L’unica speranza per fare la Padania è che si disintegri l’Europa

europa reguzdi MARIO DI MAIO – E’ amaro, a 20 anni dalla nascita della Padania, che ci troviamo a costatare che l’art.1 dello Statuto è ancora lettera morta e l’ indipendenza rimane una chimera. Ovviamente abbiamo fatto errori, forse anche tanti. Ma è da ricordare che in Italia l’ indipendentismo è reato, mentre in Catalogna o Scozia, ad esempio è solo un problema giuridico. In quelle regioni, poi, gli indipendentisti hanno o sfiorano la maggioranza, mentre la Padania tra il 2000 e il 2015 ha subito una ennesima immigrazione di 1,5 milioni di meridionali (Istat). Vanno anche considerati gli immigrati dal centro Italia, gli extracomunitari regolarizzati e votanti, e l’esercito degli universitari “temporaneamente” residenti ma in realtà a caccia di un lavoro stabile. E tralascio volutamente la marea di clandestini.

I nuovi arrivi, salvo lodevoli eccezioni, non hanno nessuna voglia di integrarsi nella cultura padana che anzi “diluiscono” quotidianamente e attivamente.  Praticamente al di sopra del Po si continua a riversare una quantità abnorme di persone che ci sono politicamente “nemiche”. Non cerco alibi per nessuno, ma dubito che in Catalogna o in Scozia arresterebbero Bernardelli o Rocchetta come da noi. Rinfacciarsi quindi colpe vere o presunte peggiora il clima e non risolve la situazione. Serve una strategia nuova, rispettosa dei nuovi arrivati, e che nei limiti del possibile li coinvolga. Pochi slogan e mirati e molte iniziative di sapore antimondialista, perché la globalizzazione uccide le culture di tutti. Il resto si spera di ricavarlo dalla disintegrazione dell’ U.E.

Print Friendly

Recent Posts

One Comment

  1. Padano says:

    Un indipendentista che si dichiari apertamente tale, quale articolo infrange, di preciso?
    Non è una domanda oziosa, voglio sapere nello specifico quali sanzioni prevede l’italia.

    Poi bisognerebbe sbandierarlo presso i partner europei, a cominciare da Spagna e UK.

Leave a Comment