Il risanamento di “Ataf” preoccupa gli autonomisti toscani

RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO

Il MAT – Movimento Autonomista Toscano denuncia con forza la macelleria sociale che sta travolgendo ATAF, la storica azienda fiorentina di trasporto pubblico su gomma.

Oltre, infatti, a vedere in diminuzione da anni il personale autoctono degli autisti, l’azienda è stata qualche mese fa svenduta, dopo anni di gestioni a dir poco”allegre”, dall’amministrazione comunale in carica (Renzi, il “nuovo che avanza”….), finendo nelle mani del gruppo Ferrovie dello Stato, che per “risanare” l’azienda non trova di meglio che annunciare il forzato “esodo” di buona parte del personale (si parla di 109 esuberi!)

A tutto ciò si aggiungono il preannunciato prossimo aumento del biglietto da 1,20 Euro a 1,50 Euro, e le incredibili vicende del servizio mensa, con i lavoratori in costante ansia per il loro precario futuro, elementi non direttamente imputabili alla nuova proprietà, ma che certamente quest’ultima vede con assoluto favore. La conclusione non può che essere una sola: ancora una volta, che si tratti di gestore privato o pubblico, il “risanamento” dei servizi per il cittadino consiste in mattanze sociali distruttive per i lavoratori e in costi vergognosamente scaricati sugli utenti, cioè i destinatari dei servizi stessi.

Movimento Autonomista Toscano

Print Friendly, PDF & Email

Recent Posts

Leave a Comment