Ma le nostre scuole sono per i milanesi o per gli stranieri?

scuola_banchidi ROBERTO BERNARDELLI – Apprendiamo che nelle scuole di Baranzate, in provincia di Milano, la scuola non è più quella di na volta. Infatti ogni 100 alunni 53 sono stranieri: il record è stato registrato nel rapporto ‘Alunni con cittadinanza non italiana’ appena divulgata dal Ministero dell’Istruzione e dalla Fondazione Ismu.

Ecco la conquista dell’integrazione scolastica. Cosa ne pensano gli insegnanti? I genitori? Cosa ne pensano i vescovi che chiedono il permesso per tutti? Che ne pensano i cittadini che non possono più decidere?
L’Ansa corre in soccorso e spiega che se  “si guarda ai valori assoluti, ci sono ovviamente le città più popolose (Roma in testa) in cima alla classifica per numero di alunni stranieri. Ma se si conta quanto la loro presenza incida sul totale degli studenti, i piccoli comuni sono ai primi posti”.

E con quali conseguenze lo vorremmo chiedere ai sindaci: assistenza sociale, asili, case popolari, sanità. Nulla è gratis. Ma il ministero non lo dice.
Dopo Baranzate, dove l’incidenza di stranieri è del 53,4%, ci sono Santa Croce sull’Arno (Pisa) con il 35,5% e un altro comune dell’hinterland milanese, Pioltello con il 31,3%. In tutti e tre i casi (e la tendenza è la stessa anche nel resto della classifica) si tratta soprattutto di ragazzi stranieri nati in Italia e solo poche decine sono quelli arrivati qui per la prima volta.

Come mai la nostra gente non fa più figli? E non diteci che è colpa della televisione e di facebook. Forse che la crisi la stiamo pagando più noi che altri, O no? O è discriminatorio porsi delle domande?

 

*Presidente Indipendenza Lombarda

Print Friendly, PDF & Email

Related Posts

2 Comments

  1. Borbonico says:

    La scuola è per i bambini…e i bambini a Milano li fanno gli immigrati !

  2. luigi bandiera says:

    Beh, pare, sembra, che siano per chi arriva qua.
    E’ peggio di una guerra tutto sto spendere e spandere per gli altri.
    Si vede che ce lo meritiamo o no..?

Leave a Comment