Lombardia: ormai volano gli stracci fra Formigoni e la Lega

di REDAZIONE

Volano gli stracci ormai fra Roberto Formigoni e la Lega Nord. “Candidare Maroni alla presidenza della Regione Lombardia sarebbe un errore esiziale”. E’ quanto sostiene il governatore lombardo che, intervistato da Tgcom24, spiega che “il progetto della Lega, cioe’ di diventare partito egemone nel nord, e’ antitetico e ostile nei confronti del Pdl. E noi cosa facciamo? Gli serviamo la pappa fatta su un piatto d’argento?”. Per questo, sottoliena Formigoni “ho invitato Berlusconi a pensarci bene perche’ candidare Maroni sarebbe un errore esiziale, che porterebbe alla sconfitta sicura non solo della coalizione ma anche alla scomparsa del Pdl”.

Arriva immediata la reazione leghista. ”Formigoni e’ ancora immerso nel suo bagno di folla di Rimini, sono due mesi che naviga in questa placenta come se nulla intorno a lui fosse successo. Ora, dopo che la Lega per quasi 20 anni lo ha appoggiato, volta le spalle
al suo alleato che ha espresso il candidato governatore. Ingrato e presuntuoso se pensa di parlare a nome degli elettori del Pdl”. Lo afferma il senatore della Lega Nord, Fabio Rizzi; ”Se si sente ‘il celeste’ contatti la Lavazza”, conclude.

Intanto il Carroccio lancia una nuova “gazebata” a sostegno di Maroni. Dopo la due giorni di ‘primarie’ che nel mese di ottobre hanno deciso la candidatura del segretario federale alla presidenza della Regione Lombardia, ”il 15 e 16 dicembre i gazebo della Lega torneranno in duemila piazze in Lombardia per lanciare la candidatura e il programma” del leader del carroccio aspirante governatore. Lo fa sapere il segretario della lega lombarda Matteo Salvini, nel giorno in cui le primarie del centrosinistra stanno riscuotendo una massiccia
partecipazione. ”La partecipazione dei cittadini – ha osservato
in proposito Salvini – e’ sempre una buona notizia”.

Print Friendly, PDF & Email

Recent Posts

Comments are closed.