SARDEGNA, PRESENTATO REFERENDUM PER L’AUTODETERMINAZIONE

di CARMELO PURIDDU

Riporta l’Adnkronos: “Una delegazione del Partito indipendentista Sardo Malu Entu, composta dal presidente Doddore Meloni, Cristina Puddu, Felice Pani, Sergio Pes, Roberto Piras, Bruno Delussu, hanno portato alla Corte d’Appello di Cagliari per la vidimazione di legge, 2000 moduli per la raccolta delle firme per indire il referendum sull’indipendenza della Sardegna”.

La notizia, la possiamo trovare anche sul sito della Regione Sardegna dove si può leggere il quesito referendario che recita: ”Sei d’accordo, in base al diritto internazionale delle Nazioni Unite, al raggiungimento della libertà del popolo sardo, con l’indipendenza”?.

Ancora: “Sei d’accordo, in base al diritto internazionale delle Nazioni Unite, al raggiungimento della libertà del popolo sardo, con l’indipendenza?”.

È la domanda che gli indipendentisti della repubblica di Malu Entu sottoporranno ai sardi se il referendum popolare consultivo che richiedono sarà ammesso dalla Corte costituzionale. Certo è che da oggi inizieranno a raccogliere le firme per richiederlo.

Ieri una delegazione del movimento, in testa il suo leader Doddore Meloni, accompagnato dall’avvocato Cristina Puddu del foro di Oristano, si è recata in Corte d’appello, a Cagliari, per la vidimazione delle schede. Ne hanno stampato duemila su ciascuna delle quali contano di apporre 40 firme per un totale di 80 mila sottoscrizioni. «È la prima volta che chiediamo ai sardi se vogliono l’indipendenza, come farà in questi giorni la Scozia», ha spiegato Meloni.

Il quale, a chi dubita sulla legittimità costituzionale di un referendum simile (chiaro il contrasto con l’articolo 5 che recita che “La Repubblica, una e indivisibile…”) replica citando, a sostegno della sua tesi, la legge 848 del 17 agosto 1957 che ratifica la carta delle Nazioni Unite e la legge 881 del 25 ottobre del 1977 di ratifica ed esecuzione del Patto di New York del 16 e 19 dicembre 1966.

La partita è aperta, la voglia di libertà sta diventando contagiosa.

 

Print Friendly, PDF & Email

Related Posts

24 Comments

  1. Garibaldidemegogliò says:

    @Luis
    Sei proprio una capra ignorante…studia la storia. Se vuoi andarci tu in Iraq e levarti dalle balle, nessuno ti ferma, …e studia la storia, prima di vomitare stronzate.

  2. Luis says:

    Massa di idioti dove volete andare ? nemmeno la catalogna e i paesi baschi otterranno l’indipendenza per fortuna. Se non volete vivere in italia andate a quel paese, andate in iraq ad esempio e levatevi dalle balle Voi, san marco e chiunque rompe le balle non sono bene accetti, ignoranti studiate la storia italiana, miseri sciocchi volete mandare a puttane Garibaldi, mazzini e tutti gli eroi ? cosa volete fare l’europa dei microstati ? tornare al medioevo ? veneto e sardegna mai saranno liberi per fortuna. Un paese meglio dell’itlaia non lo avrete, il viva tricolore .

    • michele says:

      povero ignorante da quattro soldi, i sardi sono un popolo, riconosciuti da millenni di storia e dalle istutizioni, compresa quella italiana. gli italiani sono un popolo solo per le istituzioni. tu stai pure in italia, che nessuno è interessato a te. e magari puoi anche aspirare a trovare lavoro in germania, come schiavo, minus abens

    • silippu says:

      Idiota e ignorante sarai tu! Non conosci la storia sarda che parli a fare!
      La Sardegna ha una sua lingua, una sua bandiera, una sua cultura che è diversa da quella italiana.
      W i quattro mori!!!!!

    • floriano says:

      cio’ texta de càsso no te prèoccupar no voemo andar via da xta merda, se no teghe’ capio a sèmo stufi de mantegner tuta xta baraca poitica de merda ciama’ i-tag-lia, xe a ti’ te sta’ ben a mantegner i to compagni comunisti o democristiani leghisti e merdosi vari, te si’ libaro de far tuto queo cà te vo’, poro mona te me fa’ pena.
      picate col tricoglione

    • Filippo83 says:

      Almeno l’Italiano lo potevi imparare, per rispetto all’amata Italia…

  3. sayli says:

    A foras de s’Itaglia de is banchieris e de sa casta politica, Sardinya libera et indipendenti!!

  4. Elisa says:

    Dove posso andare a firmare??

  5. Andrea tricolore says:

    La Sardegna è ITALIA
    W L’ITALIA UNITA

  6. Sante says:

    Giù il cappello e MASSIMO rispetto per il popolo Sardo.
    KE LA FORZA SIA CON VOI…..
    Uomimi coraggiosi !!!

    da noi, …sic…, in Veneto,
    un branco di TESTICOLI,
    ke ha il 40%dei voti alle regionali del 2010,e ke ha nell’
    Art.1 l’ INDIPENDENZA come “ragione fondativa”,
    si “caga” letteralmente addosso e ,
    VIGLIACCAMENTE, non siesce a fare alcunkè..
    …….con dovizia di doppieZZ….
    Serenissimi Saluti

  7. Claudio Zuin says:

    Bravissimi…. Noi veneti siamo con Voi !!!!

    W San Marco !!!

  8. Massimo says:

    Forza Sardi!
    Dimostrate il vostro valore e date l’esempio a tutti!

  9. bustianu says:

    Deus cherjta a s’Indipendentzia, purtroppo il contesto sardo è ingran parte sordo alle instanze indipendentiste e infatti la percentuale dei sardi votanti i partiti della composita galassia indipendentista è ancora irrisoria ripsetto a quanto avviene in euskadi e catalunya. 150 di aborto italiota e di assistenzialismo, più i 140 di colonialismo sabaudo hanno coglionizzato il popolo sardo, la battaglia per destarlo dal torpore non sarà semplice.

  10. Andrea says:

    Solidarietà e tanta stima per gli amici Sardi nella loro legittima impresa!

    In Veneto stiamo facendo altrettanto.

    W San Marco senpre!

  11. Luca68 says:

    Simpatia, stima e solidarietà agli indipendentisti sardi ed a tutto il popolo sardo che lotta per l’autodeterminazione. La loro lotta è la lotta di tutti gli Indipendentisti.

  12. Acting65 says:

    grande sardegna….finalmente qualcuno si muove per avere una propria dignita’ come popolo, credere nelle proprie radici e costumi, e non certo alle buffonate di chiacchere in stile napolitano, befera e politici unionisti dell’ultima ora….grandi!!!!!

  13. Domenico says:

    I sardi hanno una dignità di popolo che i mardani (marrani padani) nemmeno si sognano.
    Fa rabbia pensare che al Nord nessuno o quasi si sia mosso in questo senso fino ad ora.
    Forza Amici di Sardegna, chissà che a qualche mardano padano non riusciate a far ricordare il significato di parole come dignità e libertà..

Leave a Comment