Lombardia: Formigoni non si dimette. Azzerata la giunta regionale

di REDAZIONE

Il governatore della Regione Lombardia, Roberto Formigoni, ha annunciato che non intende dimettersi ma che azzererà la giunta e provvederà a nominarne una nuova molto ridotta rispetto alla precedente.

E’ il risultato del vertice durato tutto il giorno a Roma con il segretario del Pdl, Angelino Alfano, e il segretario della Lega, Roberto Maroni, a seguito della tensione creatasi tra gli alleati di Formigoni dooo che ieri, nell’ultima delle vicende giudiziarie che hanno colpito esponenti della Regione Lombardia, è stato arrestato un assessore pidiellino accusato di aver comprato voti da due esponenti della ‘ndrangheta per le Regionali del 2010.

“Sono in condizione di dire che la Giunta è azzerata e procederò a dar vita a una giunta nuova, fortemente ridimensionata nel numero. Sceglierò delle persone che portino avanti una politica dell’eccellenza”, ha detto Formigoni in una conferenza stampa con i segretari di Pdl e Lega,

Il presidente Pdl della Regione lombarda ha aggiunto che lavorerà alla nuova giunta nei prossimi giorni – “non aspettatevi annunci nelle prossime ore” – e che tra le riforme che saranno varate entro fine anno ci sarà il varo di una nuova legge elettorale con la eliminazione del “privilegio del listino bloccato”.

La Lega non ha mai chiesto il voto ad aprile per le regionali in Lombardia. Ad assicurarlo e’ Roberto Maroni durante una conferenza stampa in via dell’Umilta’ insieme a Roberto Formigoni e Angelino Alfano. Quando gli chiedono se avesse richiesto di andare alle urne ad aprile, il segretario del Carroccio ha tagliato corto con un “no”. Per poi aggiungere: “se Formigoni si fosse dimesso, si sarebbe votato entro 90 giorni e non certo in aprile”.

Si votera’ tuttavia ad aprile in Regione Lombardia? ”Intanto facciamo la nuova legge elettorale entro dicembre”, replica così il segretario delle Lega. ”Non appena avremo la nuova giunta -dice Maroni- vedremo quali saranno le iniziative concrete da prendere e se queste iniziative saranno prese, si potra’ continuare”.

“Non sono un irresponsabile e non cedo alle lusinge o alle minacce della sinistra che dice cose, sulla Lega e i rapporti presunti con la ‘ndrangheta, che saranno oggetto di attenzione dei nostri avvocati”,  ha aggiunto Maroni concludendo così: “Vanto l’azione del governo della Regione Lombardia degli ultimi 10 anni – ha detto – perche’ credo sia un’eccellenza”.

Print Friendly, PDF & Email

Related Posts

10 Comments

  1. Lombard free says:

    Gli interessi in gioco sono molti… Purtroppo a questa gentaglia dei lombardi non interessa granché, basta mangiare anche a costo di restare una colonia della mafia per sempre

  2. giorgio lidonato says:

    Meglio che non si sia dimessa la Giunta regionale. Ci penserà la magistratura a sbatterli dentro tutti, uno per uno. E’ l’unico modo per liberarsi di parassiti e ladri di Stato, in questo paese incivile.

  3. Flit says:

    W la Lega Araba ! Almeno scrive da destra a sinistra !

  4. Culitto Salvatore says:

    “Il governatore della Regione Lombardia, Roberto Formigoni, ha annunciato che non intende dimettersi ma che azzererà la giunta e provvederà a nominarne una nuova molto ridotta rispetto alla precedente”

    erano in troppi a magnare e non gli bastava?

  5. Luciano F says:

    Questo giornale telematico mi sembra l’organo del partito dei trombati dalla lega

    • Leonardo says:

      Ci son quelli che scrivono che siamo della Lega, quelli come lei che dicono il contrario. Ergo, son certo che stiamo facendo un grande lavoro, dfendendo solo indipendenza e libertà.

  6. lory says:

    anche Maroni ha dimostrato di essere un pistola !!!!!

  7. Giacomo says:

    Mr. Intrallazzo si vota all’eccellenza

Leave a Comment