Lombardia, Maroni: tutti a casa se qualcuno pensa solo a giochi di potere

di REDAZIONE

“Io sono stato eletto dal popolo lombardo e ho la responsabilita’ di prendere decisioni”. Dal palco del congresso dei giovani padani, riunito oggi a Milano, il segretario federale della Lega Roberto Maroni, e presidente della Lombardia, sottolinea come la via istituzionale “non e’ facile perche’ avevamo degli alleati mentre ora ci viene detto che il Pdl e’ solo un contenitore e noi siamo interessati invece ai contenuti”. Detto questo avverte: “Io sono stato eletto dal popolo lombardo e ho la responsabilita’ di prendere decisioni e se qualcuno pensa di mettersi di mezzo per altri scopi, per giochi di potere, per interessi e affari. Un minuto dopo si va tutti a casa”.

“Abbiamo davanti grandi spazi politici perche’ i partiti si stanno disfacendo. Tra pochi giorni il Pdl non esistera’ piu’ e noi abbiamo la possibilita’ di entrare li’ e recuperare consensi”. E’ quanto ha dichiarato il segretario federale della Lega, Roberto Maroni, intervenendo in serata al congresso dei giovani padani riuniti al Teatro Nuovo di Milano. “Noi non abbiamo bisogno di cambiare il nostro nome, non ce ne vergognamo: ci chiamiamo da sempre Lega”.

Al segretario federale della Lega nord, Roberto Maroni, non sono piaciuti i due striscioni apposti oggi al Teatro Nuovo, in occasione dell’assemblea dei giovani padani, che raffiguravano l’Unione Europea contraddistinta dalla falce e martello e una svastica. “E’ un eccesso” ha detto ai giovani padani Maroni. L’Europa, ha proseguito “non e’ ne’ nazista ne’ comunista e’ solo inefficiente preda di lobby e di banchieri. Non e’ figlia di ideologie ma ben peggio. Le ideologie -ha aggiunto- almeno avevano dietro delle utopie. Oggi e’ solo un’Europa di affari, di lobby, di Monti e banchieri”.

Print Friendly, PDF & Email

Recent Posts

14 Comments

  1. Miki says:

    “Noi non abbiamo bisogno di cambiare il nostro nome, non ce ne vergognamo: ci chiamiamo da sempre PADANIA”.

    Zimpatiche zaltroncello qvesto baffino! Mattacchionen.

  2. mario brescia says:

    allora fai le valige

  3. Teresa says:

    Concordo con Kalenord. Per quanto possa non piacere, legittimamente, la Lega Nord, è sciocco continuare a inveire contro i leghisti qualunque cosa dicano o facciano. Mi domando: uno che vuole l’indipedenza non dovrebbe sostenere chi la pensa allo stesso modo? Non è una questione di voto ma di rispeto dell’ideale e dell’obiettivo. E per il suo raggiungimento. Lasciate perdere questo astio da 4 soldi… Fate qualcosa anche voi, nessuno i obbliga a votare la lega…

    • Unione Cisalpina says:

      devi imparare a distinguere tra il dire ed il fare… tu guarda sempre gli atti, i fatti… le parole poi se le porta il vento…

  4. luigi bandiera says:

    Caro Roberto Maroni,

    vuoi dire che e’ dei BRIGANTI, dei RAPINATORI e dei MANTENUTI..?

    No, dico. E’ per saperlo. Cioe’, domando ne’.

    Ma poi domando ancora: perche’ rimanerci lì dentro..??

    Se prima l’euro ci ha impoveriti, adesso aspettiamo che lo stato URKA (EU) si concretizzi per darci il COLPO DI GRAZIA..??

    TAGLIAMO LA CORDA FIN CHE SIAMO IN TEMPOooo..!!!

    ANCHE DALL’ITALIA..!!!

    Cordiali saluti.
    LB

  5. Unione Cisalpina says:

    se kualkuno si aspettava risposte, ekkolo servito “il NULLA SPINTO…e XSISTENTE”.-

    • Unione Cisalpina says:

      e c’è kualkuno a Bergamo, leghista, ke dice d’essere Rivoluzionario … hahahahahahahahaha

      • Unione Cisalpina says:

        volete skommettere ke è proprio il maroni, insieme al toso, a frenare Zaia in regione, cirka il referendum sull’Indipendenza del Veneto x un suo Stato “?

        ,,, i pretesti, ora, sono la speranza di peskare voti nel disfacimento del PDL …

        ieri, H24Votini, kon prima il nord, voleva fare la makròregione… avete notizie in meriyto !?

        sono solo grandi kiavike !

        • kalenord says:

          unione cisalpina, un consiglio:
          trovati un donna e magari inizia a combattere seriamente per la libertà della nostra terra.
          E’ molto più rivoluzionario il ragazzo bergamasco che oggi, a Milano con 30 gradi, era lì per parlare di come costruire un Futuro per i giovani della Padania, che un pirla che passa le sue giornate a scrivere insulti contro i leghisti su “l’indipendenza”. E questo vale per il 90% di chi commenta su questo giornale.

          • fg says:

            E’ sicuramente più rivoluzionario il giovane militonto che si preoccupa delle generazioni future, ma se lo fa all’interno della Lega Nord per la Sodomizzazione dei Padani….è anche più pirla !!!

            Meglio un pirla semplice non rivoluzionario di un superpirla rivoluzionario ???

            Pirla per pirla…più KAKKA per tutti !!!

            • Unione Cisalpina says:

              sai kosa fg !? … so benissimo ke rispondere ad un idiota non si fa altro ke peggiorare la sua kondizione xkè alla fine, il poveraccio, magari si krede di dire kose intelligenti … xò un tentativo lo voglio fare… rifletti 😀

              hahahahahahahahaha

          • Unione Cisalpina says:

            beh… grazie x il “rivoluzionario da testiera” … un po’ meno x il “segaiolo”… 😀

          • luigi bandiera says:

            kalenord,

            se ci metti il tuo nome e cognome si puo’ considerare il tuo commento.

            Comunque il tipo UC (anche lui senza nome e cognome perche’ lavora per la CIA) non ha tutti i torti…

            La politica e il resto e’ come nella staffetta: c’e’ chi parte per primo, poi c’e’ quello che parte nell’intermedio e in fine parte l’ultimo magari vincitore (forse) ma se vince e’ per tutti.

            Noi siamo partiti per primi… adesso tocca a voi..!!

            VOLETE CORRERE O DISCORRERE..??????????????

            OH KAXXO..!!!!!!!!!!!!

            BASTA CO STA STORIA…

            Vedi mo kalenord,

            si cerca sempre di offendere o colpire chi si esprime.

            O perche’ non rispetta l’italianstrakan nello scrivere, o perche’ esterna pensieri diversi dai piu’ correnti, o perche’ vuole dire A ma vien capito Z e tante altre storie idiote e non a pro noi.

            Noi, se dobbiamo essere veramente indipendenti dall’italia, minimo, ma veramente minimo, dovremmo abbandonare l’uso della lingua talibana.

            Dire di voler l’indipendenza dall’italia senza (e abbiamo le lingue alternative. Non le avessimo sarebbe giustificato, ma ci sono) abiurare la lingua italiana e’ essere separati in casa..!! Cioe’ e pero’ essere farisei..!

            Cioe’, NULLA DI CONCRETAMENTE VISIBILE..!!

            Cioe’ due dire: siamo indipendenti o separati ma nello stato itaglia rinchiusi. E guai ad usare un lessico BARBARO. Bisogna rispettare al milion par milion quello italiano o meglio TALIBANO..!

            Usare il lessico italiano o talibano e’ voler fare gli italiani o i TALIBANI a tutti i costi..!

            QUINDI..??

            Per capirci, bene la lingua franca come il talibano, ma non facciamocene un dramma se uno e’ gia’ SEPARATO proprio..!!
            Detta papabile papabile.

            Gli invasori non parlano italiano sebbene vogliono i diritti italiani.

            Kax, non penalizziamoci ogni tanto con interventi che altri non fanno se sono inglesi o francesi.

            Va ben, date i vostri dati quando comunicate e non vergognatevi di essere VOI stessi..!

            Saluti.

Leave a Comment