L’uomo della Provvidenza non fa rima con Indipendenza

di ROBERTO BERNARDELLI*

Arriva l’uomo della provvidenza, l’uomo (più giovane) dei poteri forti. E per quanto possa apparire inifluente dare uno sguardo al mondo cattolico che fa politica, o che orienta la politica, in questo momento è opportuno dare uno sguardo laico a quella frontiera.

L’altro giorno l’Osservatore Romano, ha accolto l’arrivo di Matteo Renzi come si attende un messia che cambierà il destino del mondo.

Scrive infatti il quotidiano della Santa Sede: ”Ciò che rimane, agli occhi degli italiani e degli osservatori oltre confine, e’ il consumarsi di un’ennesima crisi di Governo dalle motivazioni e dai rituali che sanno di stantio”. Per  l’Osservatore, ”con Renzi arriva perciò il momento nel quale deve voltare pagina l’Italia intera, dopo venti anni poco utili”.

Ma il punto è che la Chiesa aveva già accolto Monti come il salvatore. E, prima di lui, anche Prodi. Nome che, peraltro, spunta ancora oggi nel taccuino dell’ex sindaco scout di Firenze.

C’è da stupirsi? Il mondo cattolico, anche quello delle alte colonne, è allo sbando. Come non dimenticare che l’attuale direttore dell’Osservatore, Vian, è anche amico del politologo tuttologo Galli della Loggia, la cui consorte è firma di pregio dell’Osservatore, Lucetta Scaraffia…

Un anno e mezzo fa la Conferenza episcopale salutava con piacere l’arrivo del cattolico Monti. Ora saluta con gioia l’arrivo di Renzi, l’uomo della successione prevista dalle scritture finanziare già due anni fa. Quando venne tolta la carta che fece cadere il castello padano che era l’ultimo argine formale al sistema. Giù quello, giù tutto. Stava scritto.

Ora il mondo cattolico inneggia a Renzi,  e scrive ancora: con Renzi il “contesto sembra favorevole, con i primi timidissimi segnali di uscita dalla crisi e con un quadro politico che pare poter definitivamente prescindere dal dualismo del pro o contro Berlusconi. Renzi dovrà giocare proprio su questi due tavoli”, le riforme strutturali e le riforme istituzionali, ”con in testa una nuova legge elettorale”.

Il mondo cattolico è  frantumato. Un po’ con Scelta Civica, un po’ con Forza Italia, un po’ con Lupi, un po’ con Mario Mauro.

Persino il Sussidiario, 100mila accessi al giorno, aveva iniziato ad attaccare Monti… dopo aver messo in prima pagina l’uomo di Goldman Sachs.

Dov’era un anno fa questo mondo  che inneggiava al premier glaciale portatore degl interessi innominabili? Sono in atto grandi manovre e nessuno sa da che parte si sta andando. Il papa non si occupa delle rogne della Cel, quella Udc e forza italiota si stanno forse ricompattando su una sorta di patto Gentiloni, ovvero  portiamo a casa le nostre cose, più che si può. In politica, anche se c’è chi dirà “ma chi se ne frega”, il peso del potere del mondo cattolico conta ancora. Basta vedere in cielle… Un ciellino in politica quante preferenze si porta appresso? Detto tutto…

Massì, che volete che sia allora inneggiare a Renzi, l’uomo che sistema il caos? Peccato che il problema del cristianesimo sia occupare i posti del potere. Ma qualcuno, nel deserto, proprio per evitare questo, non aveva detto sempre di no alle lusinghe di Satana?

Evviva la loro Provvidenza. Che non fa rima con la nostra Indipendenza.

*Presidente Indipendenza Lombarda

Print Friendly, PDF & Email

Recent Posts

2 Comments

  1. alex says:

    tutti salvatori
    è 20 anni che l’italia deve essere salvata
    i vari messia: berlusconi prodi berlusconi monti letta e via andare, ogni volta crisi ogni volta salvatori tecnici super professori giovani rottamatori ed ogni volta l’italiota sceglie il peggio…

    ed alla fine è quello che si merita

  2. Dan says:

    Sto pupazzo è solo la testa di legno dell’ennesima lobby.
    La domanda importante quindi è quale lobby.

    Lobby di imprenditori italiani ben radicati sul territorio e seriamente intenzionati a restarlo ?

    Lobby di multinazionali straniere intenzionate a comprarci a prezzo di saldo ?

    O sono l’ennesima, la stessa, lobby di banchieri di sempre interessata solo ad avere qualcuno che garantisca con i soldi nostri per i loro casini finanziari ?

    Intanto però, quei campioni che dovevano fare lo tsunami, che avevano i famosi 8 milioni di elettori esigenti rispetto, continuano con le loro piazzate sul blog ma di fatti concreti meno di zero

Leave a Comment