Lombardia, Maroni: bilancio dei primi cento giorni meglio dei precedenti

di REDAZIONE

“E’ stato un lavoro enorme, che non ha precedenti: andate a vedere i cento giorni precedenti”. Cosi’ Roberto Maroni ha tracciato il bilancio dei primi cento giorni della giunta lombarda da lui guidata. In una conferenza stampa, a Palazzo Lombardia, il governatore ha illustrato ai giornalisti, con una lunga presentazione accompagnata da ‘slide’, una “sintesi” dei risultati raggiunti finora. “Sono molto soddisfatto di cio’ che la giunta ha fatto”, ha affermato, “ringrazio tutti gli assessori per l’impegno profuso e l’attenzione avuta nel lavoro di squadra, tra tante difficolta’”.

In sintesi, Maroni ha ricordato che sono “piu’ di 24 i milioni risparmiati” con la riduzione dei costi della politica in Regione; “oltre 1,5 i miliardi liberati” a favore delle imprese; “oltre 500 milioni” a sostegno delle famiglie lombarde e piu’ di 200 milioni per Comuni, Province e ambiente. Si tratta, ha calcolato, di investimenti di “oltre 2 miliardi in cento giorni”: piu’ di 20 milioni al giorno. Il governatore ha poi spiegato che la costituzione della macro-regione, tema centrale della sua campagna elettorale, e l’azzeramento dei ticket sanitari sono “obiettivi di fine legislatura”. La cancellazione dei ticket e’ vincolata al trattenimento sul territorio di una percentuale maggiore delle tasse pagate dai cittadini lombardi.

Nelle ‘slide’ illustrate da Maroni – in alcune era riportato il ‘timbro’ “Detto, Fatto!”, presente anche nella campagna di comunicazione uscita sui media locali e finanziata dalla giunta – sono stati presentati nel dettaglio diversi provvedimenti. Per quanto riguarda la riduzione dei costi della politica, si ricorda che sono state “tagliate del 30% le spese di rappresentanza della giunta e del 10% di quelle per gli assessorati, per un totale di 10 milioni di risparmio in 5 anni” ed e’ stata approvata una nuova legge regionale che “riduce del 50% le spese dei gruppi consiliari: 14,5 milioni risparmiati ogni anno”. Maroni ha poi ricordato di aver rafforzato, poi, il sistema dei Confidi con 22 milioni di euro a garanzia dei prestiti gia’ erogati alle piccole e medie imprese lombarde, piu’ 500 milioni di nuovi finanziamenti. Di aver ‘congelato’ l’aumento dei ticket sanitari deciso dalla giunta precedente, proposto una riforma delle agenzie di edilizia residenziale pubblica, oltre alla moratoria sull’apertura di nuovi centri commerciali approvata dal Consiglio regionale. Infine, i provvedimenti di sostegno ai giovani, il fondo per le famiglie e gli stanziamenti a sostegno delle aree terremotate del Mantovano.

Print Friendly, PDF & Email

Recent Posts

12 Comments

  1. Aquele Abraço says:

    Mai dubitato delle sue capacità amministrative, il problema vero, è che ha dimenticato che al primo punto dello statuto leghista c’è l’indipendenza dei popoli padani. Forse per questo ci vogliono più maroni che altri Maroni.

  2. alessioXL says:

    Cassano Magnago, Bossi parla ma la sala è vuota

  3. alessioXL says:

    Maroni è’ uno che se gira a piedi per Milano lo arrestano per vagabondaggio.

  4. Tante parole per imbrodarsi ma agli effetti reali i Lombardi non hanno notato differenze. Sembra che il solo cambiamento riguarda la sostituzione di alcuni deredani a scaldare le poltrone. Il Paese continuerà a marcire fino al botto finale per mandarli tutti a casa o in galera.
    Anthony Ceresa.

  5. Raffaella says:

    Complimenti alla Votino per il comunicato padano…..!!!!

  6. Berghemadler says:

    E quando farà qualcosa di “padano” ?
    Invece di fare il bravo maestrino.
    Si vanta di risparmiare : così restano più soldi per la Sicilia !!!
    Una vera acquila di cui non si sentiva il bisogno.
    … Che tristezza

  7. Antonino Trunfio says:

    detto, fatto. Ma c’è qualcuno che se ne è accorto ? Maroni si dice soddisfatto. Beh se lo dice lui di se stesso, c’è da crederci

  8. Nazione Toscana says:

    Nell’ottica di farsi spremere ancora, va tutto bene.
    Qualcun altro si godrà i frutti, come al solito.
    Siamo quelli che danno l’esempio.
    Ma a chi?
    Maroni faccia come il comandante kirk.
    Ci porti fuori!

    • Veritas says:

      Il guaio, grosso come l’Etna, è, appunto, l”Etna….Qui si cerca di diventare sempre più virtuosi, ma a favore di chi? Basta leggere l’articolo della Frankfurter Allgemaine su questo stesso quotidiano.

  9. Luigi says:

    I costi della politica li ha ridotti Maroni? Sicuri? Sicuri sicuri? Non ha attuato una legge di Monti che oblliga le Regioni a diminuire i costi del…….. No, che dico. In 100 giorni Maroni ha fatto più nei 150 anni d’Italia.

    Ha congelato ticket? Quelli che aveva approvato la maggioranza precedente che era PDL e …e…e…acc, non ricordo. Un partito che esisteva allora..

    Si è dimenticato di tutte le opere che ha inaugurato in questi 100 giorni? Magari iniziate 20 anni fa, ma il merito va a chi taglia il nastro…vero?

    Neanche i democristiani facevano certe pagliacciate.

    • Unione Cisalpina says:

      è un poveraccio inadeguato alla bisogna … inaffidabile kome padanista ed indipendentista… manko autonomista è ! … pazzesko kome kontinuino a sostenerlo…

      • Gian says:

        ma tu che ti sbrodoli tanto di autonomismo, padanismo, ecc, ecc tu sei un padano doc o sei un infiltrato sotto mentite spoglie?

        quando uno scrive “manko autonomista è” mi sembra molto poco padano o cisalpino e molto ma molto mediterraneo.

Leave a Comment