L’Occidente non deve solo difendersi dall’Islam, ma dai cretini che guidano l’ Ue

venezia

di MARCELLO RICCI –  Roma e Venezia, due città d’arte di storia e di cultura, profondamente diverse. Un sottile ma importante filo le unisce; il doge Enrico Dandolo e papa Innocenzo III il 22 luglio del 1202 raggiunsero un accordo che consentì la quarta crociata che si svolse secondo un progetto pensato in precedenza da Riccardo Cuor di Leone.
Le crociate hanno subìto giudizi storici contrastanti, ma è incontrovertibile che non sarebbero giustificate se i musulmani non si fossero impossessati del Santo Sepolcro. Il positivo delle crociate è nella difesa dei valori cristiani ai quali tutto il mondo occidentale, credenti ed atei, deve la propria cultura e la propria formazione spirituale, etica e sociale.

Benedetto XVI rifiutava il sincretismo religioso, il relativismo laico ed operava perché il mondo cristiano si compattasse nell’immagine di Cristo, in un’unica casa resa solida da una grande fede. Papa Benedetto XVI tornato da Colonia aveva ricevuto in separate udienze i sacerdoti scismatici seguaci di monsignor Lefebvre
ed Oriana Fallaci. Merce rara.

L’Ue perde l’occasione storica di allargarsi ad Est, di aggregare la Russia, di isolare la Cina (mentre Papa Ratzinger stendeva la mano agli ortodossi di Mosca) e di ridimensionare gli Usa ormai usurati dal ruolo di guardiani del mondo che si sono attribuiti. Gli Usa non riescono nemmeno a gestire lo sciacallaggio esploso nella New Orleans devastata dall’uragano. È un esempio dei risultati delle società multirazziali. Un’eventuale solida alleanza tra Russia e Cina, comunque difficile, ma non impossibile, faciliterebbe il dominio islamico sull’Europa e porrebbe in ginocchio l’economia degli Usa.

I miopi politici americani modificando geografia e storia, vogliono, per i loro sporchi interessi, imporre all’Ue, la Turchia; non percepiscono il grave danno che causerebbe tale ammissione a tutto l’Occidente ed a loro stessi.
L’Europa è oggi traballante, incagliata ed appiattita sugli interessi delle multinazionali, sulla forma e dimensione dei prodotti ortofrutticoli, ma se vuole acquisire una statura politica deve assumere il ruolo di guida dei popoli che hanno radici giudaico-cristiane dando forza alla loro fede, alle loro identità, alla loro storia.

All’euro che ha devastato l’economia di molti cittadini europei, deve dare la forza di affiancare o sostituire l’inflazionato dollaro come moneta di riserva e di pagamento internazionale; è un argomento da approfondire. Un prevedibile, anzi certo crollo del dollaro, trascinerà l’Occidente in una lunga profonda crisi economica tipi quella del 1929.

Rapportata ai tempi anche questa è una crociata, perché è un confronto aspro e serrato tra civiltà antitetiche.
Le crociate storiche furono in buona parte snaturate dei vari mercanti che mescolarono i loro interessi con l’idealità della liberazione del Santo Sepolcro. Gli attuali mercanti sono le multinazionali, ripetono gli stessi errori, non vedono oltre la punta del naso, ed i grandi mercati che sognano e realizzano, saranno la loro tomba.

La Turchia potrà essere un grande mercato per l’Europa solo se non farà parte dell’Ue. In caso contrario sarà l’Europa a morire di Turchia. Le Crociate, come le si vuol leggere, sono state importanti per lo sviluppo dell’Occidente, avendo consentito il recupero di quanto apparteneva alla Cristianità.

La storia si ripete, gli antichi crociati per due secoli si sono confrontati con società, condizioni naturali, strutture politiche molto diverse, realizzando una straordinaria esperienza; nel terzo millennio si deve ripetere lo sforzo adeguandolo ai tempi, al modo di concepire la pace e la guerra che eternamente significa morte. I vecchi crociati apprezzati da alcuni, denigrati da altri, rivivono nei militanti Padani considerati da molti onesti e coraggiosi combattenti e da altri incivili razzisti.

I pregiudizi degli idioti e dei faziosi non scrivono la storia, non contano per ieri, per oggi e ancor meno per domani.   Oggi più di ieri è necessario serrare le fila; si combatte su più fronti, quello interno e quello europeo. Il sistematico boicottaggio della Bossi-Fini, ha portato in questa terra gente non in cerca di lavoro, ma orde di invasori islamici ben diretti ed organizzati per realizzare il dominio del continente europeo e non solo.
L’Occidente non deve solo difendersi dall’Islam, ma anche dai miopi o cretini che guidano l’ Ue.

Print Friendly

Related Posts

5 Comments

  1. Castagno 12 says:

    Rispondo a CATERINA – 26.07.2016 at 12:43 pm

    La Sua confusione e la Sua ingenuità presentano livelli considerevoli.
    Gli Stati Uniti, che hanno impiegato sette anni per arrivare all’attuazione dell’Indipendenza, si trovavano in un contesto completamente diverso da quello del Veneto attuale.
    Perchè Lei possa capire, Le faccio presente che gli USA di allora, non si trovavano ingabbiati nell’Ue.
    Non si possono confrontare situazioni completamente diverse.
    Ora il Veneto aspetta il riconoscimento della sua ingenua richiesta, proprio dagli USA, che gestiscono il Governo Mondiale e controllano l’Ue attraverso la Commissione europea.
    Prendete tutti buona nota: siamo immersi NEL MONDIALISMO, NELLA GLOBALIZZAZIONE che, nell’Ue, non tollerano la SOVRANITA’ dei vari Paesi, quindi anche quella di una Regione. Lei non è obbligata a leggere i miei commenti, però il Suo appello finale “si dia da fare anche lei” è UNO SPROPOSITO.
    Dai miei numerosi commenti risulta che ho fornito informazioni di un certo livello, di una certa utilità (per chi le ha volute capire) ed ho indicato ciò che faccio per non aiutare Lorsignori. Ovviamente si tratta di cose che possono fare tutti, ammesso che vogliano.
    Lei avrebbe fatto bene a non rispondermi.
    Non intendo essere scortese, comunque non Le risponderò più: la Sua “logica” non coincide con la mia.

  2. Castagno 12 says:

    Il popolo italiano non può neppure pensare di difendersi dall’Islam continuando a sostenere, ad approvare e a legittimare gli impresentabili che vanno a prendere gl’invasori addirittura in acque straniere.
    Quelli dell’Ue, “miopi o cretini” poco importa, NON “CI GUIDANO”, NON CI GOVERNANO, MA CI TENGONO SOTTOMESSI. I membri della Commissione europea, Istituzione ANTIDEMOCRATICA che comanda nell’Ue, sono stati scelti dal Governo Mondiale.
    Quando la compagnia è dannosa, è balorda, si viene via. Noi non dobbiamo difenderci, ed è pure impensabile ottenere nell’Ue una gestione diversa dalla DITTATURA.
    SI PRESENTA LA RICHIESTA PER VENIR VIA, NON SI STA ZITTI, magari restando in trepidante attesa che la Befana PORTI L’INDIPENDENZA !
    MA NON VI RENDETE CONTO CHE CONTINUATE A FARE DEI DISCORSI INUTILI ?

  3. Castagno 12 says:

    Rispondo a CATERINA.
    Mettiamo da parte la Sua ammirazione per Putin, Le domando se ammira ancora il Parlamento Veneto.
    Il Parlamento Padano ha fallito, il Parlamento Veneto invece, PURE.
    Se dovessi essere male informato al riguardo e se il Vostro Parlamento è attivo, per favore ci faccia conoscere i risultati raggiunti, le strategie in atto, le azioni in corso contro il nemico comune. Altri potrebbero ricalcare le Vostre orme vincenti.
    Considerando l’attuale contesto, chi ha la presunzione di volersi occupare di politica, ormai dovrebbe avere molto chiaro questo concetto: ” IN ORDINE SPARSO NON SI PUO’ FRONTEGGIARE UNA ORGANIZZAZIONE MONDIALISTA “.

    • caterina says:

      Signor Castagno, se veramente vuol aggiornarsi sullo stato delle cose della Repubblica Veneta Indipendente e sul lavoro del Governo Provvisorio Veneto, clicchi sul sito di http://www.Plebiscito.eu come faccio io per tenermi aggiornata sull’attività in pieno corso, dato che non succede da nessuna parte che una volta dichiarata l’Indipendenza, cosa che noi abbiamo fatto a seguito del referendum autogestito dal popolo veneto la primavera del 2014, il nuovo Stato nasca da sé… gli Stati Uniti ci hanno impiegato sette anni dalla dichiarazione all’attuazione, e nei nuovi stati anche in Europa il percorso dalla dichiarazione all’attuazione ha richiesto il suo tempo…
      Io vedo già delinearsi una serie di impostazioni basilari approvate dal Parlamento: suddivisione del territorio, anagrafe popolazione, tant’è che io già mi sono procurata nuova carta d’identità per non trovarmi in coda appena la corte Onu dell’AIA accoglierà il ricorso del Governo Provvisorio Veneto… per non parlare di cose già attuali riferite al sistema della criptomoneta che è materia di cui non capisco niente, essendo pensionata da diversi anni e non avezza a partite iva o economia corrente…
      Insomma, c’è chi parla sogna spera e chi invece fa, con passione e competenza avendo ricevuto da noi che li abbiamo votati nel referendum 2014, due volte certificato, il mandato ad operare…
      In giro c’è ogni giorno chi si inventa iniziative pensando di essere più bravo o più furbo, o per mettersi in mostra con altri fini… passo passo invece io constato seguendo il percorso di Plebiscito.eu che stiamo arrivando alla meta agognata…certo, bisogna crederci e se si può rispondere alle iniziative di partecipazione attiva che vengono proposte… si dia da fare anche Lei… niente piove dall’alto!

  4. caterina says:

    …difendersi dai miopi e… direi venduti più o meno consapevoli che guidano la Ue tradendo la sua storia, la sua natura, i valori sui quali si caratterizzano i popoli che ora ne fanno parte, finché non si risveglieranno dall’incantamento e si adopereranno per riprendersi in mano il proprio destino sempre che ne siano ancora in tempo…
    Ammiro Putin per come ha saputo incarnare l’identità russa difendendola a spada tratta dopo la barbarie del dispotismo marxista… e noi invece, pur avendo un oceano in mezzo, continuiamo a guardare ad ovest dove va a tramontare il sole, come le remote migrazioni… altro che uomini pensanti, altro che capacità di giudizio e capacità di discernimento, altro che orgoglio di conoscenza e di intraprendenza, altro che difesa di un patrimonio d’ identità e di valori che ci appartengono trasmessi attraverso i secoli da generazioni!

Leave a Comment