Meno commercianti fissi e più ambulanti. Più pesce e gioielli, meno carne

di REDAZIONE

Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nel 2011 si contavano oltre 1,6 milioni di esercizi commerciali, in aumento solo dello 0,36% rispetto al 2010 e dell’1,12% rispetto al 2009. Il numero complessivo di esercizi commerciali registrati nel corso del 2011 sembra però destinato ad un ridimensionamento considerevole nel 2012. I dati del primo semestre dell’anno, infatti, rilevano un andamento negativo con oltre 3.500 esercizi commerciali in meno rispetto allo scorso anno.

Entro il 2012 chiuderanno i battenti quasi 7.000 punti vendita in sede fissa. La flessione ha interessato in modo particolare l’area relativa al piccolo dettaglio e alla grande distribuzione che, secondo i dati dell’Osservatorio Nazionale del Commercio, nel primo semestre del 2012 ha registrato una riduzione di oltre 5.000 punti vendita. Secondo gli studi e le previsioni di Link Lab, il Laboratorio di ricerca socio-economica della Link Campus University, inoltre, entro la fine del 2012, vi sarà una ulteriore diminuzione degli esercizi commerciali che afferiscono al settore del piccolo dettaglio e della grande distribuzione con quasi 2.000 esercizi in meno rispetto al primo semestre del 2012 per un totale quindi di quasi 7.000 punti vendita in meno rispetto al 2011.

Crisi del piccolo dettaglio: il settore non-alimentare quello più penalizzato ma informatica e TLC non conoscono crisi. Il piccolo dettaglio è il canale di vendita che soffre maggiormente tra gli esercizi commerciali in sede fissa. L’andamento negativo si rende evidente già nel 2011 quando si assiste ad una modesta contrazione del numero di esercizi commerciali, pari a circa 700 unità in meno rispetto al 2010. Tale riduzione peraltro ha riguardato prevalentemente l’area non alimentare che ha perso 512 unità a fronte di 217 esercizi commerciali in meno registrati nell’area alimentare. La flessione registrata nel 2011 nell’area non alimentare ha riguardato in modo particolare il settore relativo a mobili e articoli per la casa che nel 2011 conta oltre 650 unità in meno rispetto al 2010, e il settore tessile che scende del 2,9% con 623 esercizi commerciali in meno.

A fronte però del declino di  alcuni settori dell’area non alimentare ci sono alcune componenti che non soffrono la crisi e che, anzi, continuano a crescere nonostante la recessione. È il caso del settore dell’informatica e delle telecomunicazioni – si pensi alle lunghe file degli ultimi giorni per l’acquisto dell’iPhone 5 – che cresce del 2,6% con 387 attività commerciali in più rispetto al 2010, e quello degli elettrodomestici con 276 esercizi in più aperti nel corso del 2011. Segnale fortemente positivo per il settore dei medicinali che 362 attività in più rispetto al 2010.

Meno carne ma più pesce e più gioielli: la forbice economica e sociale si allarga sempre di più. Il calo più consistente nell’area alimentare si registra per il settore della carne che scende dell’1,9% con oltre 600 unità in meno rispetto al 2010, seguito dal settore dei prodotti da forno e della confetteria che perde 270 punti vendita. Segno positivo, invece, per il settore del pesce che vede 103 unità in più rispetto al 2010 e per quello dei tabacchi che cresce del 2% con 629 esercizi in più rilevati nel 2011. In controtendenza anche il reparto degli articoli di gioielleria che cresce di 249 unità, quello delle calzature e degli articoli in pelle con 186 punti vendita in più e, infine, il settore relativo a piante e animali domestici che sale con 164 esercizi commerciali in più rispetto al 2010.

Piccoli ambulanti crescono: entro la fine dell’anno +3,7%. Il commercio ambulante ha conosciuto una crescita considerevole negli ultimi anni registrando nel 2011 un incremento del 3% rispetto al 2010. Il primo semestre del 2012 ne conferma la tendenza: si registrano infatti oltre 2.000 ambulanti in più rispetto al 2011. A guidare il comparto è il settore dell’abbigliamento e dei tessuti che registra, nei primi sei mesi dell’anno, 47.246 attività, 1.851 in più rispetto al 2011, seguito dal settore di articoli generici che ne conta 44.634, ovvero 1.734 esercizi in più rispetto allo scorso anno. In calo, invece, il settore alimentare che vede 197 ambulanti in meno. Sempre secondo le previsioni di Link Lab si assisterà ad una ulteriore espansione del commercio ambulante che crescerà, entro la fine del 2012, del 3,7% rispetto al 2011. ≪Tale aumento – dichiara Nicola Ferrigni, docente di sociologia della Link Campus University e direttore di Link Lab – può con molta probabilità ricollegarsi ai significativi vantaggi economici per il commerciante che intende avviare un’attività commerciale in quanto potrà beneficiare del considerevole abbattimento dei costi di gestione di un esercizio in sede fissa. La diretta conseguenza è la riduzione dei prezzi di vendita, la quale a sua volta stimola una risposta positiva da parte degli acquirenti, alle prese con il difficile compito del risparmio in un momento di gravi difficoltà economiche per l’intera popolazione≫.

 

Dalla teoria alla pratica: i vantaggi dell’e-commerce. Entro la fine dell’anno +24% gli esercizi commerciali online. Il commercio via Internet è senz’altro il settore che ha trainato l’intero comparto del commercio alternativo a negozi, banchi e mercati. Nei primi 6 mesi del 2012 il numero di esercizi commerciali dediti all’e-commerce è stato di 10.169, in aumento del 10,2% rispetto al 2011 quando gli esercizi commerciali online ammontavano a 9.228, il 18,9% in più rispetto al 2010. ≪Secondo le nostre stime – continua Nicola Ferrigni – entro la fine del 2012, il numero degli esercizi commerciali online continuerà a crescere attestandosi a +24% rispetto al 2011. L’e-commerce appare oggi una risposta strategica alla crisi economica, in grado di coniugare le esigenze dei commercianti e quelle dei consumatori.  La riduzione dei costi di gestione e lo snellimento della catena burocratica risultano oggi gli importanti vantaggi che stimolano e appoggiano lo slancio imprenditoriale verso questo canale di vendita innovativo, oggi più che mai apprezzato dai consumatori. La crescente penetrazione di Internet e dei diversi dispositivi di accesso tra le famiglie italiane, nonché la pianificazione della giornata tipica del cittadino postmoderno che vede la progressiva riduzione del tempo libero a disposizione, hanno senz’altro incoraggiato nuove abitudini di acquisto nei consumatori che oggi sempre più si rivolgono alla Rete apprezzandone la  possibilità di confrontare prezzi e prodotti e soprattutto i prezzi più competitivi. Il decalogo quasi teorico dei vantaggi del web – conclude il direttore di Link Lab – trova quindi finalmente attuazione concreta anche per gli italiani.

Italia a macchia di e-commerce. Gli esercizi commerciali che utilizzano Internet come canale di vendita prevalgono in misura maggiore nelle regioni del Nord-Ovest con 2.816 esercizi registrati nel 2011 a fronte dei 2.374 esercizi nel Sud e nelle Isole, dei 2.230 del Centro e  dei 1.808 del Nord-Est.

Print Friendly, PDF & Email

Related Posts

4 Comments

  1. Giobbe says:

    Compro quel che mi pare, dove mi pare, quando mi pare e da chi mi pare!

    Non ho debiti con nessuno. pago regolarmente subito!

    Non mi sento vincolato al prodotto nazionale, regionale, locale, a km 0 !

    Se lo trovo conveniente per qualità e prezzo, compro anche da un boscimano !

    I commercianti italiacani si sono fatti ricchi alle spalle di noi consumatori, moltiplicando i prezzi al dettaglio !

    Così facendo rovino l’economia nazionale ?

    Palle, è lasciando mano libera ai commercianti che si è rovinata l’economia nazionale !

    Cosa faranno i nostri figli ?
    Se non impareranno a lavorare e produrre nel mercato libero e globale, senza protezionismi né ricatti, andranno al servizio degli Yanomami o degli Uiguri: sempre meglio dei Bellerioni !

    • ingenuo39 says:

      Provate a chiedere a un pensionato o un lavoratore da 700-800 € al mese con famiglia e figli a carico se non la pensa così, se dice di no, vuol dire che è un bugiardo.

    • Roberto Porcù says:

      @Giobbe – hai ragione – suppongo che tu gli acquisti degli alimentari li faccia in negozi gestiti da cinesi dove si vendono pacchetti e scatolette con scritte in cinese, senza la data di scadenza (verificato personalmente) e senza tutti quegli adempimenti e vessazioni alle quali sono sottoposti i commercianti italiani. Buon pro’ ti faccia.

      Ti ricopio una poesia di Bertolt Brecht

      Wenn es zum marschieren kommt, wissen viele nicht
      dassihr feind an ihrer spitze marschiert.
      Die stimme, die sie kommandiert
      ist die stimme ihres feindes.
      Der da vom feind spricht
      ist selber der feind.

      Al momento di marciare molti non sanno
      che alla loro testa marcia il nemico.
      La voce che li comanda
      é la voce del loro nemico.
      E chi parla del nemico
      é lui stesso il nemico.

      Vedi di capire cosa causi quei prezzi che trovi troppo alti.
      Vedi di capire chi sia il tuo nemico.

  2. FeLa says:

    Gli alimentari non confezionati sono anni che li compero solo dagli ambulanti, prodotti migliori, freschi di giornata.
    Gli esercizi commerciali fissi allungano solo la filiera commerciale con ricarico diretto al consumatore, meno ce ne sono, meglio è.

Leave a Comment