Maroni: ville lombarde candidate all’Unesco

villa aldini

“Il sistema delle ville Lombarde non ha niente da invidiare a quello del Veneto e meriterebbe di essere candidato a diventare un sito Unesco”. La proposta l’ha lanciata, oggi, il presidente della Regione Lombardia, Roberto Maroni, nel corso della cerimonia di sottoscrizione dell’ Accordo di programma tra Regione Lombardia, il Comune di Cernusco sul Naviglio (Milano) e la Soprintendenza archeologia, belle arti e paesaggio per la Città metropolitana di Milano, finalizzato alla valorizzazione e al restauro del Compendio di Villa Alari, primo lotto, a Cernusco. Il Pirellone ha spiegato che l’ccordo promuove il ripristino dello stabile così da garantirne la conservazione e la fruibilità al pubblico e prevede: il restauro del corpo di fabbrica della Villa, per quanto riguarda le facciate e la copertura; il recupero della Pala d’altare posta all’interno della ex cappella gentilizia; i lavori riguardanti il restauro della ex cappella di famiglia annessa alla Villa; il restauro del Parco storico di Villa Alari. L’Adp prevede interventi per costi complessivi pari a circa 1,94 milioni di euro, di cui 935 mila a carico della Regione, e circa 1 milione di euro a carico del Comune di Cernusco sul Naviglio.

Maroni ha sottolineato che quello su Villa Alari “è un investimento doppiamente importante, perché valorizza il nostro patrimonio straordinario, che fino ad ora non è ancora stato sostenuto abbastanza. Villa Alari, così come Palazzo Estense a Varese o la Villa Reale di Monza, sono tutte magnifiche strutture più o meno dello stesso periodo ma nell’immaginario collettivo non esiste l’idea delle ‘ville lombarde’ così come c’é in Veneto”. “Ciò ci spinge – ha aggiunto – ad un impegno ulteriore, da concretizzare con accordi come quello che firmiamo oggi per le ristrutturazioni, ma anche con progetti per la valorizzazione e il turismo”. Dopo aver ricordato l’impegno della Regione Lombardia per la candidatura delle mura veneziane di Bergamo come sito Unesco, governatore ha proposto di “iniziare a lavorare ad un progetto che possa candidare le ville lombarde a diventare patrimonio dell’umanità”. Un’idea sulla quale Maroni ha subito coinvolto il sindaco di Cernusco sul Naviglio, Eugenio Comincini: “L’hanno prossimo – ha detto – scade il tuo secondo mandato e non potrai più ricandidarti, mi piacerebbe potessi impegnarti su questo progetto per capire cosa fare, come fare, quali iniziative prendere con l’obiettivo di fare delle ville lombarde il patrimonio dell’umanità che davvero merita di essere conosciuto da tutti”.

Print Friendly

Articoli Recenti

2 Commenti

  1. GIANNI PENATI says:

    MARTESANA … mia terra di mèzzo

    In stondera andavi … on frèsch dì sul prèst … da Milan voltaa vèrs l’èst
    con fantasia e curiosità la Martesana mia vorevi disquattà

    Dree ‘l navili l’èra on bèll andà … da Cassina di Pomm fin a Cassan rivà
    per cercà ‘l incant de ‘sta prodigiosa terra
    el cors de la storia … i avveniment … fama e la gloria

    El fàscin cercà de ‘sta beata terra che vita la m’ha daa
    ma che travaj e destin m’hann faa desmentegà
    Dree i mè pass rinassuu bosch e intatt verd praa gh’hoo ritrovaa
    vill prestigios … tabernacol bèi … inaccessibil diroccaa castèi

    A Cernusch l’antiga villa Alari ‘doe de piscinìn in del sò giardin giugavi
    dai gran saloni affrescaa e maestos … adess voeuj e silenzios

    Me tornaa in la ment i fasti d’on temp … di bèi daminn l’ilarità …
    di doraa cristai el tintinnà
    l’eleganza e la nobiltà … i allegher fèst e di armonii la soavità
    De la Martesana l’epopea d’antan gh’hoo ritrovaa …
    con passion e coeur on sogn hoo traversaa !

    “Terra d’acque e di delizie” diseva on temp la nòsta gent
    e che ‘l ver coeur de la Martesana in minga i vill ma la soa campagna
    i cent cassinn che a numm hann tramandaa el magich lor destin
    On passaa d’agreste civiltà … fragranza e savor … frutta forment e fior
    casolar che canten stòri rar … prèi scolpii … istoriaa soffitt incoeù sbiavii

    Sul mè sgambà … in tomb longobard … gh’hoo topiccaa
    Leonardesch arcad e stracch mur crodaa hoo traversaa
    … tesori a mila d’on bèll temp andaa !

    Terra de Mèzz ! On doraa scrign avèrt sul mè basèll de cà
    … prezios tesòr de rimirà … facil de cattà !

    Terra de Dei ! Inscì l’hann ciamada … soeul de confin … terra de delizzi !
    Ma per vun ‘me mì … che l’è nassuu chì …l’è domà Terra Promessa
    ‘doe ritrovà … con la natura … ona part de mì che credevi perduda

    Son rivaa cà stracch ‘me on villan … dopo ‘sta fadiga in scima di mè ann
    Indormentaa me sont in del blasonaa mè lètt … indree tornaa quand sèri scolarètt !

    Leggera in sògn la bella Valentina … dei Saliceto ultima contessina
    de squisitèzz on luster piatt d’argent … villa Alari … battiman de gent
    Splendid i oeugg … man delicada … proppi mì la m’invidava
    per on briòs … fantastich Girotondo
    de là di confin … tra incantaa paes
    … fuori dal mondo !

  2. luigi bandiera says:

    Bel argomento.
    Sono diversi anni che ci penso e in qualche modo lo ho anche scritto.
    La nostrana CULTURA e TRADIZIONE si deve SALVARE dal nemico acerrimo talibano.
    Sono peggio degli uomini dell’ISIS: ti distruggono tutto.
    Beh, non dite che l’italia non ci sta provando da secoli a sterminare i popoli in essa residenti.
    Cosi’ sta facendo con le loro CULTURE… TRADIZIONI e ecc..
    Furbescamente (alla komunista maniera che vuol dire demokratikamente) cancella tutto il nostro passato.
    Certo, salva certi beni immobili e non per via che possono essere usati da loro e per il turismo, business comunque e’.
    Oggi si e’ inventata per fino una INVASIONE per vedere se SPARIAMO..!
    Tuttavia io volevo dire che si le ville (dei ricchi) ma ci sono anche le case dei poveri da salvare. L’altra parte della medaglia e non ho mai visto salvare una faccia sola di una medaglia, ma tutte e due. LA MEDAGLIA no..?
    Come e’ per una banconota.
    Andando in giro passando in mezzo alla campagna si vedono case (cascine) un tempo degli agricoltori (sfamavano e sfamano il popolo col loro sudore) li’ abbandonate e in procinto di cadere, di disfarsi…. o sciogliersi nell’acido trikolorito.
    Perche’ non salvarle come tentano di fare con le case dei gladiatori..?
    I contadini o agricoltori o villani dalle nostre parti sono da sempre o quasi ESISTITI… salviamo quella cultura…
    No, se non e’ dell’impero romano non vale.
    Mi sa tanto di razzismo vero.
    Mi meraviglio di certi parlamentari che sono per gli animali e giustamente, anzi, benissimo, ma e per il nostro passato di vita reale e non fittizia come quella italiana, cosa fanno..?
    Sapete che lo stato italia fa tutto suo anche se non e’ suo..? IMPOSTORE E LADRO.
    La cultura italiana e’ quella del di nostro, forse visti gli andazzi, non del passato che degli italiani non si sapeva nulla se non perche’ la penisola (non tutto lo stato) era italiana geograficamente.
    Venezia non e’ nella penisola italiana.
    Il lago di Garda non e’ nella penisola italiana.
    E adesso ne dico una piu’ grossa: l’Adriatico non e’ Mediterraneo.
    Il clima qua non e’ come quello in Egitto e cioe’ Mediterraneo.
    Oh si, quante incongruenze…

    Dai patrioti, salviamo le nostre case sia ville che stalle del nostro passato di cui la STORIA..!

    Si, continuiamo ancora a PREGARE.

Lascia un Commento