Maroni a Salvini: non sei tu a dare le carte, chi oggi può dire che si va a lezioni è Silvio Berlusconi

maroniRoberto Maroni ha invitato il leader leghista Matteo Salvini a riallacciare subito il dialogo con Silvio Berlusconi per convincerlo ad andare ad elezioni anticipate perché i tempi “sono strettissimi”. “Ribadisco – ha detto il presidente della Regione Lombardia a margine di una conferenza stampa a Palazzo Lombardia citando un’intervista pubblicata l’altroieri – che quello che oggi può dire che si va a lezioni è Silvio Berlusconi”. “Se si vogliono le elezioni anticipate a giugno – ha spiegato Maroni – come la Lega vuole, bisogna fare i conti con il fattore tempo. I tempi sono strettissimi, e se non ci si muove subito si va nel 2018”. A “dare le carte”, aveva detto l’altroieri Maroni, è Silvio Berlusconi, tanto che, ha detto tornando sull’argomento, “Nonostante Renzi, Salvini e Grillo dicano vogliono andare a votare” ancora non si è profilata la strada delle elezioni e “oggi le condizioni sono tali che se Silvio Berlusconi dice di andare a votare secondo me si va a votare”. “Ho lanciato le mie proposte – ha detto Maroni – la mia percezione della situazione e quello che secondo me bisogna fare per vincere. Dopodiché è il segretario federale a decidere quello che va fatto”.

Print Friendly

Recent Posts

One Comment

  1. Ric says:

    Appunto è il segretario federale a decidere ;
    intanto , se si parla di elezioni s’intende quella cosa dove ogni cittadino vota un’ ipotetica sua rappresentanza ?
    Non vedo piazze invase da gente che protesta , il solito ciarpame di mantenuti che pontifica da TV e giornali , la casta in mangiatoia , equitalia tornata agli antichi splendori .
    Festival di Sanremo senza censura soprattutto quando si sbeffeggia Salvini , bene bravi bis .
    Direi quindi Crozza presidente !
    Obama al mare a rilassarsi e TRUMP a farsi sputtanare , colpevole di firmare qualche decreto di ordinaria ragionevolezza per arginare parzialmente le depravazioni criminali di necrofili incapaci e di buonisti col culo altrui .
    Le anime belle da salotto cianciano di referendum per l’indipendenza quando non abbiamo nemmeno più rappresentatività in famiglia ; chi ha tempo da buttare faccia pure , la delusione non farà prigionieri neanche questa volta , devolution docet .
    Caro Maroni , te lo dó io Berlusconi !
    Salvini , il dado è tratto , avanti senza se e senza ma , se Silvio non ti vuol dare la benedizione tanto meglio !

Leave a Comment