Lombardia: Maroni: “L’alleanza non si discute. Vorrei fare il governatore”

di GIANMARCO LUCCHI

Il braccio di ferro fra Pdl e Lega sulla Regione Lombardia è in corso, anche se non si può parlare di una rottura. Intanto Roberto Formigoni tira dritto nella sua intenzione di non aspettare aprile per andare alle elezioni in Lombardia, bensì andare alle urne tra 45-90 giorni, quindi teoricamente anche prima di Natale. E il governatore invita anche i leghisti a dargli i nomi degli assessori da mettere nella giunta che restera’ in carica fino alle elezioni. ”C’e’ qualcuno che parla di un tempo fra 45-90 giorni. Sto facendo le verifiche delle normative – ha spiegato -, ma io lavorero’ perche’ il tempo sia il piu’ ravvicinato possibile”. Da fare prima di allora, a suo dire, ci sono due cose: approvare il bilancio e fare la nuova legge elettorale togliendo il listino bloccato. Due punti su cui e’ d’accordo anche il Carroccio.

A dimostrare che fa sul serio, ieri sera il presidente ha incontrato il gruppo del Pdl in Regione. E alla fine della riunione (a cui non era presente Nicole Minetti) i consiglieri hanno messo le loro dimissioni nelle mani del capogruppo, nonostante qualcuno abbia espresso perplessita’. E visto che anche i consiglieri di centrosinistra sono disponibili a dimettersi, questo significa che il Pirellone puo’ cadere in ogni momento perché bastano 41 dimissionari per mandare a casa l’intera assemblea.

Se il braccio di ferro continua, non si e’ pero’ arrivati allo strappo fra Carroccio e Popolo della Liberta’. “Noi non abbiamo messo in discussione l’alleanza con il Pdl in Lombardia. Mai”. Lo dice, al ‘Corriere della sera’, Roberto Maroni invitando Formigoni a “mantenere la calma”. “La Lega non ha rotto alcun patto. Io non ho preso alcun impegno per arrivare al 2015”, sottolinea il segretario del Carroccio spiegando che la situazione in Lombardia “richiede la massima discontinuita’”. Maroni aggiunge: “La Lega certamente aspira a indicare come presidente della Regione un suo uomo. Per quanto mi riguarda, ne sarei onorato” ma “non sara’ certo questa la condizione per la prosecuzione dell’alleanza”.

La posta e’ d’altronde alta. Andare separati alle elezioni significa aumentare, e di molto, la possibilita’ di perdere la Regione simbolo per entrambi i partiti. Il coordinatore nazionale del Pdl, Ignazio La Russa, non ha escluso che alle elezioni si possa addirittura arrivare con un candidato unico. ”Ci auguriamo di averlo” ha detto dopo una riunione del Pdl nella sede di viale Monza a cui hanno partecipato fra gli altri Mariastella Gelmini, il coordinatore Mario Mantovani, la vice Viviana Beccalossi oltre a Formigoni. E il segretario lombardo della Lega Matteo Salvini, dopo la riunione politica del suo partito, non ha escluso elezioni prima di aprile. Certo meglio sarebbe un ‘election day’ con le politiche ”per risparmiare” ma ”noi – ha detto – siamo sempre pronti a votare”.

Intanto, per il prossimo fine settimana il Carroccio ha indetto le primarie. Chi andra’ ai gazebo della Lega ricevera’ una scheda dove potra’ indicare se preferisce andare ad elezioni in aprile oppure restare con Formigoni fino al 2015 (potra’ anche scrivere il nome del suo candidato ideale). Nel frattempo, pero’, i lumbard potrebbero far parte della squadra che adesso Formigoni deve nominare dopo l’arresto dell’assessore Domenico Zambetti con l’accusa di aver comperato voti dalla ‘ndrangheta e l’azzeramento della giunta. ”Noi non abbiamo mai affermato che usciamo dalla maggioranza – ha spiegato il segretario della Leha Lombarda -, quindi vedremo se e con quanti uomini entrare”. Di alleanze per ora non parla, rimandando tutto al 2013.

In realtà nel Pdl c’è qualcuno che vorrebbe temporeggiare, ma la linea ufficiale – testimoniata ieri insieme da Formigoni e La Russa – e’ quella del voto prima possibile. ”La valutazione – ha detto il coordinatore – e’ assolutamente univoca”. E di una sua lista, ipotesi che ha iniziato a circolare negli ultimi giorni, il governatore per ora non parla. ”Non mi sto occupando di questo” ha detto, sottolineando che in campagna elettorale scendera’ in campo (non come candidato) per dare ”un contributo di idee” e per rivendicare i risultati dei suoi 17 anni di governo. ”Non so chi in Italia – ha concluso – possa vantarsi di risultati analoghi”.

Stamane, però, è rimbalzata anche questa altra notizia:  “La massima ambizione di un federalista, senza dubbio, è quella di poter governare la propria Regione. Per quanto mi riguarda, ne sarei onorato, e posso anche dire che sarebbe per me certamente più importante e gratificante che non fare il ministro”. E’ quanto afferma, in una intervista al ‘Corriere della Sera’, il segretario della Lega Nord Roberto Maroni commentando l’ipotesi di diventare governatore della Lombardia (“la Lega certamente aspira a indicare come presidente della Regione un suo uomo”). “Io credo che Formigoni debba mantenere i nervi saldi – spiegato Formigoni -. Anche io, se avessi dovuto dare ascolto soltanto alla pancia, avrei dovuto staccare subito la spina alla giunta lombarda”, “non c’è stato alcun tradimento da parte nostra, ma in queste condizioni continuare come nulla fosse era impossibile. In Lombardia siamo alleati e la Lega non ha rotto questa alleanza, che anzi può continuare. Ma la sola idea di contiguità con la ‘ndrangheta è insopportabile e richiede la massima discontinuità”. L’accordo raggiunto con Formigoni a Roma “era su tre punti: l’azzeramento dell’attuale giunta, una nuova legge elettorale, l’approvazione della legge di bilancio entro Natale. Cose che io torno certamente a sottoscrivere anche ora. E dunque, la Lega non ha rotto alcun patto. Io non ho preso alcun impegno per arrivare al 2015”.

Print Friendly, PDF & Email

Recent Posts

26 Comments

  1. gigi ragagnin says:

    sommamente indifferente.

  2. Francesco says:

    scusate, ma qualcuno pensa veramente che in Lombardia vincerà il candidato dell’eventuale centro-destra unito, fosse anche Maroni??
    Questo vuol dire non rendersi conto della realtà… sveglia ragazzi, immaginiamo si voti entro i famosi 90 giorni: in un quadro di astensione notevolissimo vincerà sicuramente il candidato del centro-sinistra… Grillo avrà un buon successo ma non sufficiente… mentre PDL, parzialmente salvo grazie al voto cientelare dei terroni, e soprattutto Lega, avranno un ridimensionamento notevolissimo. Visto che la legge é a turno unico, penso che il centro-sinistra, chiunque presenti, abbia buon gioco e il suo candidato prenderà un buon 42-43%, sufficiente a superare ampiamente un eventuale Maroni del centro-destra unito, attestato al 33-34%. L’uomo di Grillo al 17-18% e agli altri le briciole.

    • Flit says:

      Se la Lega candida Aquele Abraço, però, vince sicuramente !
      Troppo colto ed intelligente !

      Non ce n’è per nessuno !

    • helpid says:

      sicuro? … forse … vincerà il csx. Ma con quale ammukkiata e con quali programmi? Io non sarei così sicuro, la lega ha uno zoccolo duro ed alla fine riemergerà. Da non trascurare che molti amministratori leghisti di zona sanno fanno il loro mestiere, sono giovani e capaci, e questo la gente lo capisce, quindi, scalzarli non lo vedo semplice, anche se hanno come tutti gli altri partiti un po’ di immondizia in casa, per me sono più affidabili anche dei grillini

      • Flit says:

        Gli amministratori della Lega, in Lombardia, non godono di molto credito: sono quasi tutti stati eletti con i voti del PdL, che spesso ha rinunciato all’immagine per altri interessi…..
        Lo zoccolo duro non può contare su numeri sufficienti, e gli amministratori “giovani e capaci” devono ogni giorno rispondere ai cittadini che li accusano di essere dei pirlotti bonaccioni che si son fatti “fregare” dall’estabilishment scarrocciato !
        In verità nelle amministrazioni locali si trova qualche bravo ragazzo, magari con qualche capacità amministrativa, ma molto ma molto sprovveduto: lui sta in Comune o in Provincia a pedalare, sudare, rischiare incriminazioni di ogni genere per quattro soldi d’indennità, mentre i “politici” si fanno gli affari propri, senza impegni né tanto meno rischi, hanno retribuzioni principesche e manovrano i poveri “amministratori di paese” a piacimento !

        No, proprio no! I cittadini si sono accorti da tempo che con i ragazzini dell’oratorio si può al massimo fare qualche “festa della salsiccia” o tombolata, ma per condurre la nave al largo ci vuole ben altro !

        Almeno nell’alta Lombardia, dove vivo, l’immagine della Lega è ai minimi storici: quello del PdL è ancora minore !

        • Veritas says:

          Flit, ti sbagli, dovresti riaggiornarti:oggi gli amminstratori giovani, così come i giovani militannti, sono molto più preparati di una volta.
          Quanto alle elezioni regionali, spero che Qualcuno intervenga perchè con tanta premura non ci verrà, temo, presentato un programma. Senza di quello, io certamente non andrò a votare.

  3. gio says:

    AH AH AH …ma che tristezza infinita
    Vai Ony che stavolta magari riesci a fare l’assessore!
    Davvero, aridatece Bozzi!!!

  4. Flit says:

    Defunti gli anni dei samurai, sopravvivono quelli delle geishe !

    Vòtino Votìno, signori !

    Più gente vota più bestie si vedono !

  5. rimerito says:

    Qualcuno avrà pensato che il profetta è matto o di mente malato… e invece avete visto di Formigoni l’accelerazione? E la Lega che prende tempo e fa distinguo col magone… ahah ahah ahah Formigoni in sella sta e la Lega cosa fa?

  6. felice mirabelli says:

    Siiii ani predidente! Ma quando la finiranno di pigliare per il culo i lettori e gli ascoltatori caccaindo palle e cagate ad effetto???? Poi la gente si stanca eprende in mano il bastone….Maroni presidente Votino regina!

  7. ravani says:

    Io ho avuto come un presagio ieri guardando Salvini sulla / intervistato all’uscita di Bellerio. Nel vetro della porta di ingresso si è stagliato un volto dallo sguardo astuto e nel contempo fermo, profondo e virile ma anche smaliziato…Ecco io penso che quel volto che sembrava guardare senza importanza fuori…ecco quel volto è l’uomo che cambierà il destino della Lega e del Nord. Me lo sento! Cercate di capire chi è perchè il leader vero è lui…certi volti non mentono.

  8. Flit says:

    Perepè, perepè, perepè !

    Ultime notizie !

    MARONI SI AUTOCANDIDA GOVERNATORE DELLA LOMBARDIA !

    Perepè, perepè, perepè !

    Si libera il posto di segretario federale ?

    Manuela, facce ride !

    Patapum, patapum, patapum !

  9. Ferruccio says:

    L’ alleanza con il P.D.L. non si discute !!!!!

    Stai avedere che ieri (lunedi) il Boby Nazionale è stato a cena ad Arcore per parlare con l’amministratore delegato della Lega Nord

  10. Rimerito says:

    Parla il profeta non faccia meraviglia questa mia profezia: si salva Formigoni e cadrà Pisapia!

Leave a Comment