Madrid insiste: Spagna una e indivisibile. Ma gli Usa smentiscono

di GIOVANNI D’ACQUINOMargallo Space

Non sorprende la reiterata litania dell’unità. Il Veneto c’è abituato. Gli Stati nascono e muoiono ma quando si tratta di arrendersi alla storia che cambia, il potere punta i piedi. E così infatti il ministro degli Esteri spagnolo, Jose’ Manuel Garcia-Margallo, alla vigilia del suo viaggio all’Assemblea generale delle Nazioni Unite per l’elezione dei nuovi membri del Consiglio di Sicurezza (la Spagna si contende con Nuova Zelanda e Turchia due seggi non permanenti per il biennio 2015-16, ndr), interpellato dalla stampa, fa sapere a “El Pais” che per quanto riguarda la Catalogna, “vincerà lo Stato di diritto”. “L’unità della Spagna – ha spiegato – mi è sempre sembrata una questione fondamentale. (…) Come individuo ho presentato un emendamento che includa nel Testo costituzionale la parola ‘indivisibile’. E’ molto importante – ha aggiunto il ministro – far capire che la fattibilità di uno Stato catalano dipende dal suo riconoscimento internazionale e dall’adesione all’Ue. E questi temi sono di mia competenza”.

Tutto il resto, il diritto all’autodeterminazione, non rientra nello stato di diritto.

Margallo però forse ha già dimenticato che l’estate scorsa, l‘ambasciatore degli Stati Uniti in Spagna, James Costos, ha previsto la possibilità di una Catalogna indipendente. Costos durante una conferenza tenutasi a Madrid, aveva affermato che le aziende nordamericane “dovranno adattarsi” in caso di secessione. Ha ammesso: “Le cose cambiano, gli ambienti cambiano” e quando ciò succede “qualsiasi imprenditore leader deve pensare al futuro”. “Se le cose cambiano, le aziende dovranno adattarsi”, ha insistito. 

 

Print Friendly, PDF & Email

Recent Posts

One Comment

  1. Giancarlo Pagliarini says:

    Jose’ Manuel Garcia-Margallo dovrebbe davvero vergognarsi! Se la maggioranza dei Catalani o di altre Regioni sceglie di diventare una Stato autonomo a Madrid dovrebbero prenderne atto e il parlamento di Madrid dovrebbe cambiare la Costituzione. Pazzesco questo disprezzo per la libertà

Leave a Comment