Maternità, sempre osteggiata. Altro che politiche per la nascita

BAMBINIdi MARCELLO RICCI – Difendere i diritti delle donne è un sano principio. Conquistata la parità dei sessi, si deve porre attenzione alle peculiarità del genere femminile. Quali sono i diritti esclusivi delle donne? Maternità e aborto.L’aborto è una conquista civile che ha avuto vita difficile perché contrastante con la sacralità della vita La 194 è legge dello stato , non si discute e nessuno vuole rivederla. Le donne sono libere di usufruirne.
  La maternità è sempre il cardine del futuro di un popolo, ma è lo è maggiormente in un momento storico di strumentali migrazioni di massa da terre ricche verso stati civilmente più evoluti. 
Nel momento in cui il rapporto tra bare e culle volge a favore delle prime, ci si deve interrogare. Considerando che il genere umano cresce e i globo terrestre non può aumentare, la denatalità potrebbe essere correlata a leggi naturali non scritte e non controllabili, tese ad mantenere un giusto indice di antropizzazione. E’ un discorso ecologico valido, ma se ai principi che esprime, si oppongono patologiche migrazioni di massa . Il problema ha una valenza negativa, che nessun malinteso principio di accoglienza può avallare. La principale difesa per la conservazione della specie, per non finire come gli Indiani d’America è riempire le culle con neonati italiani. I bambini costano e sopratutto per questo il saldo tra bare e culle è negativo. Con le bare diminuiscono i pensionati, col le culle aumenta l’infanzia. Asili nido, scuole, impianti sportivi e tanto altro per traghettare i neonati alla maturità. Servono risorse e se si deve aumentare il debito già pesante è giusto farlo. E’ l’investimento migliore e negli anni darà frutti.


Purtroppo,per un contratto, il debito salirà per finanziare i nullafacenti per atavico retaggio che da sempre sono sul libro-paga della parte produttiva che ha la disgrazia di dover finanziare il meridione inguaribile parassita. Il  fine giustifica i mezzi . Quale è il fine? Consolidare il dominio di Roma ladrona? Finanziare il meridione? Uniformare il costume nazionale al nordico rigore?
Sogni o realtà possibili? Strategie , speranze , programmi difficili, ma non impossibili. Al momento mafia, ndrangeta, camorra si sono infiltrate  il Padania . fanno il loro mestiere, ma i Popoli padani non vogliono fare la fine della guida che per soccorrere l’alpinista inesperto in difficoltà finì con lui nel baratro.
Non è noto se i 5stelle siano in buona fede e se solo l’inesperienza li porti a finanziare soggetti non qualificati, refrattari alla disciplina e adusi a interpretare ogni roba secondo convenienza. Dove sono nello stivale i centri di formazione? Dove le agenzie per il lavoro ? Dove  è il lavoro?
Se all’Ue fosse stato presentato un investimento in disavanzo per sostenere  maternità e infanzia le considerazioni e reazioni sarebbero diverse. 
Configurare un investimento sociale a lungo termine ha un senso, una logica, ma  finanziare i nullafacenti sembra essere una barzelletta.
Tutti gli investimenti fatti nel meridione dalla deprecabile unità d’Italia ad oggi, sono falliti.
Errare humanum est,  perseverare haute diabolico.
Ci si augura che i tempi di applicazione del reddito di cittadinanza siano tanto lunghi da trasformarlo in un sogno in dissolvenza.
Tornando al tema maternità la Raggi esponente della galassia pentastellare, succube dell’arcobaleno , ha fatto rimuovere i amnistii che sottolineavano l’importanza della famiglia tradizionale.
I pentastellati sono succubi o legati alla dottrina gender e nessun contratto giustifica un legame inquinato da principi contro natura.

Print Friendly, PDF & Email

2 Comments

  1. Nell’Europa civile la natalità è in ripresa, addirittura prossima ai due figli per coppia, là dove il welfare pro maternità è una cosa seria in termini di soldi e strutture, dove gli uomini sono culturalmente pronti a farsi carico del 50% dell’accudimento figli e ménage familiare, dove gli asili nido coprono praticamente la quasi totalità della popolazione e dove le donne non sono costrette a scegliere tra maternità e lavoro e dove AL TEMPO STESSO sono garantiti i diritti civili, ovvero il diritto per le donne a scegliere la maternità e non a subirla, dove i gay possono sposarsi e adottare figli, dove la società e lo stato sono laici(due esempi per tutti, Francia e Svezia,). NON è in ripresa dove i diritti civili sono negati, dove manca un welfare pro maternità, dove l’influenza della chiesa cattolica o ortodossa è ancora cospicua ecc. ecc., e qui non credo di avere bisogno di citare esempi perché sono sotto gli occhi di tutti. Ci sarà un nesso?

  2. Giusto! Invece di finanziare i nullavolentifacente, finanziamo la maternità!!! È mai possibile che in tutto il mondo cresce la natalità meno nello Stivale???

Rispondi a Giancarlo Annulla risposta

Your email address will not be published.

Articolo precedente

Com'è nata la Cattedrale di Milano. Il libro di Paolo Grillo

Articolo successivo

Che succede se il sovranismo ci tocca il conto in banca?