Lombardia, nonostante il tradimento padano non resta che secedere

di STEFANO CRIPPA

Siamo fortunati! Alla nostra generazione è stata data la possibilità di vivere questo fantastico momento per le sorti dell’Europa: il nostro nord-est è in subbuglio e Trieste si sta preparando ad elevarsi, come una moderna Boston, a città apripista di una rivoluzione indipendentista che farà crollare questo Stato su se stesso; Le Fiandre si apprestano ad affrontare una votazione che, molto probabilmente, segnerà la fine del Belgio, per come noi lo conosciamo, e da ovest si sta alzando un vento impetuoso che sconquasserà le fondamenta di questa Europa: Catalunya e Scozia, tramite voto popolare, si apprestano a diventare repubbliche indipendenti.

In questo contesto continentale la mia terra, la Lombardia, si trova sugli spalti, come spettatrice inconsapevole del cambiamento, stretta fra la paura italica e il tradimento padano o, più precisamente, quello di una classe politica che, una volta eletta, ha preferito il caldo abbraccio del potere alla libertà della nostra gente.

Il governo italiano si sta apprestando a toglierci le nostre ultime libertà puntando… CONTINUA A LEGGERE QUI.

Print Friendly, PDF & Email

Recent Posts

3 Comments

  1. carla 40 says:

    Anche a me piange il cuore quando sento affermare che noi lombardi siamo egoisti, cattivi , razzisti… Ma quando mai? Sono lombarda, qui abbiamo sempre accolto TUTTI, prima gli immigrati interni, ora quelli che vengono anche CLANDESTINI, dando loro la PRECEDENZA a parita’ di condizioni con la NOSTRA GENTE in difficolta’. Sarebbe davvero ora di dire BASTA con i fatti e non solo a parole. Lo dico da sempre: la SECESSIONE e’ la unica soluzione a tanti problemi. Ma bisogna volerla non solo con sporadici proclami come qualcuno ha fatto in passato. Grazie per il bell’articolo!

  2. Dan says:

    A prop di Trieste. Qualche giorno fa se non sbaglio doveva scadere il famoso ultimatum. Lo stato non li avrà cagati neppure di striscio quindi che fanno adesso ?

  3. Unione Cisalpina says:

    il vessillo illustrato nella foto e ke sovrasta, sventolando, l’artikolo ke prospetta la nostra libertà ed indipendenza, m’inkuieta e demoralizza pure xkè la volontà a kùi s’ispira è proprio kuella della nostra sekolare servitù e dabbenaggine inkosciente…

Leave a Comment