Meglio tardi che mai. Il Belgio espelle gli stranieri poco integrati

belgio2Il diritto di soggiornare in Belgio per gli immigrati non europei d’ora in poi sarà subordinato alla firma di una dichiarazione di adesione ai valori fondamentali del Paese, dalla libertà di espressione al rispetto delle donne, inclusa la lotta al terrorismo. Altrimenti ci sarà il rimpatrio. E’ la stretta ‘identitaria’ decisa dal governo belga di destra, sull’onda degli attacchi terroristici della settimana scorsa, e spinta dal segretario alla migrazione Theo Francken del partito dei nazionalisti fiamminghi della N-va. Le tensioni a Bruxelles sono palpabili, e dopo i disordini degli hooligans la città ha deciso di vietare la manifestazione di sabato del movimento anti-Islam Génération identitaire.

Approvato alla velocità della luce poco più di una settimana dopo la strage terroristica ad aeroporto e metro, il progetto di legge – che deve però ancora ottenere l’avvallo del Parlamento federale – prevede che ogni “nuovo arrivato” in Belgio da fuori Ue che abbia l’intenzione di stabilirvisi, debba entro 30 giorni sottoscrivere una sorta di ‘contratto’ con lo Stato sul rispetto di valori e regole, e di impegno a imparare una delle tre lingue del Paese, a trovare un lavoro e a pagare le tasse.

Rispetto della libertà di opinione, culto, associazione e orientamento sessuale, ma anche l’uguaglianza tra uomini e donne, gli obblighi nei confronti dei figli, oltre alla lotta al terrorismo sono i valori chiave menzionati nella lettera. In particolare, su questo ultimo punto, si chiede ai nuovi arrivati di “fare ovviamente tutto il possibile per prevenire e notificare alla polizia” qualsiasi tentativo di attentare alla vita altrui. Sarà l’Ufficio degli stranieri a verificare la firma e, con modalità ancora da definire, il rispetto di quanto sottoscritto. Altrimenti la persona si vedrà bloccare la procedura d’immigrazione. L’obbligo di firmare questa lettera si applicherà solo ai ricongiungimenti familiari e ai migranti economici, non agli studenti né ai richiedenti asilo in quanto sarebbe contrario alla Convenzione di Ginevra.

Intanto le tensioni sociali a Bruxelles salgono, e dopo il divieto arrivato da polizia e sindaci alla manifestazione anti-Islam a Molenbeek organizzata dagli estremisti francesi di Génération identitaire, è lo stesso movimento che ha chiesto ai propri simpatizzanti di astenersi accusando di “codardia” la decisione delle autorità. E lanciando un avvertimento: “La gioventù non potrà restare eternamente muta. Génération identitaire, a Molenbeek come altrove, non ha ancora finito con gli islamici”. Sintomo della situazione difficile che vive Bruxelles in questi giorni, anche il risultato di un sondaggio: da dopo gli attentati 3 persone su 10 evitano i luoghi pubblici, un dato che sale a 1 su 2 per gli intervistati di fede musulmana non solo per la paura di nuovi attentati ma anche per il rischio di aggressioni xenofobe.

Print Friendly, PDF & Email

Recent Posts

One Comment

  1. luigi bandiera says:

    Proprio vero, anzi, verissimo.
    Fatto benissimo i belgi… e i nostrani..?? Aspettano un centinaio di morti per muoversi..?
    Chi glielo dice mo a sti ritardatari (per non dire altro) che il TEMPO E’ SCADUTO come negli alimenti..??
    Dopo e’, sarebbe, troppo tardi.
    Pero’ se i morti sono dei parenti loro, facciano pure con comodo. Calma ne’…
    Ma la va cosi’ come la vediamo, se non starnazza uno che conta specie la sua gran paga, non succede nulla. Anzi. Si va avanti alla via cosi’, direbbe un capitano di lungo corso perche’ sa navigare. Momento, gia’ se e’ uno che conta a dire che bisogna fare cosi’ o cola’ non si fa, immaginate che lo dica uno che non conta un niente…
    E proprio l’altro giorno lo disse uno che conta appunto che siamo in guerra e cosi’ dai e’ vero: siamo in guerra. Col senno di poi sono davvero tutti bravi.
    Non aggiungo altro per non arrabbiarmi ulteriormente.
    Salam

Leave a Comment