe meglio dare meglio una occhiata ai nostri conti e rasare a più non posso, non c’è che l’imbarazzo della scelta.
    Il pensiero di andare a votare mi fa venire i conati di vomito, quello si, specie ora che ho sentito che quello coi tacchetti si ricandiderà…roba da non credere, mi sembra di vivere in un film horror.
    Iddio ce ne liberi!

  10. Pao says:

    Questo articolo mi fa ribrezzo.

    Non solo il parallelo, che va oltre l’allusivo, a Hitler-Merkel, é assolutamente offensivo, fuorviante e di pessimo gusto, ma bisognerebbe conoscere la Germania per rendersi conto che la signora Merkel fa benissimo a fre quello che fa.
    Anzi, auguro a Frau Merkel di tenere duro e di non cedere agli stati spreconi-piagnoni da terzo mondo come la ben nota penisola.
    Quindi sto dalla parte della Signora Merkel e della Germania.

  11. lory says:

    ma siamo sicuri che questa europa riuscirà ad uscire indenne da questa crisi ? io penso di no ! e quindi saranno dolori anche per la Germania e i suoi prodotti, chi vivrà vedrà.

  12. Trasea Peto says:

    -el debito talian no xe sta fato dai tedeski
    -se ghe xe pi dipendenti publici ke privati no xe colpa dei tedeski
    -se ghe xe pi forestai ke albari no xe colpa dei tedeski
    -se un apalto publico costa 3 olte de quéo ke’l costa in Jermania o in Spagna no xe colpa dei tedeski
    -se co’l Colosseo o l’Arena de Verona I xe boni de far debiti da milioni de euro anca dopo ke I se fà pagar l’entrata e I fà manifestasion guaìve, no xe colpa dei tedeski
    -se el Stato magna na pasùa de skei par farse beo regaeando caxe, stipendi e posti de laoro publici ai ultimi rivai no xe colpa dei tedeski
    -se par ogni monada te ghe da far na pasua de carte, ndar in vanti e indrio tra un Ente e st’altro ke no se capise gnanca tra de lori, pagar na pasua de skei, spetar un mucio de tenpo e sperar ke no I se incapee, no xe colpa dei tedeski
    -etc…

  13. sandro Migotto says:

    vorrei precisare una sola cosa, poi mi taccio.Nell’articolo, non do’ alcun giudizio di merito se e’ giusto o meno quello che penso stia succedendo. Non ho alcun dubbio che le reponsabilita’ dell’Italia siano enormi…spalancate una porta aperta…… Di fatto, siamo in default. La classe politica italiana e’ da processare in toto. Di fatto, la Lombardia ed il Veneto, nulla avrebbero da invidiare alla Germania, se fossero indipendenti. Quanto alla mia scrittura, perdonatemi. Non sono un giornalista, nemmeno un intellettuale, scrivo quello che penso e se il Direttore Marchi ritiene di pubblicare tanto mi basta. Scusatemi per gli errori di ortografia.

  14. andrea'65 says:

    Suggerirei ai commentatori di approfondire le vicende che portaorono alla IIa guerra mondiale;
    Hitler un demente? Si dal caso che sia membri della famiglia Winsdor, sia la lobby americana capeggiata da J.P.Bush ( padre e nonno di 2 presidenti) con finanziatori come Rockfeller,Dupont,Warburg,JP Morgan, hanno aiutato Hitler a riarmare la Germania, e anche il movimento Sionista ne fu alleato/complice per le politiche di NON-INTEGRAZIONE degli ebrei tedeschi.
    E’ vero che l’opinione USA era contraria ad entrare nel conflitto, come nel 1917, ma grazie all’attacco giapponese, di cui qualcuno era a concoscenza, anzi ha fatto in modo che avvenisse, si è avuto il casus belli.
    La Germania nazista prima di arrendersi ha venduto bene la sua pellaccia ( quanti industriali tipo Thyssen sono rimasti al loro posto cambiando solo il nome) per questo sono rinati economicamente,l’Italia si è arresa senza condizioni, quindi sono state affossate le ns. miglior realtà economiche-industriali, tranne quelle dei traditori, verificate quante bombe hanno colpito la FIAT dopo il ’43.
    ” il Reich tornerà a dominare l’Europa, ma non con le armi ma con il Marco ” ( travestito da € aggiungo).
    Profezia di gerarca nazista poche settimane prima della caduta di Berlino, fatta ad un summit tra Gerarchi ed Industriali che pensavano al dopo Hitler.

  15. Luca says:

    Quindi i tedeschi starebbero ricostituendo il terzo reich perchè sono più bravi degli altri europei? Perchè lavorano megio e di più, perchè tengono i loro conti in ordine e perchè hanno politici mille volte più onesti di quelli di paesi come l’Italia o la Grecia? Questa invidia nei confronti della Germania è insopportabile. I tedeschi se ne sarebbero stati volentieri per i fatti loro; l’ingresso nell’euro è stato il prezzo da pagare per ricevere l’ok all’unificazione da parte dell’europa. E se la Merkel chiede “l’unione politica dell’Europa” è perchè ritiene inaccettabile che in certi paesi mediterranei si sprechino miliardi e si mantengano milioni di parassiti contando poi sul fatto che a pagare il conto siano i fessacchiotti tedeschi. Altro che nazismo, i tedeschi non vogliono diventare la Lombardia d’Europa, e direi che hanno perfettamente ragione.

    • Pao says:

      Concordo perfettamente il pezzo di Luca.

      In più: dire a un tedesco che é come Hitler – oggi – é la peggiore delle offese. Figuriamoci dire a una Signora, per di più onesta e seria come la Cancelliera tedesca, che é “come Hitler”!

      Vuol dire non conoscere minimamente la Germania.

      Magari avessimo anche noi una Merkel!!!

      • sandro Migotto says:

        oncordo perfettamente. le leggete attentamente, non do’ alcun giudizio di merito. Mi acconto di osservare e cercare di capire. Detto tra noi, il Veneto indipendente e la Lomabradia indipendenti nulla avrebbero da invidiare alla Germania. Ma purtroppo siamo legati al carro romano. Purtroppo non solo non abbiamo una Merkel, non abbiamo soprattutto la dignita’, la disciplina, e l’onore del grande Popolo tedesco.

  16. Sandavi says:

    pf… per quanto non mi siano simpatici i tedeschi, la semplice verità è che la politica dissennata italiana ha sperperato le risorse del Paese con il dilagare del lavoro nero, della grande evasione, della corruzione, della nullafacenza. E questo a tutti i livelli.
    La colpa non è della Germania ma dell’Italia, come della Grecia, come della Spagna e del Portogallo. Nazioni che hanno molto in comune quanto a corruzione e mala-gestione della cosa pubblica.
    E dopo aver sperperato tutte le nostre risorse ed esserci indebitati fino al collo, ci stiamo comportando come il nipote scapestrato e sfaccendato che si presenta alla porta dello zio ricco chiedendo soldi.
    E’ la favola della cicala e della formica. Noi la cicala che passa l’estate al sole a cantare Basta ca ce sta ‘o sole /
    ca c’è rimasto ‘o mare / na nénna a core a core / na canzone pe’ cantá. Ma finita la pacchia e arrivato l’inverno guardiamo dalla finestra la formica che se la gode e abbiamo pure la presunzione di dire che è colpa sua.
    Si studi la storia: la Germania, schiacciata dalla guerra si è risollevata come potenza economica in pochi decenni, diventando indipendente dagli aiuti. Noi salvati dagli americani, ci siamo risollevati, ma non abbiamo mai imparato a camminare con le nostre gambe.
    Mi dispiace dirlo, ma spesso siamo un popolo di accattoni, che campa sull’elemosina di altri paesi. Avidi, arraffoni e spreconi, sempre buoni a dare la colpa agli altri, al governo, alla pioggia, all’arbitro che non ha visto il rigore. Mai che sentissi uno qualsiasi dire: la colpa è nostra! ce ne siamo approfittati per anni, abbiamo campato sulla corruzione, sui favoritismi, raccomandazioni e ora dobbiamo pagare il conto!

    • gioave68 says:

      lei parla di Italia e Germania come nazioni, senza definire e dividere le responsabilità, mi sovviene che mentre i politici tedeschi si guardavano intorno , i politici italiani cercavano di rimanere galli del loro pollaio…..e facevano scappare le imprese, perchè le imprese sono scappate sa! che poi guarda caso molte imprese fanno capo a politici e’ un piccolissimo dettaglio…..

  17. domenico says:

    Vivo in Germania da circa quattro anni e devo dire che il costo della vita mi sembra inferiore rispetto all´italia.
    Gli stipendi sono in media del 30% piu´alti e i servizi offerti dallo stato ai cittadini sono molto molto buoni
    ( sicurezza , sanita´, trasporti , istruzione ……).
    Sono contento di pagare le tasse perche´ ricevo in cambio servizi efficenti .

  18. Sabrina says:

    Mah! io che vivo in Germania non ho questa sensazione. Mi sembra solo di lavorare per pagare le tasse. Da quando non c’è più il DM i prezzi son volati alle stelle. Certo che di castronerie in Italia, da giornalisti (?) ignoranti, sulla Germania ormai se ne sentono a bizzeffe. Ma perchè invece di continuare a fare propaganda spicciola e a dare la colpa della vostra situazione agli altri, non vi fate un bell’esame di coscienza e sopratutto non iniziate a informarvi?

  19. Dino says:

    Se Hitler non avesse rotto il patto di non aggressione con l’Unione Sovietica lo avrebbe fatto Stalin, C’è una larga documentazione sul fatto che l’Unione Sovietica si stava preparando a farlo quando è stata attaccata. Quanto agli USA la guerra è Stata dichiarata da Hitler per ottemperare al patto tripartito dopo che gli americani erano stati attaccati dai giapponesi a Pearl Harbour, se il Giappone non avesse attaccato, probabilmente gli USA non sarebbero neppure entrati in guerra, c’era una forte corrente neutralista negli USA, e forti motivi economici, non ultimo quello degli investimenti fatti in Germania, per cui gli industriali americani non vedevano di buon occhio la possibilità di andare a bombardare le loro fabbriche in Germania. La Merkel fa gli interessi del Suo Paese, cosa che pochi nel dopoguerra hanno imparato a fare qui, facendo invece solo i propri e vendendosi ora a questo ed ora a quello straniero, (come è stato largo costume della maggior parte della nostra storia passata del resto) per interessi personali o codardia. Quanto all’Inghilterra la vista lunga l’ha sempre avuta, combattendo ora questa (Francia) ora quella (Germania) potenza in grado di egemonizzare l’Europa. Il British Empire è nei fatti l’unico erede dell’Impero Romano e applicatore pratico e diretto del loro principio “Divide et impera.”

    • Max says:

      La vera storia non si legge nei libri scolastici, ma nei testi o giornali dell’epoca. Sappiate che coloro che hanno finanziato la prima e la seconda guerra mondiale sono le medesime società che oggi hanno creato la crisi finanziaria ed economica.Guadagnano sempre due volte, la prima per distruggere la seconda per ricostruire.

      Hanno finanziato gli Stati Uniti e la Germania al tempo stesso. Finanziano le elezioni presidenziali americane e vincono sempre, perchè i soldi arrivano ad entrambe i candidati finali.

      Obama è un loro burattino, il cui compito è di generare la 3 guerra mondiale, camuffata da una missione di pace..
      meditate con la vostra testa e non con ciò che vi propongono i nostri media..

  20. Andrea s. says:

    Mai letto tante parole a vanvera come queste… e pure scritta male. Se questa è una sua idea personale, va bene. Se vuole essere un’analisi sociologica del momento, è consigliabile studiarsi l’italiano, essere più informati e meno qualunquisti di come lo farebbe Vendola.
    Andrea S.

    • Maxx says:

      per Andrea S : “scritta male” si sarebbe dovuto scrivere al plurale, ovvero “scritte male”
      …. almeno l’italiano “SALLO”… a Venexia i ghe diria “che soppa” !!!

  21. GianPiero says:

    Speriamo che tutto ciò avvenga molto presto!!!

  22. un essere umano says:

    sinceramente l’ho sempre detto…questi di oggi sono molto peggio di hitler..lui faceva schifo ma almeno era coerente..non si nascondeva dietro scuse..era semplicemente un malato di mente a cui quasi tutti hanno dato ascolto..il xchè è il solito vecchio problema della razza umana…vigliaccheria pura e semplice..paura di tutto ciò che è diverso o che potrebbe portare a un cambiamento(stiamo così tanto male già adesso..xchè rischiare che vada peggio?) e un bisogno irrefrenabile di scaricare sempre su qualcun altro le responsabilità..oggi invece viviamo nel mondo dei fumetti..sorrisi a 50000 denti davanti..rassicurazioni dichiarazioni d’amicizia e poi…a casa nel classico castello tetro su di un cucuzzolo sempre oscurato dal temporale pianificano la nostra fine(anche se ultimamente non nascondono tanto bene quello che pensano)..la domanda è..i “cattivi” da fumetto li abbiamo ma…e le controparti?dovremmo essere noi o mi sbaglio?bhe io super poteri non ne ho(a parte una capacità incredibile di dire assurdità)xò se siamo abbastanza e iniziamo finalmente a ribellarci secondo me qualcosa possiamo fare..ah già..vigliaccheria paura dei cambiamenti e bisogno di scaricare la colpa su qualcun altro..solita vecchia storia

  23. Diego Tagliabue says:

    Da quando c’è l’Euro, in Germania sono aumentati solo i prezzi.

    Stipendi: dimezzati.
    Stato sociale: più che dimezzato (Hartz VI).

    La Germania è la Loombardia d’Europa, che paga e paga e paga per il mezzogiorno d’Europa, che esige il vaglia incondizionato, dopo aver sperperato le proprie risorse e dopo aver vessato i propri popoli contribuenti (soprattutto Lombardi e Veneti), per “finanziare” sprechi, una PA grossa come un dinosauro, malvesazioni ecc.

    La Germania è il Paese contribuente nr. 1 (= paga malti di più di quanto riceva) nella UE, nell’ESFS e nell’ESM, più del doppio della Francia, Paese contribuente nr. 2.

    Se la cicala è fallita, non è colpa della formica!

    Comunque, proprio i Tedeschi hanno bloccato l’ESM (vaglia per gli scrocconi cronici) presso la corte costituzionale tedesca, la quale ha dichiarato che occorreranno mesi per un giudizio in merito a questa decisione irreversibile e in una questione così delicata.

    Con l’ESM deciderebbe Bruxelles a chi sarebbero da destinare i soldi dei contribuenti tedeschi.

    Quindi, signor, Migotto, la smetta con le cazzate di Hitler ecc., perché il problema è proprio Fallitaglia, eterna cicala e (spero finalmente) fallita per colpa sua propria.

    È come dire che la Sicilia mantenga la Lombardia.

    • migotto sandro marco says:

      il mercato, sior Tagliabue, un ampio nuovo mercato senza concorrenza, Ti basta? quando sara’ distrutta l’economia del Nord e non manca tanto, i nipoti di Htler imporranno le loro merci. Non e’ complicato da capire. le basti andare a vedere come era composto il PIL tedesco e quello Italiano il giorno prima dell’entrata in vigore dell’Euro comparato a quello odierno…. Le cazzate le scrivi Tu.

Leave a Comment