L’Italia va benissimo, non è un paese senza futuro

di CARLO CAGLIANI

La fiducia di chi abita questa penisola sul futuro è per oltre l’80% degli intervistati sotto i tacchi. Eppure, al coro iperottimista intonato dal governo si aggiunge anche quello di un altro burocrate italo-europeo.

”L’Italia sta vivendo una crisi profonda e drammatica. Ma questo non e’ un paese senza futuro”. Lo ha detto Gian Maria Fara, presidente dell’Eurispes, presentando oggi a Roma, il Rapporto Italia 2014, realizzato su un campione di 1097 cittadini con rilevazioni compiute tra il 13 dicembre 2013 e il 14 gennaio 2014. Dai dati raccolti emerge che ”un fantasma si aggira per il nostro Paese. La sub-cultura del declino e della decadenza, figlia del nichilismo, sembra ormai pervadere le istituzioni e le coscienze dei nostri concittadini”, ha affermato Fara. Cionostante, il presidente dell’IStituto di ricerca ha evidenziato una serie di indicatori positivi della performance economica italiana: ”Nel 1999 eravamo al quinto posto nella Ue a 27 per saldo commerciale normalizzato nei manufatti.

Oggi siamo al terzo posto. Negli ultimi cinque anni il fatturato estero dell’industria italiana ha superato quello tedesco e francese. Negli ultimi due anni siamo stati tra i soli cinque paesi al mondo (con Cina, Germania, Giappone, Corea del Sud) a conseguire un saldo commerciale con l’estero superiore ai 100 miliardi di dollari. Il nostro comparto agricolo ha prodotto risultati fortemente positivi sia in termini di fatturato sia di occupazione. L’Italia resta una tra le mete preferite del turismo internazionale”.

Fara ha quindi sottolineato come tutti questi risultati si registrino ”nonostante gli ostacoli, i ritardi, i mille impedimenti che lo Stato pone a chi decide di avviare una qualsiasi attivita’ imprenditoriale, attraverso una pressione fiscale insopportabile, una burocrazia pervasiva e ossessionata dal regime del controllo e della concessione in luogo del diritto”. Il presidente Eurispes ha, quindi, concluso esprimendo condivisione per un recentissimo documento stilato da Giuseppe Bianchi, presidente dell’Isril, e sottoscritto da decine di rappresentanti di istituzioni economiche, nel quale si afferma: ”E’ davvero ardito parlare di un paese sul viale del tramonto. Non siamo una nazione di macerie e di cittadini rassegnati”.

Print Friendly, PDF & Email

Related Posts

7 Comments

  1. luigi bandiera says:

    Va benissimo si, per loro: gli STRAPAGATI.

  2. Cesira says:

    Mi domando chi possa essere un tipo che indossa slip da bagno tricolori con tanta disinvoltura.

  3. Federico Bellina says:

    l’Italia è al 5o posto per esportazioni? Forse si riferisce al fatto che 1 azienda su 2 all’estero ci sposta capitali e sede.

  4. Albert Nextein says:

    Da oggi controllano i conti ed i depositi con maggiore disinvoltura di ieri.
    Questo non mi pare un segno che comprovi la tesi di questi mentitori.

  5. L’Italia ha un grande futuro, quando diventera’ di nuovo un insieme di stati indipendenti. Piu’ che altro, questa grottesca cloaca non ha un presente…e ha un passato, dal 1861 ad oggi, di cui deve solo abbondantemente vergognarsi.

  6. Berghemadler says:

    Col suo stipendio anche io non sarei così pessimista.
    …. I polli di Trilussa sono più che mai attuali.

  7. FabrizioC says:

    quindi possono ancora derubarci per bene…ale’!

Leave a Comment