Lombardia: arrivano i “Fratelli d’Italia” e dettano le condizioni

di REDAZIONE

Un leghista candidato alla presidenza della Lombardia ci puo’ essere ma solo ”in un quadro di alleanza a livello nazionale”: di questo e’ convinto Ignazio La Russa, uno dei fautori del nuovo movimento Fratelli d’Italia.  ”Sono disponibile a discutere con la Lega – ha  spiegato – se si tratta di una coalizione che si ripresenta uguale anche a livello nazionale. Se ognuno pensera’ al proprio tornaconto, se non si trovera’ il modo per stare tutti insieme, in quel caso abbiamo una candidata che non ha niente da invidiare agli altri e si chiama Viviana Beccalossi”.
Ormai sembra tramontata quindi l’ipotesi di Gabriele Albertini, che La Russa aveva inizialmente appoggiato. ”Ho detto che ero disponibile a candidarlo – ha ricordato l’ex ministro della Difesa – se avesse capito che il suo nome andava legato a tutto il centrodestra, invece ha iniziato a dire: ‘quello si’, quello no”’. La Russa comunque si augura che ad un’ intesa nel centrodestra si arrivi, con la condizione che l’alleanza sia a Roma e in Lombardia. ”Non si puo’ essere amici in una stanza – ha concluso – e nemici in un’altra”.

In Lombardia il Pdl riuscirà a trovare un accordo con la Lega, confida Silvio Berlusconi, sventando “rischi maggiori di consegnare il Paese alla sinistra” e per la Lega il rischio di restare isolata nel quadro politico nazionale e in parlamento,  “senza più nessuna rilevanza”. Lo ha dichiarato Silvio Berlusconi in un’intervista al canale televisivo Class Cnbc, sottolineando che il pericoloso per la Lega sarebbe anche di “perdere “il governo di Piemonte e Veneto”.  “Per quanto riguarda la Lega, siamo in continuo contatto – ha detto Berlusconi – la difficoltà è la candidatura di Albertini in Lombardia. Stiamo cercando con molta difficoltà di convincere Albertini a ritirare sua candidatura”.

Print Friendly, PDF & Email

Recent Posts

10 Comments

  1. angelo says:

    Non rinnegare ma Non restaurare! Ritorni finalmente una Destra ove ordine nella libertà regni e sia una giusta altrenativa al Sistema. Tutti uniti di nuovo sotto un simbolo…la Fiamma

  2. Damocle says:

    Fratelli d’Italia è un partitino che non smentisce la sue origini. I componenti sono per la maggiore ex AN, quindi centralisti e nazionalisti, sono il perfetto anti-lega. Da scartare totalmente, a meno che alla lega interessino solo le poltrone…

  3. giovanni salemi says:

    Bravi questi veneti ; sono un esempio !

  4. gigi ragagnin says:

    i fratrelli branca.

  5. Giancarlo says:

    Albertini ha appena mandato Silvio a fare in culo, ovviamente nei modi eleganti acconci al personaggio, quindi sarà bene che tutte le frattaglie post(?)-berlusconiane e post(?)-fasciste prendano atto della situazione e anche loro si acconcino a un’alleanza formato mini con la Lega destinata a perdere di fronte al combinato disposto Albertini-Ambrosoli. Per la Lega sarebbe l’occasione per una sconfitta onorevole che le darebbe modo di rigenerarsi all’opposizione, ma considerando i tamarri che la compongono dubito assai.

  6. alberto says:

    paiassi

  7. Ultimi Veri Venexiani says:

    LEGA & PDL grandi delusioni per noi Veneti. Basta italia, basta partitocrazia corrotta e del malaffare. La restaurazione Marciana, per noi Veneti, deve essere il percorso obbligato senza se e senza ma.

    • mia madre patria veneta says:

      mi danno il vomito solamente a vederli questi personaggi…”fratelli d’itaglia” gnanca parenti ma gnanca a lontana par carità …con certa gentaglia meglio tenere le distanze….unica soluzione per noi veneti…..l’indipendenza e che i partiti unionisti italioti si fottano….Viva San Marco,,,

  8. lory says:

    i fratelli d’italia vadano tutti al quel paese !

Leave a Comment