Lombardia: Arrighini, famiglie al centro programma 

arrighini

“E’ allo Stato che spetta il compito di sostenere le famiglie italiane e in quest’ottica il nostro impegno in Regione Lombardia sara’ quello di portare a termine il percorso iniziato e non concluso per l’approvazione del Fattore famiglia, integrando anche quanto fatto fino ad oggi”. Lo ha detto Giulio Arrighini, candidato di Grande Nord alla presidenza della Regione Lombardia, che ha incontrato Antonello Crucitti, coordinatore regionale dell’Associazione Nazionale Famiglie Numerose. “Sentiamo come necessario – ha dichiarato Arrighini rivolgendosi al rappresentante delle famiglie numerose – il dovere di dare risposta alle esigenze delle famiglie, ai loro problemi anche quotidiani. La famiglia deve essere posta al centro delle azioni di carattere sociale di Regione Lombardia”.

Print Friendly, PDF & Email

Recent Posts

2 Comments

  1. luigi bandiera says:

    Ogni volta che trattano l’argomento famiglia io mi sento importante. Scusate, senza velleita’ alcuna.
    Il perche’ sta nel fatto che sono davvero tanti anni che lo vado a predicare. INVANO.
    Ancora oggi e’ una BUFALA..! Non ci credo insomma e per tutti gli appunti.
    Farisei fino all’osso sono..!
    Scrivevo, in un tempo lontano, che ascoltando il programma dei candidati tutti mettevano al primo posto il LAVORO. Io nel sentire tale programma diventavo nervoso… perche’ il lavoro non deve essere al primo posto ma lo deve essere, per ragioni molto importanti, solo la FAMIGLIA. Atomo e non cellula della societa’ umana..!
    Rompi l’ATOMO ED AVRAI UNA REAZIONE A CATENA… ADDIO SOCIETA’ e soprattutto LIBERTA’.
    Per fino l’art. n. uno della carta piu’ schifosa del mondo e’ sul FUORI DI TESTA. Tutto direbbe, sta sopra al LAVORO, ma degli ALTRI..!
    Si comprende che tutto e’ frutto di un periodo critico ma soprattutto in quel momento regnavano i kattokomunisti e si fecero la legge ad personam. Il perche’ sta nel fatto che UN RE NON SI FARA’ MAI E POI MAI UNA LEGGE CONTRO.
    Quindi, se prima hanno remato per disfare la famiglia, adesso la difendono secondo voi o la affosseranno ancora di piu’..?
    Repetita juvant: prima la FAMIGLIA e poi il LAVORO. Il rimanente verra’ di conseguenza.
    Ovviamente fermiamo le org criminali perche’ se loro saranno attive il tutto sara’ inutile.
    Vedere l’INVASIONE IN ATTO… che va contro di noi in senso diretto ed importante.
    Pero’ e concludo, fin che l’INTELLIGHENZIA E’ SUPER MALATA, NON NE USCIREMO..!
    AUGURIii….

  2. Michele says:

    Lo Stato non si deve interessare delle famiglie, specialmente di quelle numerose, se non per applicare politiche stringenti e impellenti di decrescita demografica.

    – Pochi, tanti o tutti quanti?

    – Gli anni malthusiani

Leave a Comment