L’Ue vuole imporre gli stranieri in Svizzera: il loro referendum non vale

di ANDREA TURATIsvizzera

Per Bruxelles il referendum contro l’immigrazione di massa e un numero contingentato di ingressi in un paese neutrale e sovrano, non deve avere valore. L’arroganza e la prepotenza europa travalica ogni immaginazione a distanza di 14 mesi dal “sì” svizzero all’iniziativa contro l’immigrazione i massa. L”Europa non intende rinegoziare  la libera circolazione delle persone, tanto da pretendere, per voce del capo negoziatore dell’UE, una nuova votazione in Svizzera “alla fine del 2016”.

Insomma, finché non c’è un voto che piace a Bruxelles, si rivota.

“È inconcepibile che si faccia un passo indietro. La clausola di salvaguardia appartiene al passato”, afferma il polacco Maciej Popowski in un’intervista pubblicata da “La Liberté”, riporta il quotidiano il Corriere del Ticino.

Per il nuovo segretario generale aggiunto del Servizio europeo di azione esterna, entrato in carica il primo novembre 2014, spetta alla Confederazione far proposte per uscire dall’impasse. Nel frattempo ogni avanzamento nelle relazioni Svizzera-UE sarà condizionato dall’accordo sulla libera circolazione. . “Piuttosto che riflettere su quello che potrebbero ancora immagazzinare potrebbe essere utile se gli svizzeri vedessero gli enormi vantaggi che hanno grazie alla loro partecipazione al mercato interno, che prendono per acquisito”, argomenta Bruxelles. Certo, i vantaggi che ha l’Italia, ad esempio, o i paesi in crisi.

 

Print Friendly

Articoli Recenti

6 Commenti

  1. luigi bandiera says:

    “Insomma, finché non c’è un voto che piace a Bruxelles, si rivota.”
    .
    E’ successo anche in itaglia qualche tempo fa.
    Protagonisti furono i sindacati e i lavoratori.
    Ci fu un referendum e vinse il NO.
    Fu rifatto perche’ doveva vincere il SI.
    E successe proprio cosi: vinse il SI e cioe’ quello che volevano i democratici e cioe’ D’Artagnan e i tre moschettieri. (Stessa cosa con calendario differente penso sia successo con le annessioni all’itaglia una e indivisibile, adesso..!
    .
    Sempre la BANDA dei QUATTRO c’entra… in ogni tiempos.
    In itaglia non succede kompagno??
    Chi governa oggi??
    Quelli che il popolo voleva scegliere oppure quelli che vogliono loro e cioe’ la BANDA DEI QUATTRO..?
    Non invento mai nulla… sono i fatti a far il “COMPITO DI DETTATURA”.
    Preghiamo perche’ si smetta di usare parole come DEMOCRAZIA in uno stato e status OPPOSTO alla DEMOCRAZIA.
    Meglio l’URSS che l’itaglia a proposito di dittatura rossa.
    Buona domenica

    • luigi bandiera says:

      Ho dimenticato, tagliato, l’Eu… nel discorso precedente dato che l’itaglia e’ nell’Eu.
      Il KOMUNISMO DEMOKRATIKO, di dx di sx e di cnt, GOVERNA L’OCCIDENTE..!

  2. Roberto Porcù says:

    Siamo in molti a considerare la Svizzera una bandiera e questo non è accettabile. I burocrati “mai eletti” che nella UE fanno le leggi che poi impongono agli stati, non accettano ci sia proprio dentro di essa un posto dove siano i Cittadini ad essere padroni del loro Stato. Questo è un esempio molto brutto da cancellare quanto prima.
    L’atteggiamento verso la Svizzera è paragonabile a quello dei satrapi del medio oriente nei confronti della democrazia di Israele, da cancellare quanto prima, o della associazione a delinquere di stampo politico-burocratico nei confronti di Berlusconi che non nasconde di aver fatto e continuare a fare un pozzo di soldi con tre reti televisive a diffusione nazionale mentre noi Cittadini italiani oltre al canone dobbiamo ripianare i bilanci della “nostra” Rai. Qualcuno di noi potrebbe pensare che lì mangiano alla grande, ed allora l’uomo è da “silenziare”.

  3. caterina says:

    ma come possiamo accettare noi, che pensiamo di essere persone civil,i di trovarci in balia di teste di cavolo così idiote ed arroganti.!..come abbiamo potuto arrivare a questo… altro che dispotismi del passato… ne abbiamo creati di nuovi…perchè? a chi fa comodo ora?…a invisibili poteri di massificazione ed omogeneizzazione? dove è andata a finire la nostra dignità di persone e di popoli ?

  4. luigi bandiera says:

    L’Eu e’ democratioca come la ex DDR..?
    Mah… ho certi presentimenti..?

  5. Dan says:

    >> Insomma, finché non c’è un voto che piace a Bruxelles, si rivota.

    Finchè troveranno gente disposta ad esprirmersi sempre e solo per vie pacifiche finirà sempre così.
    Bruxelles e tutti gli stati suoi vassalli hanno tanto bisogno di provare ben altre medicine ma non ad opera di quattro gatti così da poterli chiudere in un recinto (gli evasori, i no global, gli anarcovattelapesca, i razzisti…) ma ad opera di intere popolazioni.

Lascia un Commento