Lombardia: fra gli indagati la Minetti e Renzo Bossi

di REDAZIONE

MILANO – Dai ristoranti alle sigarette, dalle munizioni ai cocktail. Le spese quantomeno «dubbie» – rimborsate con soldi pubblici – dei consiglieri della Regione Lombardia in quota Pdl e Lega sono finite nel mirino della procura. Sono 40 i politici del Pirellone indagati, tra questi anche Nicole Minetti e il figlio del Senatùr Renzo Bossi. Gli investigatori della guardia di finanza hanno accertato un utilizzo illecito dei rimborsi regionali dei gruppi consiliari. Milioni di euro ogni anno per tutti i gruppi consiliari e che si aggiungono ai già tanti benefit dei politici. In particolare l’indagine riguarderebbe spese fatte al di fuori dell’attività politica con soldi pubblici. Tra gli indagati, i capigruppo in Regione del Pdl e della Lega Nord, Paolo Valentini e Stefano Galli per l’accusa di peculato e che riguarda una quarantina di consiglieri lombardi.

LE VERIFICHE – A dare il via al nuovo scandalo, le verifiche per l’indagine di corruzione su Davide Boni, ex presidente del Consiglio regionale della Lega e sull’ex assessore del Pdl, Franco Nicoli Cristiani, arrestato un anno fa con in casa una mazzetta da 100 mila euro. Lo scorso 10 ottobre i finanzieri del Nucleo di polizia tributaria, su ordine del procuratore aggiunto di Milano Alfredo Robledo e dei pm Paolo Filippini e Antonio D’Alessio, erano andati in Regione Lombardia con un decreto di esibizione di documenti e avevano acquisito i rendiconti dei gruppi consiliari lombardi di Pdl e Lega dal 2008 al marzo del 2011. Sul decreto in quella occasione erano indicati i nomi di tre indagati per peculato e truffa aggravata: il leghista Davide Boni, Franco Nicoli Cristiani (Pdl) e l’ex assessore regionale Massimo Buscemi del Pdl. Sotto la lente di ingrandimento degli investigatori sono finite le spese di comunicazione e di rappresentanza, ritenute sospette, dei gruppi consiliari del Pdl e della Lega e in particolare i finanzieri avrebbero accertato spese, per cene e viaggi, illecite.

GLI ALTRI GRUPPI – La guardia di finanza di Milano sta acquisendo in Regione Lombardia con un decreto di esibizione i documenti relativi alle spese di altri Gruppi consiliari, tra cui Pd, Idv e Sel. Al momento, l’inchiesta vede una quarantina di indagati tra consiglieri del Pdl e del Carroccio.

FORMIGONI: QUI NON C’E’ BATMAN – «Batman non c’è in Lombardia»: lo ha detto Roberto Formigoni rispondendo ai giornalisti sulla inchiesta sui rimborsi. «Credo proprio – ha aggiunto – che i nostri gruppi abbiano rispettato fino in fondo le regole, credo che ci sia un grande equivoco alla base di tutto questo perché le regole in Lombardia sono chiare e sono assolutamente diverse da quelle delle altre regioni».

BOSSI E MINETTI – Tra i consiglieri regionali lombardi indagati dalla Procura di Milano per peculato risulta anche l’ex Renzo Bossi, figlio del Senatur. Secondo l’accusa le spese personali venivano addebitate al gruppo consiliare pur non trattandosi di costi sostenuti per l’attività politica. Ha comprato il libro «Mignottocrazia» e ha conservato lo scontrino, invece, Nicole Minetti, anche lei tra gli indagati dell’inchiesta. L’ex consigliera regionale ha speso 16 euro di soldi pubblici per comprare il testo «Mignottocrazia». Ma non solo. Ha pagato 832 euro un aperitivo all’hotel principe di Savoia e 400 euro una cena da «Giannino». L’ex consigliera ha anche comprato un iPad da 750 euro, nonostante la Regione Lombardia ne avesse già dato uno ad ogni consigliere. In tutto, le spese di Nicole Minetti fatte con i fondi del Pirellone ammontano a decine di migliaia di euro.

Fonte originale: www.corriere.it

Print Friendly, PDF & Email

Related Posts

2 Comments

  1. Ferruccio says:

    Sicuramente il Boni, il Galli ,lo Zanello, e tutti gli altri consiglieri regionali legaioli di secondo e terzo mandato al pirellone di rimborsi spese al di fuori della norma e correttezza sono molto più informati di Renzo Bossi e della sig.a Minetti………

  2. spero solamente che restituiscano tutti i soldi, con interessi, tassa e sovratassa….magari se si mette di mezzo Equitalia, riusciamo a recuperare tutto!?

Leave a Comment