Martedì 17 maggio, dalla sera al via la mostra AUSTRIA FELIX LA LOMBARDIA AUSTRIACA PRIMA DELL’UNITA’ ITALIANA

terra insubreDa martedì 17 maggio, ore 20.45 al Salone Estense – Comune di Varese, via Sacco 5, apertura della mostra AUSTRIA FELIX-LA LOMBARDIA AUSTRIACA PRIMA DELL’UNITA’ ITALIANA

Prima dell’inizio del processo di unificazione italiano la penisola era politicamente suddivisa in numerosi stati distinti, alcuni dei quali direttamente o indirettamente controllati dalla potenza imperiale asburgica. Ciò era diretta conseguenza di eventi che nel corso dei millenni avevano portato alla graduale e naturale formazione di queste comunità, molte delle quali caratterizzate da una lunga esperienza di convivenza e da un grado di benessere e di civiltà che le portavano a primeggiare tra gli stati dell’Europa dell’epoca.
In particolare la terra d’Insubria, e la Lombardia in generale, erano state dapprima il cuore del Ducato di Milano, governato prima dalla signoria viscontea e poi da quella sforzesca, per poi passare sotto la dominazione spagnola verso la metà del XVI° secolo e infine sotto la dominazione austriaca all’inizio del XVIII° secolo.

Questa presenza straniera sul nostro territorio, e in particolare quella austriaca, non è stata affatto solo un’occupazione militare, come troppo spesso, e a volte strumentalmente, alcuni sostengono. Al contrario essa ha lasciato una profonda e positiva traccia nella nostra storia e nella nostra cultura, portando un maggiore grado di civiltà, di benessere e persino di libertà. Gli anni della presenza austriaca sono anni importanti anche per la città di Varese, che nel 1816 viene elevata al rango di città dall’imperatore Francesco I.

Con questo lavoro abbiamo dunque voluto parlare di quei giorni guardandoli sotto una luce diversa dal consueto e ponendo particolare attenzione alle condizioni sociali ed economiche del territorio varesino, insubrico e lombardo del tempo.

Ci auguriamo che ciò possa contribuire alla rivalutazione di un periodo della nostra storia spesso trascurato e a riconoscere l’importanza di un’eredità culturale tuttora molto più viva e percepibile di quanto comunemente si ritenga.

La mostra AUSTRIA FELIX sarà contemporaneamente esposta sotto i portici di Palazzo Estense a Varese
(dal 13 maggio) e sarà visitabile fino al 29 maggio.

Print Friendly

Articoli Recenti

2 Commenti

  1. Sandi Stark says:

    Esattemente come voi aiutaste Garibaldi e tradiste il vostro re per venire poi a romperci le palle nel 1866, nel 1915 ed ancora oggi con i Vostri Prefetti ed i Vostri carabinieri.. Se nel 1869 non eravate tutti traditori, non lo erano nemmeno i Lombardi nel 1848 poichè i soldati di Radetzky che combatterono le 5 giornate erano milanesi e veneti, non “crucchi”. Comunque meglio crucchi che cabibbi.

  2. Borbonico says:

    Se la lombardia austriaca felix era il non plus ultra, perchè i lombardi hanno fatto le “5 giornate di Milano” per liberarsi dei crucchi per poi,assieme agli altri padani, avenire a romperci “o’ cazz” a noi Borbonici ?

Lascia un Commento