L’UE vuole un Kosovo che sia “europeo” ma anche “multietnico”

di REDAZIONE

Il capo della missione dell’Unione europea in Kosovo, Samuel Zbogar, ex ministro degli esteri della Slovenia, ha detto ieri a Lubiana che ”tutti i Paesi dell’Ue, inclusi anche i cinque che non ne riconoscono l’indipendenza, desiderano un Kosovo europeo e multietnico”, ed ha annunciato che una strategia per risolvere il problema del nord del Paese, almeno temporaneamente, con la quale Pristina dovrebbe dare alcune garanzie culturali ed etniche ai serbi, dovrebbe essere nota ”al piu’ tardi ad ottobre”.

Zbogar ha detto di ritenere che la questione del riconoscimento del Kosovo da parte della Serbia dovrebbe essere lasciata per il futuro. ”D’altro canto sono convinto che in breve tempo e’ possibile fare molte altre cose per instaurare la fiducia tra i serbi del nord e il governo centrale a Pristina, credo che i serbi inizino a capire che il loro status attuale non e’ piu’ sostenibile”, ha osservato Zbogar. ”A Pristina – ha aggiunto – cresce l’insoddisfazione per il fatto che il nord non e’ sotto il suo controllo, che non e’ integrato nel Paese, mentre il nord e’ frustrato dal lungo isolamento e dal continuo stress, e credo ora sia il momento buono perche’ l’Ue, insieme agli Stati uniti, inizi a pensare come smuovere questa situazione”. ”Una soluzione per il nord potrebbe sbloccare anche altre cose, non oserei parlare del riconoscimento, ma almeno di una qualche normalizzazione dei rapporti”, ha precisato il capo della missione Ue in Kosovo.

Alla domanda su come vede la prospettiva di una normalizzazione dopo l’elezione alla presidenza serba di Tomislav Nikolic, conservatore dal passato nazionalista, Zbogar si e’ detto convinto che a Bruxelles al nuovo presidente serbo e’ stato chiaramente detto che ”se la Serbia vuole ottenere la data per l’inizio dei negoziati di adesione all’Ue, allora deve continuare il dialogo con Pristina”.

Print Friendly, PDF & Email

Recent Posts

3 Comments

  1. vasco says:

    ditelo agli Albanesi, che praticano il pogrom contro i Serbi

  2. luigi bandiera says:

    Ma in Kosovo chi komanda..??

    Ma lì IL POPOLO o i popoli, contano un kax o un vero kax..??

    Ah. Ho kapito, kontano kome in italia, cioe’: NULLA o NIENTE..!!

    Salam european…

  3. Marco Casetta says:

    Quando la UE parla di stato multietnico intende che il Kosovo deve essere la patria di tutte le sette musulmane…non fidiamoci della UE: sono collusi e ven duti, sono la rovina della vera Europa

Leave a Comment