Davide Lovat: “Se divento sindaco rifiuterò la fascia tricolore”

di REDAZIONE

“Non metterò la fascia tricolore in caso di elezione a Sindaco di Vicenza, perché l’Italia si sta trasformando in una tirannia statale e le libertà che rendono tale la democrazia vengono sistematicamente cancellate in nome di una crisi economica che diventa il pretesto per instaurare un Eurofascismo di stampo totalitario mascherato da democrazia con il voto a partiti funzionali al sistema”. Lo afferma Davide Lovat, candidato di Veneto Stato a Sindaco della città di Vicenza, nell’introdurre la sua analisi critica al Redditometro messo in atto dal Governo come misura per la lotta all’evasione fiscale. “Non basta votare per essere in democrazia”, prosegue: “in tutti i regimi totalitari del secolo scorso si è sempre votato, infatti …”

“Lentamente ci stanno togliendo la libertà e sembra che a tutti vada bene”, continua Lovat. “Il Redditometro è uno stupro della più elementare delle libertà, cioè fare dei soldi guadagnati ciò che si vuole senza dover dire ad alcuno come si spendono”. “I soldi guadagnati non sono la paghetta della mamma”, sottolinea il candidato a Sindaco di Veneto Stato, “sono proprietà privata sulla quale lo Stato non ha diritto di mettere becco o ficcare il naso”! “La lotta all’evasione fiscale è sacrosanta”, continua Lovat, “ma esiste un limite al diritto dello Stato di controllare la vita delle persone. Almeno fino a quando la Costituzione sarà in vigore, insieme ai diritti dei cittadini che essa declama”.

Lovat conclude con un monito: “Qui tutti tacciono e nessuno riflette su cosa sta accadendo: una classe politica inetta sta assistendo alla soppressione del diritto al riposo domenicale e all’erosione dei diritti costituzionali in materia di lavoro e impresa, famiglia, proprietà privata e adesso perfino quelli della persona”. E rilancia il candidato a sindaco della città berica: “Veneto Stato auspica l’indipendenza da questa Repubblica borbonica che è ormai l’Italia, e propone come modello la vicina federazione cantonale elvetica; ma nel frattempo servono parole nette e, per questo, affermo che qualora diventassi Sindaco rifiuterei simbolicamente la fascia tricolore per sollevare il conflitto di costituzionalità che queste norme vessatorie recano nel loro contenuto, pur entrando in vigore nell’indifferenza generale”.

 

Print Friendly, PDF & Email

Related Posts

10 Comments

  1. RomaCapitale says:

    Meno male che questo non e’ diventato Sindaco, e’ un poveraccio che cerca consenso elettorale con la solita trovata mediatica. Gentile Lovat si ricoveri d’urgenza di questo passo il fegato se lo spappolera’….

  2. Maurizio Brigante says:

    Dizionario del SUD: (popolare)
    “fatto alla garibaldina”…azione veloce ma fatta male, confusa o senza scrupoli. (significato negativo)

    Dizionario del Nord:
    Irruento e generoso, talvolta irriflessivo, alla garibaldina, d’impeto e con una certa improvvisazione
    (significato sostanzialmente positivo)

    Il linguaggio è importante per capire la realtà o la percezione delle cose.
    Borbonico ha un significato negativo, solo perchè, in quel momento storico bisognava denigrare quella monarchia, c’era un fondato motivo: Restaurazione.
    Oggi, non ha ragione di continuare ad usarlo impropriamente, studiando i testi (non scolastici, per carità) quel significato è usato malissimo, poichè se non furono aquile, men che meno lo furono i Savoia. Chi scrive non è neo borbonico, ne altro, solo mettere un po’ di verità storica.

  3. gigi ragagnin says:

    lovat = cavallo in ungherese (all’accusativo)

  4. Rodolfo Piva says:

    Piccola precisazione. E’ errato parlare di “repubblica borbonica” perchè se si continua ad usare l’aggettivo “borbonico” in modo dispregiativo, si assecondano i farabutti risorgimentali unitaristi. Il Regno delle Due Sicilie ed il Governo dei Borboni è stata cosa ben diversa da quello dei Savoia e delle loro pezze da piedi. E’ sufficiente documentarsi consultando l’ampia letteratura sull’argomento. A scanso di fraintendimenti, chi scrive, non è membro del Movimento Neoborbonico ma di Unione Padana ma la serietà verso la verità storica passa sopra qualsiasi cosa. Cordiali saluti

    • luigi bandiera says:

      Piva,
      Verissimo..!!

      Ma sai no, siamo TRIRINKOGLIONITI DALLA NASCITA DALLA KST PER CUI… TRIRINKOGLIONIREMMO SEMPRE NEI NOSTRI TRIURINKOGLIONITI PENSIERI… SBAGLIANDO..!!

      MAI PIU’ SOTTO A NESSUNO (Ulisse non c’entra)..!

      SVOBODAaa..!!!!!!!!!!

  5. luigi bandiera says:

    Osservando come e’ andata e va la storia le rivoluzioni o i cambiamenti radicali hanno portato a un primo ottimismo per poi passare al pessimismo.
    Venerdi’ Super Quark preso con le pinzette del caso ha trasmesso un servizio sulla rivoluzione inglese.
    Era nato a quel tempo il KOMUNISMO.

    Trasmissione interessate per chi vuol leggere i fatti (sempre presi con le d’uopo pinzertte).
    Facevo zapping e vedendo di che parlavano mi fermai e feci bene.

    Da li si comprende che il popolo ha bisogno di un uomo carismatico. Di un qualcuno superiore.
    Tornarono al re perche’ da sempre considerato li’ per volonta’ divina e quindi del Supremo.
    La massa ha bisogno del PASTORE.

    Ad oggi in italìa di pastori non se ne sono visti.
    Chiaro, in un ordinamento repubblicano il pastore lo fa il partito, ma non e’ detto visto gli eventi in Inghilterra del tempo di Carlo I, decapitato, e di tante altre rivoluzioni “DEMOCRATICHE”. (Kax, un tempo tse se avevano dei bei sistemi per eliminare l’avversario).

    Forse vale davvero il detto: si stava meglio prima quando si stava peggio..?

    Mi sa proprio di si.

    Scrivevo: col carisma si comanda e non coi voti.

    Le dimostrazioni sono scritte nei fatti storici.

    Quindi e concludendo..?

    Se non spuntera’ un uomo o un partito o un movimento o un kax che volete che sara’ stracolmo di CARISMA, non succederas’ NULLA ne oggi e ne in avvenire.

    Tuttavia, potrebbe arrivare un altro elemento a far scattare la molla che poi muovera’ la massa verso un NUOVO MONDO: LA FAME..!

    Oggi i ristoranti, i villaggi turistici e tante altre “stanze” sono stracolme di persone… escono sazi e sui piatti lasciano tanto cibo che va nella discarica.
    Che spreco, che vigliaccheria se pensiamo a quelli che muoiono per mancanza di cibo.
    Pero’ sono perche’ GLI ALTRI aiutino quei miserabili.
    C’e’ anche tanta fame e sete di GIUSTIZIA…
    E anche qua, i giudici spingono perche’ GLI ALTRI facciano giustizia. Siano piu’ giusti per cui onesti..!
    Magari si buttano (non dalle scale) in politica perche’ forse da li’ poi si potra’ fare giustizia… o dell’ALTRO..?

    E i MENENI sono tutti li’ impegnati perche’ bisogna cambiare partito (che non parte mai e infatti RIMANE) magari almeno il nome che sia diverso perche’ cosi’ i PEONES soliti pensano che e’ tutt’altra cosa. E ci cascono specie col voto, la IKSE (X). Scriverei iktse… per dare meglio l’idea di quanto vale una X -iktse- oggi. Anche ieri era KONPAGNO.

    Leggi bene il presente ed avrai passato e futuro in mano (byLB).

    Si, con fascia o con senza fascia lo sfascio continua..!

    Cosi’, divagando a ruota libera.

    Amen

  6. Unione Cisalpina says:

    KE Dio TI BENEDIKA ed i VENETI TI PREMINO !

  7. Alfonso says:

    Lamentarsi di “erosione dei diritti costituzionali” e rifiutare la fascia tricolore è una contraddizione.

  8. gianni says:

    Siamo lontani dal mio pensiero, io non rifiuto la fascia,solo per spot elettorale, io mi rifiuto di servire questo stato e per cortesia non venitemi a raccontare che bisogna “occupare” per poter cambiare le cose…… anzi si ditemelo, mi fa bene addormentarmi dopo una salutare risata…..ma daiiiiii

Leave a Comment