Maroni, un anno da segretario: la Lega sta cambiando pelle

di REDAZIONE

“Un anno fa il congresso della Lega mi ha eletto segretario federale. Li’ e’ iniziato un percorso. Di pulizia e di trasparenza interna. Di graduale ricambio e di valorizzazione di una nuova classe dirigente. Di ridefinizione della proposta politica. Il cammino e’ appena cominciato. Sara’ lungo, faticoso e pieno di insidie, ma so che ce la faremo”. Cosi’ Roberto Maroni, su Facebook, nel primo anniversario della sua elezione alla guida del Carroccio. “La Lega, dentro una crisi profondissima di credibilita’ e di identita’ dei partiti politici, sta cambiando pelle, per rappresentare il Nord in modo piu’ moderno”.

“La vittoria in Lombardia e’ il presupposto per realizzare la macroregione e tenerci qui le tasse che oggi mandiamo a Roma”, continua il segretario-governatore. “Senza mai dimenticare il nostro obiettivo finale: l’indipendenza della Padania nella nuova Europa dei Popoli”.

Print Friendly, PDF & Email

Recent Posts

17 Comments

  1. Nazione Toscana says:

    Avanti così, fino allo 0.0.
    Poera a noi!

  2. Roberto says:

    Europa dei Popoli e poi siete contro il referendum di indipendenza del veneto?? ma nascondetevi!!!

  3. Tradeoff says:

    caro Gigi, devo ricordati che tutti i militanti della Lega quando prendono la tessera e si impegnano a lavorare nel movimento lo fanno per raggiungere l’obiettivo previsto nello statuto all’art. 1 “l’indipendenza della Padania”. Sapendo che nessuno te lo dara mai gratuitamente esiste la necessita di trovare il modo per perseguirla ecco le varie strategie di lotta: secessione, devoluzione, federalismo fiscale, MACROREGIONE, tutte valide. la Lega c’e’ sempre, i leghisti si espongono e quindi ci provano gli altri ciarlano. Chiedo rispetto della verità’. Se pensi ancora che l’indipendenza dia troppo spazio alla Lega, allora e’ meglio che lo dia a PD, PDL ecc. Ecc.

    • Gigi says:

      Speravo di avere scritto in modo comprensibile, evidentemente o io mi spiego male o Lei ha difficoltà di comprensione, oltre che di scrittura. Non importa, la saluto comunque cordialmente.

    • Miki says:

      Si ma macroregione rispetto a indipendenza non è un ossimoro? Così come il Nord porta con se l’ovvia domanda Nord di che cosa? Nord della Padania? Dubito

  4. luigi bandiera says:

    Sta cambiano pelle o si sta SMACCHIANDO..???

  5. Gigi says:

    Personalmente ho contribuito anche quest’anno con una donazione al giornale e, alla luce di ciò, mi permetto una critica, che spero di formulare in modo da non urtare la suscettibilità di alcuno. A mio parere si sta dando troppo spazio e visibilità alla Lega in rapporto alle tematiche di carattere identitario/culturale che il giornale affronta. Parliamo di un partito che non si discosta (ed infatti ne è alleato quantomeno a livello locale) dal becero modo di essere dei partiti tradizionali italiani. Capisco che si speri sempre che il suo leader venga fulminato sulla via di Damasco e decida di intraprendere finalmente una strada indipendentista ma credo si stia spendendo troppo tempo/fatica quando potrebbe essere utilizzato in modo diverso. Anche perchè i frequentissimi articoli sul partito di Maroni finiscono sempre, nei commenti, per raccogliere critiche e contribuire al muro contro muro di leghisti ed antileghisti. Lungi da me il voler dettare una linea editoriale ma ci tenevo ad esprimere il mio semplice parere. Grazie per avermi dato la possibilità di esprimere il mio punto di vista.

    • Leonardo says:

      Il giornale è composto da diverse anime che garantiscono a questa testata la totale indipendenza (non lavorerei mai sotto dettatura). Personalmente, sono tra quelli che ritengono che la Lega sia una piaga sociale ed economica tutta italiana. Ma é il mio punto di vista. Il tempo dirá chi avrá ragione. Grazie per il sostegno.

      • Gigi says:

        Non ho minimamente contestato quanto affermi, Leonardo, ho solo sottolineato lo sbilanciamento tra temi identitari e culturali ed informazione politica sul mondo Lega. Spero di avere stimolato la testata in questa direzione.

  6. Mah says:

    “obiettivo finale l’Indipendenza della Padania”, non va bene nemmeno così?

    • Unione Cisalpina says:

      infatti nel parlamento italiano, x non sbagliare e dar addito ad ekuivoci, da “lekka nodde x l’indipendenza della Padania” si sono trasformati in “Fotti u Nodde ed Autonomie” …. ;D

  7. Miki says:

    Ah ecco: e’ una questione epidermica, di pelle. Infatti maroni mi ha rotto l’epidermide! Ma come fa a imbrodarsi col vuoto cosmico del corso 0.2%: 0 idee,voti anche meno,carismatico come Lucia Annunziata: ma grossi risultati de che? Ma dde che aho’?! Ma li mort..
    E comunquemente saressi piu’ nordico di lui anche se parlerei cosi’: almeno la votino la terrei in giardino alla catena (rima baciata,che poetry!)

  8. Roby says:

    Cambia pelle come i rettili.

    • Veritas says:

      Visto che siete tutti acerrimi nemici del povero Maroni, spenderò qualche parola per dirvi che lui ha fatto il possibile per salvare quel che restava del suo movimento. Che poi ci riesca o no lo dirà il tempo ma senza di lui già non esisterebbe piu’ Lega,
      Lui ha una vera “mission impossible” anche dovuta al fatto che Bossi se la vuole riprendere e non vuole capire che con lui sarebbe già adesso allo zerovirgola.
      I cosiddetti “duri e puri”(e ce ne sono ancora) non lo perdoneranno mai.

      • Miki says:

        Magari bastava da-migliore-ministro-degli-ultimi-150-anni dire una parola su belsito. Certo:conosco la tiritera “non è che il ministro dell’interno si occupa di quello che succede nel suo partito”. Sarebbe come se un ministro del Pci nel 70 avesse detto qualcosa sui compagni che sbagliano-Br. Meglio voltarsi dall’altra parte..

Leave a Comment