Merkel: basta con la politica di fare sempre nuovi debiti

di ALTRE FONTI

”Bisogna finirla con la politica del ‘fare sempre nuovi debiti”‘: lo ha ribadito Angela Merkel a Monaco a una manifestazione elettorale del partito cristiano sociale Csu. Per la cancelliera i nuovi debiti rubano ai figli e ai nipoti la chance di formare il proprio futuro. Non si puo’ vivere facendo pagare il conto a chi verra’ dopo, ha aggiunto. Merkel ha poi ricordato l’impegno dell’ex ministro delle Finanze Theo Waigel (Csu) per un patto di stabilita’ in Europa che impedisse a ciascuno proprio d’indebitarsi a piacimento.

da agenzia ANSA

Print Friendly, PDF & Email

Related Posts

55 Comments

  1. Diego Tagliabue says:

    Devo ancora ricordare, che Theo Waigel non voleva i PIGS nell’Euro e che i PIGS hanno truffato gli altri?

    La Germania è la LOMBARDIA D’EUROPA e paga cifre esorbitanti, per arginare il debito delle cicale: 270 miliardi (di 500) nel fondo EFSF e 190 miliardi nel MES. Paga anche il doppio dei contributi del secondo Paese (ancora) contribuente, cioè della Francia.

    Anziché prendersela con i Tedeschi (la cui politica è condivisa da TUTTA L’EUROPA CENTRO-NORD), i PIGS dovrebbero fare solo una cosa: IMPARARE!

    Uno Stato, che può avere soldi freschi al 2% o al 3% di interessi sui titoli di Stato, non fa debiti, ma introduce il FRENO DEL DEBITO (Schuldenbremse) per Bund e Länder. Questa legge completa quelle della costituzionalità della legge finanziaria (1949) e della stabilità economica da modello neoclassico-austriaco (1968).

    Fallitaglia, invece, continua a ragliare.

  2. Roberto Porcù says:

    Io so che le imprese e tutta l’economia di mercato stanno soffrendo e coloro che dipendono da rendite pubbliche a qualunque livello se la passano sempre meglio.
    Lo stato deve tagliare i suoi costi e diminuire prebende e stipendi in modo massiccio per poter alleviare la tassazione e ridare competitività alle imprese.
    Poiché si tratta di malfattori, i tagli li faranno invece ai servizi ai Cittadini più indigenti.
    Poi arriverà il fallimento e la resa dei conti.

  3. Marco Mercanzin says:

    In questo caso non c’entra mmt o partita doppia.
    Ho voluto solo evidenziare che la Germania ha calpestato per prima i contratti europei, insieme alla Francia.
    E per molti anni, accumulando un vantaggio i debito nei confronti degli altri paesi.
    Questo sono fatti.
    Come sono fatti che imbroglia sul l’ammontare del suo debito e sul costo dei suoi titoli.
    Fatti non opinioni.
    Riguardo al fatto che l’Italia abbia imbrogliato per entrare, lo denunciava già Pagliarini nel 98 , e lo si sapeva benissimo:
    allora se si sapeva perché i tedeschi ci hanno fatto entrare lo stesso ? Forse che sapeva o che una moneta rigida gli avrebbe avantaggiato, svalutando di fatto il loro Marco ?
    Per il resto, caro Pento, le cose che ora stanno accadendo sono state esattamente previste dagli economisti che tu ora dileggi, e già dal 96.
    Che altro vi occorre per smetterla con i moralismi da 4 soldi e aprire gli occhi ?
    Fidenato, nessuno parla di stampare moneta a gogo, ma solo in cambio di beni e servizi reali.
    Prima di criticare una cosa, almeno cercate di capirla.

    • Alberto Pento says:

      Marco ,stanpar skei en canvio de beni e servisi reali xe robar, robare el sparagno de ki ke gà suà, fadegà e sagrefegà par metar da parte calcosa.

      Robare!

      Stanpar skei ente sta manera xe robare a li poareti.

      La Merkel la gà tira le recie a la so xente e la ghe ga dito de molarghela a far debiti ke li va a robarghe la vita a li fioli e a li nevodi … e la ga dito ben.

      Mi no so talian, a so veneto e se ghe fuse na goera tra la Talia e la Xermagna me metaria da la parte de la Xermagna!

      En Xermagna la xente la ga pì creansa e ghè manco ladri, manco parasidi e manco fanfaroni.

      Dio salve la Xermagna cor de l’Ouropa.

      http://img805.imageshack.us/img805/5919/cantadelaxoia.jpg

      Costa xe l’oltima volta ke dialogo co ti Marco, so sto spasio web.

      • Marco Mercanzin says:

        Par mi te podevi anca far de manco de scumisiare.
        Vista £a ignoranza in materia che te dimostri.
        Se un governo che impone una moneta, quella moneta non la emette per primo, tu che moneta usi ?
        Svenate. Io non ce l’ho con i tedeschi, popolo che ammiro, ma con i bugiardi tedeschi e italiani che per incularci ci raccontano balle.
        Te vujo ben comunque. 🙂

  4. Trasea Peto says:

    Tedeschi mangia-crauti maledetti, noi abbiamo il sole, Totò, li maccheroni, la pizza e Alberto Bagnai, Paolo Barnard e Eugenio Benetazzo che salveranno l’economia italiana. Loro sono il Verbo che si è fatto carne.

  5. Albert Nextein says:

    Se non capisco male i debiti tedeschi vanno e fanno bene.
    I debiti altrui sarebbero un male assoluto da vietare.
    Personalmente a me i debiti pubblici non stanno mai bene, perché ricadono sulle proprietà, e i risparmi dei popoli.

    Se la merkel aborrisce il debito statale e pubblico, allora perché non fa delle proposte sulla base delle indicazioni che vengono dalla scuola economica austriaca?
    Da applicarsi negli stati aderenti all’europa.
    Ci sono le elezioni in settembre in germania.
    Barcamena fino ad allora.

  6. Tito Livio says:

    La Germania, terra promessa dei lavoratori, contribuenti, imprenditori di tutto il mondo:
    http://vocidallagermania.blogspot.it/2013/05/salari-da-fame-alla-daimler.html

    Un reportage della ARD accusa il gruppo Daimler di impiegare tramite un contratto d’opera manodopera a basso costo. Lavorano sulla stessa linea di montaggio accanto ai dipendenti Daimler – ma guadagnano meno della metà. L’azienda evita di rispondere alle domande.
    …Di fatto Daimler finanzia la produzione delle sue auto di lusso con il denaro dei contribuenti.
    ….
    E questo è veramente discutibile: il contribuente tedesco ogni anno deve pagare 8.7 miliardi di Euro affinché persone come „Jürgen“, che guadagnano con un lavoro a tempo pieno 991 € netti al mese (1.220 € lordi), debbano ricevere 1.550 € di sussidio da parte dello stato. Soprattutto se le imprese annunciano nuovi bilanci con profitti record.

  7. Diego Tagliabue says:

    MMT = Weimarer Republik 2.0 = Iperinflazione

  8. Diego Tagliabue says:

    Theo Waigel propose già nel 1992 un’Eurozona senza PIGS (la famosa Europa a due velocità).

    I PIGS non furono costretti a entrare nell’Eurozona e avrebbero pututo accettare la propostadi Waigel. Invece, gli diedero del “razzista” e del “nazista”.
    Poi, aiutati dalla Goldman Sachs (altro che “signoraggio tedesco”!) truccarono i loro conti pubblici, per lasciarsi alle spalle la loro carta da culo supersvalutata.

    I PIGS mandarono a Bruxelles FAX SCRITTI A MANO come conti pubblici e, non appena si sollevò un’obiezione, fecero il “coro antirazzista”, imponendo di fatto la fiducia nei loro conti taroccati.

    Oggi, i PIGS dicono di essere stati imbrogliati… IPOCRISIA DA TERRONI D’EUROPA!

    • Fabrizio says:

      Mentre la Germania, che appare sempre come la Nazione che si è fatta da se, i bilanci non li tarocca proprio e fa di meglio : 260 Mld. di Euro di buco nelle sue banche regionali, che però molto abilmente non compaiono affatto nei bilanci dello Stato. E’ come la merda che si meraviglia del badile

  9. Diego Tagliabue says:

    Hallelujah, Angie! Fatti un bel giro in Fallidagghia, regione per regione! Poi vedrai che ti vien voglia di chiudere subito il rubinetto per i PIGS.

  10. Tito Livio says:

    Le solite pagliacciate merkeliane: basta debito! senza considerare che la mitica Germania ha fregato i vicini con le politiche di metà anni 2000, più deficit, più debito pubblico, più stato sociale, senza considerare il credito facile concesso dalle banche tedesche a Paesi come Spagna, Portogallo dcc.

    • Alberto Pento says:

      Padoan no te se gnanca coel ca te dixi e gnanca te ghè el corajo de firmarte col to nome e cognome.
      Ma sito n’omo o on pajàso?

      En Xermagna li lavora tuti o scoaxi, li laora bene e li ciàpa skei.
      Ghè manco farabuti, ladri, porçei, parasidi e laxaroni ke ente la penixla talega endove ke ghè l’eredetà pì granda de li romani.

      • Tito Livio says:

        Eccolo li! vai caixine cerca di raggiungere le vette poetiche di raixe! offese, moralismo fine a se stesso e tanta comicità.

  11. Luca says:

    Ecco il solito Mercanzin impegnato nella sua eroica battaglia con i mulini a vento, armato solo di MMT.
    Domanda: ma se il 99,99% degli economisti ritiene che la MMT sia una teoria assurda (per usare un eufemismo), non ti sfiora il dubbio che magari sia assurda per davvero? Non è che sarebbe il caso di dare più credito ai nobel per l’economia che non a Paolo Barnard?

    • Tito Livio says:

      Ecco adesso dimmi cosa caspita c’entra la MMT? cioè si critica un tedesco, un francese, la nozione per cui stampar moneta = inflazione ecc ecc e secondo lei basta buttar tutto in MMT ? si informi le cose non sono così semplici.

      • Luca says:

        Mi riferivo al commento di Mercanzin quando scrive “Studiare i saldi settoriali in macroeconomia, no eh ?” , chiaro riferimento alle teorie della MMT, a cui lui fa riferimento come se godessero di qualche credito tra gli economisti (e tra le persone di buon senso).

        • Marco Mercanzin says:

          Vedi caro figliuolo, il fatto e’ che quello che la mmt dice , non sono cose nuove.
          Sono teorie che hanno un secolo, e ora si dimostra che sono corrette.
          Che a te piaccia o no la sovranità monetaria e’ fondamentale per un democrazia, e poter emettere moneta senza doversi indebitare con i privati, e’ un diritto di una comunità di cittadini liberi.

          • Leonardo says:

            Sono cose così vecchie da essere derise nel loro fallimento pratico 🙂

            • Marco Mercanzin says:

              :). Dai su Facco , non diciamo baggianate, se vuole un confronto nessun problema.
              Ma non dica cose ne non esistono.
              Il fallimento e’ quello che obbliga gli stati a finanziarsi sul mercato. Un assurdo.

          • Luca says:

            La moneta viene già emessa senza indebitarsi con nessuno. Quello che fai tu è un minestrone di teorie del complotto sul signoraggio e MMT.

            • Marco Mercanzin says:

              Ah ho capito.
              Praticamente tu sostieni che gli stati aderenti all’euro ricevono moneta senza indebitarsi ?
              Dimmi quello che hai fumato, così lo evito.
              🙂

  12. Marco Mercanzin says:

    Bugiarda !!!!
    Ma se dal 2000 al 2003 proprio loro hanno sforato il patto che ora difendono. !!!
    Culona bugiarda.
    Inoltre loro il debito lo intestano ai lander, sfuggendo così al rapporto debito PIL .
    Ma possibile che non esista un giornalista che gli chieda conto di queste balle ?????
    Oltre a truccare le aste dei loro bond facendo intervenire la loro cassa depositi e prestiti !!!!

    L’Italia e’ putrefatta e andrebbe sterilizzata con il napalm, ma distruggere la ns ( veneto, lombardia, piemonte, etc etc ) economia, per dare retta ai crucchi, che fanno solo i loro interessi, e’ da pazzi.
    Comunque basta aspettare qualche mese, e anche la Germania andrà in recessione, e allora daranno la colpa ancora di piu’ ai maiali del mediterraneo , e giù ancora austerità e recessione.
    Mentre intanto l’Italia e’ il maggior contribuente netto ( percentualmente alla popolazione) dell’Unione europea, e mentre con il fondo del MES stiamo pagando i debiti che le banche tedesche e francesi hanno concesso ai piigs, incautamente, per finanziare il loro export, e contribuendo a gonfiare delle bolle finanziarie.
    Culona, le tue banche sono stracotte e fallite già da tempo, e tenti di rientrare delle maialate che avete combinato, imbrogliando e speculando.

    • Alberto Pento says:

      Varda ke la Merkel la parlava a la so xente e no la se riferiva a le çigale de l’Ouropa, ma a li memi todeski.
      La ga mile olte raxon.

  13. Fidenato Giorgio says:

    Corretta affermazione della Merkel. Infatti nel programma elettorale del partito Forza Evasori era scritto a caratteri cubitali che lo stato, al contrario di un privato, non poteva fare più debiti (se non in rarissime e circoscritte circostanze)e tutto ciò che faceva doveva essere finanziato con le tasse.

    Ovviamente per molti italiani la colpa della nostra situazione che stiamo vivendo è colpa delle Germania!!!!

    Autocritica mai!!!

    • Marco Mercanzin says:

      Uno stato A moneta sovrana non si indebita con nessuno.
      Solo con l’euro e con il finanziamento tramite titoli di stato sul mercato, uno stato e’ costretto ad indebitarsi.
      Per un paese a moneta sovrana, il “debito” dello stato corrisponde alla ricchezza dei cittadini.
      Studiare i saldi settoriali in macroeconomia, no eh ?
      E vai con i complimenti alla Merkel !!!!!
      Roba da matti !! !!!!!

      • Alberto Pento says:

        On stado co skei sorani el se endebeta co li so çitadini e se nol paga ghe rimete li so çitadini viventi perdendo el sparagno o el poder de cronpa o i fioli ke rivarà dapò.

      • Alberto Pento says:

        I debiti li paga li çitadini viventi o coeli ke rivarà.
        Cosa dixito Marco, la Merkel la gà mile olte raxon.

      • Fidenato Giorgio says:

        Caro Mercanzin, la tua conoscenza della moneta e del sistema monetario è praticamente a zero. Perché un paese a moneta sovrana come lo Zimbawe è fallito? Perché un paese come l’Argentina, a moneta sovrana, è sull’orlo del fallimento? Perché l’Italia degli anni da bere, a moneta sovrana, era quasi giunta al fallimento? Ancora: se lo stato può creare la moneta a go-go, perché lavorare? Se hai bisogno di un chilo di pane, basta stampare un euro e magicamente andiamo a comprare il pane. Quando capirai che i debiti riguardano impegni di scambio economici e non finanziari? Hai mai studiato la partita doppia?
        Che poi la Germania non sia altro che un paese spendaccione e che si indebita come un altro, sono d’accordo con te. Tutti gli stati sono dei criminali che inguaiano gli individui che vivono all’interno dei loro confini.
        Che la Germania sia una spendacciona più o meno come un altro stato è pure vero. Ma due torti non fanno una ragione.

        Condivido però il principio della culona: basta debiti accesi in mio nome.

        • Tito Livio says:

          Si certo mettiamo un po’ d’oro, argento e mirra e siamo a posto! così non c’è più la maledetta inflazione che è data scientificamente dallo “stampar moneta”….continuiamo a credere alle barzellette austriache che andremo lontano.

          • Alberto Pento says:

            Stanpar skei fora mixura xe robar ai vivi, ai morti e a coeli ke gavarà da nasare.
            Padoan no sta far l’ebete!

            • Tito Livio says:

              E sentiamo tu in base a che conoscenze parli? no spiegami dai..

              • Trasea Peto says:

                Bagnai no lo vedo ben gnanca sapar l’orto.

                Se te sì uno serio te podarìsi stanparte i skei proprio co serve, ma ai saltroni sarìa da cavarghei dae man i skei. El Stato italian cata i skei daa zente ke laora, ma se la zente no laora da dove saltei fora i skei. La credibiità del Stato italian dipende da come funsiona l’industria e l’artijanà ke laora e fà girar skei drento i confini de Stato italian. Se l’industria e l’artijanà xe mal ciapà ki ga meso skei in bot cct, etc taca farse 2 conti in scarsea. El mondo dei sogni de Bagnai xe beo se no existese altri Stati, altre tipo de skei, altre economie. Lu pol scumisiar stanpar skei guaivo, ma se se rivarà ke mi go da tirar fora na pasua de skei par cronpar un qualsiasi roba fata fora dai confini de Stato(par exenpio el pc dove sò drio scriver) eora la me vien su el famoro.

                • Marco Mercanzin says:

                  E vai con le carriole di banconote per comprare il pane !!!!!
                  Gli stessi discorsi che fanno i tecnocrati europei, quelli che ci hanno messo in questa situazione.
                  Usare un po’ il cervello no eh ???

                • Tito Livio says:

                  Caro peto, almeno non dire che l’ha detto Bagnai…lo dicono in tanti solo che nell’iddaglia periferia dell’ano di un cammello morto passano solo altre robe. Hai una visione molto semplice della questione ti consiglio di approfondire perchè i miti sono belli (da credere) ma non sempre sono realtà.(nazi quasi mai).

Leave a Comment