Maroni: il mio progetto è andare oltre gli attuali partiti

di REDAZIONE

”Il progetto a cui credo e’ di mettere insieme le forze sane lombarde, per creare una formazione politica che vada oltre le forze politiche di adesso”. Lo ha detto il segretario della Lega, Roberto Maroni, candidato alla presidenza della Regione Lombardia, presentando la sua lista civica a Milano. Per Maroni, ”queste elezioni possono essere l’occasione di una nuova fase politica, non solo a livello regionale ma macroregionale e anche nazionale”. Il candidato governatore ha spiegato che, se verra’ eletto, assicurera’ il ruolo di ”garante: vi do la parola – ha spiegato Maroni rivolgendosi ai candidati – che saro’ governatore di tutta la coalizione e terro’ conto di tutte le componenti. La lista civica la metto sempre al primo posto nella coalizione, anche se sono il segretario pro tempore di un partito: prima di tutte viene la lista civica, per riconoscimento e soprattutto perche’ voglio continuare questa esperienza anche dopo le elezioni”.

Il leader della Lega ha presentato i candidati milanesi della lista civica Per Maroni Presidente in un grande albergo che si trova a meta’ strada fra il Pirellone e Palazzo Lombardia, sedi del Consiglio regionale e della Giunta. In quest’ultimo, dunque, potrebbe entrare al posto di Roberto Formigoni. E Maroni non ha mancato di farlo notare, spingendosi a promettere anche un piccolo trasloco rispetto all’attuale collocazione di Formigoni nel nuovissimo grattacielo. ”Se fosse possibile – ha detto – porterei l’ufficio al pian terreno, lascerei al 35/o piano qualcun altro. Perdere il contatto con la realta’ e’ fatale per chi deve prendere decisioni”.

Print Friendly, PDF & Email

Recent Posts

23 Comments

  1. ben says:

    Maroni non è credibile! Se bossi era un minimo, questo è in piedi solo perchè continua la politica delle FRASI AD EFFETTO come faceva bossi con risultati elettorali notevoli..ora non è più così e le promesse vanno mantenute…ciò che promette maroni lo si capisce lontano un kilometro che non è realizzabile …1 perchè non ha i voti,…2 il PDL appoggerebbe che il 75% resti a Milano? hahaah, 3 Il parlamento voterebbe una tal legge con una maggioranza del 51%? Uhmmm…per me è improponibile…ergo il consueto il richiamo per le allodole (elettori) così la cadrega è garantita…

  2. ballindri says:

    il voto a bassani?

    col @@@@@, io e i mei 5 famigliari voteremo LEGA NORD

  3. wanderplus says:

    Si è rotto il disco! Ho appena visto Maroni su sky, il suo programma semplicemente non esiste, la Lega non rappresenta più un partito etnico e nemmeno territoriale, è un guazzabuglio con cifre a caso e quel martellante 75% e velleitarie ambizioni! Pazzesco. Sembra un disco rotto ripete sempre le stesse cose da settimane ma la campagna alettorale è quasi al termine e non c’è un sussulto. E poi dove sono spariti i Salvini e gli altri? Non fanno mercati non fanno comizi. E Bossi? Lo tengono di riserva per la finale di coppa?

  4. francesco says:

    Come pensavo l’italiano e’ un fallito nessuno si chiede perche’ maroni concorre a diventare presidente della regione lombardia be’ tempo fa’ ci fu una trasmissione televisiva che sicuramente nessuno a visto causa tarda ora, dove in pratica tirava fuori gli altarini del signor maroni e cioe’ che la moglie vuole farla presidente della societa’ finmeccanica, infatti alle domande che la cronista faceva maroni non rispondeva poverino infatti la societa’ in questione altri non e’ che la prima industria bellica che fornisce tutto il mondo e dove ce un giro di soldi che non immaginate di roba da dire ce ne’ a piu non posso ma gli italioti pensano che qualcuno li salvi attualmente solo uno puo’ aiutarci il Demonio.

  5. calindri says:

    Sig. Gianluca, la ringrazio delle informzioni e della Sua estrema gentilezza.

  6. calindri says:

    E’ molto tempo che non intervengo,
    La mia famiglia in questi ultimi 20 anni, ha dato per ogni legislatura un contributo di 5 voti alla Lega.
    Gli’ultimi 5 anni sono stati quelli che hanno fatto traboccare il vaso, con gli scandali di Bossi, le brutte figure del Trota,le vergogne del suo cerchio magico, i rimborsi gonfiati , gli investimenti con i soldi presi dai rimborsi (diamanti ecc.) ma soprattutto la politica statalista, democristiana, e dorotea attuata senza alcun ritegno e vergogna,
    La Lega ha preso per il culo tutti i padani seri e in buona fede come me.
    Ha distrutto i nostri sogni e ha fatto delle politiche che ci hanno impoverito con aumento delle tasse statali e locali.
    Hanno distrutto il sogno di un cambiamento, di una indipendenza e di un vero federalismo.
    Io e i miei familiari non siamo più disposti a concedere loro altro credito.
    Voteremo Unione Padana se si presenterà e se correrà da sola.

    • gianluca says:

      Al senato si presenta da sola. Alla regione appoggia invece marco bassani, candidato indipendente nella file di Fid. E del quale puo leggere diversi scritti su questo giornale

  7. Unione Cisalpina says:

    GRANDE Boby Votino l’INNOVATORE del POLO NORD ke kiede il voto ai lombardi ed ai cisalpini x kontinuare a fotterli…

    primo atto della svolta innovatrice:”Cambio di piano dell’ Ufficio di Presidenza dal 35° al 1° …” …ahahahahahhahahahahahah …
    + ke simbolo di “vicinanza al popolo” mi pare konkreta dimostrazione di stupidità cialtrona e mistifikatrice del nulla … altro ke identità e liberta cisalpina !

  8. fabio ghidotti says:

    per creare una nuova forza politica (quale?) non si comincia alleandosi con alcune tra le peggiori forze politiche esistenti…ne abbiamo sentite abbastanza!

  9. fabio ghidotti says:

    per creare una nuova forza politica (quale?) che “vada oltre le forze politiche di adesso” non si può cominciare alleandosi con alcune tra le peggiori forze esistenti…ne abbiamo sentite abbastanza!

  10. sachiamuni says:

    La Lega ha sbagliato in pieno la campagna elettorale. La presunta modernità comunicativa della Lega 2.0 è una sciocca illusione. Una follia. Non più contato con la gente ma solo salotti tv e microcomunicazione via sms…buona forze per qualche citazione sui giornali ma già esaurita. Un cambio devastante. Era modernità assoluta, in confronto, quella che veniva indicata come comunicazione vecchio stile….Poi via tutti i simboli e le simbologie senza adeguata sostituzione!!! Poi La Rusa che penetra e si succhia via i voti perchè adeso tutti pensano che la Lega è di destra e basta e quindi perchè votarla quando già ci sono gli ex fascisti in partitini strutturati e succhiavoti? Quindi Lega non più centrale ma spostata a destra…uno spazio già strapieno!!! Ma chi ragiona in Bellerio? Chi???? Maroni è il nord…para’ papapa’ Maroni e’ il nord paparapapa…

    • fabio ghidotti says:

      “perchè votare una Lega di destra se c’è già la destra?”.
      Bravo , hai centrato il problema. E se la Lega tornasse al centro (uscendo quindi dalla logica delle alleanze dello pseudosistema maggioritario)?
      Già, ma quale Lega?

      • sachiamuni says:

        Nessuna. La fine è stata scientificamente programmata da qualcuno piuttosto furbo e stupidamente eseguita dai leghisti rinnovatori! Chi si fa servo del resto mica può aspirare un giorno a comandare….La lingua in bocca con i La Russa o anche con certi Pd come Errani o Delrio mica portano vantaggi alla Lega e si vede. Adieù, chissà, forse qualcuno un giorno riprenderà le fila ma credo sia quasi impossibile.

  11. berg says:

    L’incipit è fenomelale: “Il progetto a cui credo e’ di mettere insieme le forze sane lombarde…”
    Ammesso che ci creda veramente, qualora dovesse anche vincere come crede di realizzare questo con una maggioranza pidiellina e degli assessori pidiellini, cioè con il marcio del marcio?
    Per non parlare parlare dei leghisti che ha candidato nelle varie circoscrizioni.
    La sommatoria di affaristi (e mafiosi) + ignoranti (e arruffoni) non è mai = a “forze sane”.

  12. ivana says:

    Massimo vaj e macallo scrivete solo sciocchezze.
    Il voto va dato alla Lega perchè con Maroni i soldi rimarranno tutti in Padania e ci sarà la Macroregionee l’indipendenza.

    • elio says:

      Ivana gran pezzo di bagiana! Sei mitica! Con l’anticomunismo viscerale noi creiamo un argine al marxismo mondialista e la Lega è la massa di manovra! Bravissima e bellissima!

    • Domenico Galluzzo says:

      sì, anche gli asini nati in padania voleranno permettendo ai lombardi di risparmiare benzina e gasolio…

  13. macallo says:

    Da ex.leghista caro Maroni posso dirLe solo una cosa:
    Pinocchio,pinocchio,pinocchio….e mi fermo qui….

  14. Massimo vaj says:

    Maroni è talmente ridicolo che la sua faccia non riesce a nascondere la povertà intellettuale che sta dietro le bugie insensate che dice. Ha lo sguardo di chi ha appena preso un brutto colpo sulla testa che gli ha risvegliato le insane passioni di cui si nutre chi non è mai cresciuto e mai crescerà.

    • fabio ghidotti says:

      massimo…vaj … a insultare da un altra parte!
      In democrazia si criticano le posizioni politiche, e chi legge i miei interventi sa quanto critico le ultime scelte di Maroni.
      Tu sei solo un italiano (e non tirare in ballo i contadini, perchè è un’offesa ai contadini) che non ha argomenti politici e pensa che l’insulto sia una manifestazione di vitalità e che solo per questo meriti un premio selettivo. Sei riuscito in tre righe a infilare almeno 6 insulti (ridicolo, povertà intellettuale, insensate, lo sguardo ecc., insane, non è mai cresciuto) senza indicare una sola ragione concreta (e ce ne sarebbero) per criticare le scelte di Maroni, (anche da altri punti di vista)..
      Ma forse a te non interessa neanche quello che Maroni fa o dice; semplicemente ti da fastidio che Maroni esista. Tu sei un italiano, hai la tentazione di distruggere quello che non capisci. Come te ce ne sono tanti. E’ proprio per questo che l’italia è una merda. E poi date la colpa solo alle minoranze che “comandano”, che governano, che hanno i soldi, ecc…
      E’ esattamente questa, quella che tu ben rappresenti in questo modo, quell’italia dalla quale noi vogliamo fare secessione. Una finta comunità dove conta solo chi la spara più grossa (o più lunga). Illudendosi che basti questo a nascondere la realtà.
      p.s. – non prendertela, io non voglio polemizzare con te. Non so se mi capisci, ma ho il dovere di provarci (di mestiere faccio l’insegnante, forse per questo ti rispondo io e non altri). Scrivo quello che scrivo perchè può servire da suggerimento ad altri in casi simili.
      Perchè è questa la vera battaglia indipendentista che ci aspetta nei prossimi anni: rieducare alla realtà un “popolo” rincoglionito da 150 anni di veleni nazionalisti che lo hanno portato fuori dal mondo reale..

      • Giancarlo says:

        Vedi, gli attacchi degli unionisti sono un problema comune ai vari indipendentismi europei, non importa se con minore o maggiore sofisticazione intellettuale, se improntati a una critica razionale o al disfattismo puro e semplice. Per dire, Artur Mas in Catalogna ora è sotto attacco del governo spagnolo per i suoi viaggi all’estero, e non ti dico i commenti sul web, si va dalle insinuazioni di spreco di denaro pubblico alle accuse di approfittare di una funzione pubblica per minare l’unità della Spagna. Però si tratta di Artur Mas, con una storia alle spalle che parla per lui, con la maggior parte della Catalogna che lo sostiene e sono convinto che supereranno anche questa. Del resto è evidente che da qui al 2014 le aggressioni a qualsiasi livello si infittiranno ogni giorno che passa. Anche Maroni e la Lega hanno una storia che parla per loro ed è proprio qui che casca l’asino. Tu dici che “noi vogliamo secedere da quest’Italia di merda”. Io credo che la maggior parte della gente voglia secedere da questo ventennio grottesco, lurido e ributtante, popolato da personaggi inguardabili che, male che gli vada, si ritireranno con laute pensioni dai 3.000 euro in su. Non è Maroni in causa, credo che personalmente sia meglio di tanti altri, è quello che lo circonda che sarebbe da deforestare con il napalm. E non penso che saranno azioni “pedagogiche” tipo la tua a cambiare le cose, neanche mettendo su campi di rieducazione tipo Cina di Mao.

Leave a Comment