L’Italia è una dittatura fiscale proprio perché è una “democrazia”

di GIOVANNI BIRINDELLI

In un recente articolo sul suo giornale, The Fielder, il direttore Federico Cartelli attacca senza mezzi termini lo stato di polizia fiscale instauratosi in Italia con programmi quali l’anagrafe tributaria, “serpico”, il redditometro. Verso la fine dell’articolo, Cartelli riporta una citazione di Attilio Befera secondo il quale “l’evasione e l’elusione fiscale non sono compatibili… con nessun sistema veramente democratico” e chiude l’articolo con la seguente obiezione a quello che efficacemente definisce “l’inquisitore fiscale retribuito coi nostri soldi”: “Una pressione fiscale di quasi il 70% sulle piccole e medie imprese è democratica? Che l’Italia sia il Paese dove i manager pubblici sono pagati di piú e hanno un doppio, triplo incarico è democratico? Portare l’IVA fino al 22% e aumentare costantemente le imposte indirette è democratico? Ricevere cartelle esattoriali che per alcuni sono significate condanne a morte è democratico? Che lo Stato possa impunemente vagliare ogni nostro movimento fiscale, ma tenere all’oscuro le sue spese, è democratico? L’Italia ha smesso da tempo d’esser una democrazia. È solo una moderna dittatura fiscale (grassetto nell’originale).

Nella sua obiezione, a mio parere, Cartelli ha confuso i termini del problema e così facendo si è schierato con Befera e con lo stato di polizia tributaria, non contro di essi. Infatti, se al termine “democrazia” diamo il significato che oggi (anche grazie alla costituzione italiana) viene comunemente attribuito a questa parola, ovvero quello di sistema politico basato sulla regola della maggioranza (eventualmente rappresentativa),  l’Italia repubblicana è una moderna dittatura fiscale proprio perché è una “democrazia”, cosa che purtroppo non ha mai smesso di essere.

Considerare la democrazia come fine (“… è democratico?”) e non come mezzo per un fine (quello della libertà intesa come assenza di coercizione e, più precisamente, come difesa della sovranità della Legge intesa come regola generale e negativa di comportamento individuale valida per tutti allo stesso modo) fa parte dello schema mentale di Befera e di tutti coloro che sono schierati a difesa del moderno totalitarismo, siano essi di “destra”, di “sinistra”, o “grillini”. Cartelli, nella sua obiezione a Befera, così come quei 1.4k che hanno mostrato di gradirla su Facebook per esempio, ha adottato esattamente quello schema mentale. “Aumentare costantemente le imposte è democratico?” Si, Cartelli, è “democratico”, così come lo è aumentare costantemente la quantità di denaro a corso forzoso mediante la sua stampa da parte delle banche centrali (tassazione mediante inflazione): né più né meno. Questo è il problema: chi non lo ha capito non ha capito la natura della “democrazia” e dell’idea filosofica di legge su cui essa si basa: la “legge” fiat (il positivismo giuridico). È questa idea filosofica di legge che fa si che in una “democrazia” il potere politico sia limitato esclusivamente dalle procedure burocratiche che esso stesso si dà, cioè che sia illimitato.

Metto il termine “democrazia” fra virgolette per distinguere questo sistema politico totalitario dalla democrazia (senza virgolette), cioè da quel sistema politico in cui eventuali decisioni collettive sono limitate dalla Legge intesa come regola generale di comportamento individuale valida per tutti allo stesso modo, la quale è indipendente dalla volontà di chiunque, maggioranza e “popolo” per primi (per la differenza fra “democrazia” e democrazia rimando a questo articolo). In una democrazia, le dimensioni e le funzioni dello stato (con tutto ciò che ne consegue) sarebbero limitate a un minimo coerentemente e non arbitrariamente definito in quanto, a differenza di ciò che avviene in una “democrazia” (dove c’è un produttore di “leggi” fiat), ci sarebbe qualcuno a difesa della Legge.

La battaglia per la libertà si gioca sul terreno della Legge, non su quello della democrazia. In altre parole, quella battaglia non si gioca scambiando un obiettivo (quello della libertà) con un mezzo, il quale tra l’altro, quando è la “democrazia”, serve necessariamente a conseguire un obiettivo (la grande finzione di Bastiat) che è opposto alla libertà: nei limiti in cui si fa questo, la partita è già persa.

Dove la legge è la “legge” fiat (il provvedimento particolare, cioè la decisione arbitraria dell’autorità, p. es. di quella rappresentativa della maggioranza), come si può anche solo pensare che lo stato possa non espandere continuamente le sue dimensioni e funzioni e con esse la pressione fiscale e l’intrusività nella vita delle persone? In altre parole, dove la “legge” è lo strumento di potere arbitrario invece che il limite non arbitrario al potere, come si può anche solo pensare che la libertà non possa essere progressivamente e necessariamente sempre più devastata dallo stato? Chiedere a uno stato “democratico” di non aumentare continuamente la pressione fiscale, per esempio, è come chiedere a dell’acqua che non è racchiusa dentro un bicchiere di non spandersi sulla superficie del tavolo.

La vittoria sul totalitarismo forse non è mai stata così a portata di mano come lo è oggi: ieri non avevamo Bitcoin e l’altro ieri non avevamo internet. Tuttavia, fino a quando la “democrazia” sarà vista dai campioni della libertà come obiettivo invece che come ostacolo; fino a quando alla domanda”… è democratico?” non sarà sostituita la domanda “in base a quale regola generale e negativa di comportamento individuale valida per tutti allo stesso modo …?”, la direzione di marcia sarà verso forme sempre più sofisticate di totalitarismo di massa, le quali necessariamente comporteranno una pressione fiscale, un’oppressione burocratica e un’intrusività dello stato nella vita delle persone sempre maggiori.

Print Friendly, PDF & Email

Related Posts

15 Comments

  1. Roberto Porcù says:

    Per me questa non è democrazia, né dittatura. In entrambi i casi ci sono, ci devono essere a capo delle persone con il senso dello Stato mentre in Italia questi mancano.
    Si è semplicemente venuta a formare una trasversale associazione a delinquere di stampo politico-burocratico tesa all’arricchimento personale.
    Vogliamo chiamarle cavallette, sanguisughe, parassiti, … questa è semplicemente un numero enorme di delinquenti e come tali dobbiamo abituarci a considerarli in attesa di quella resa dei conti che alla fine è sempre più certo che verrà.
    Letta negli Emirati, anziché elemosinare investimenti concedendo una moschea a Venezia, avrebbe fatto meglio a vendere, o anche svendere, il nuovo yot a disposizione di Re Giorgio 1 dato che, anche senza la barchetta, il Quirinale già ci costa più di quanto noi ci si possa permettere.
    Ma ciò a Letta non interessa, all’interno delle Sante Istituzioni i membri si difendono l’un l’altro i sacchi della refurtiva: sono tutti loro diritti acquisiti.

  2. Qualcuno su questa pagina disseppellisca per cortesia l’origine etimologica della parola democrazia e lo confronti con la situazione del paese italia. In questo paese il cittadino comune non è più sovrano neppure delle proprie terga, a meno che le abbia messe in vendita allo stato clientelare scambiando il proprio consenso con uno stipendio a vita a carico del contribuente. Tu chiamala se vuoi democrazia. Ma ci stiamo pigliando per i fondelli, esattamente come nella repubblica Democratica tedesca sopra citata.

  3. luigi bandiera says:

    Tuttavia, dimenticavo,
    hanno pensato e speso di piu’ per la PROPAGANDA PATRIOTTICA CHE A SISTEMARE IL TERRITORIO.

    I SOLDINI spesi per le varie feste, commemorazioni e cotillon se messi al servizio della loro patria , sarebbero stati spesi bene e loro, gli amministratori, visti come dei veri patrioti. O no..?
    Invece, lo sono a pacioe, a chiacchiere… a parole. E, si vede o no che basta una pioggerellina di “marzo” per fare danni..?

    Patrioti fate schifo… e non solo. Mi penso alle alte cariche intente a dimostrarci il loro livello di patriottismo, ovviamente ipocrita.

    PATRIOTI OGGI NON NE VEDO..!!

    E Voi..?

    …continua…

  4. Giorgio Fidenato says:

    @Luigi Bandiera. Ti ricordi anche, …magistratura democratica, medicina democratica, repubblica democratica tedesca…. E’ sempre la stessa minestra!!!!

  5. Giorgio da Casteo says:

    Per chi ancora dubitasse di quanto riportato sopra legga
    DEMOCRAZIA : IL DIO CHE HA FALLITO
    Hans-Hermann Hoppe (Liberilibri di Ama srl – Macerata)

  6. L’unica democrazia esistente al mondo è quella svizzera. Il resto è oligarchia cleptocratica, autoreferenzialità assoluta dello stato padrone spacciata per “sovranità popolare”. Questo è il terreno su cui non seguirò MAI i libertari più intransigenti.

    • Toscano Redini says:

      Bravo Giacomo, son con te! E aggiungo che proprio non riesco a capire come si fa a parlare di democrazia prendendo a riprova la costituzione italiana, degna della repubblica democratica tedesca (“democratica” anche quella! ma si fa la bur..Letta?)

  7. Caro Birindelli, la prego la prossima volta di essere più didascalico.

    Come pensa che noi umani uomini della strada possiamo comprendere a fondo questo articolo e le obiezioni al feticcio chiamato “democrazia”?
    Urge una definizione semplice di democrazia che possa essere spiegata, e compresa, dalla casalinga di Voghera.

  8. antonio says:

    pero’ e’ senza meno democratico il fatto di essere governati da coloro che NON sono MAI stati eletti dal popolo……chi e’, ad es, questo Letta ? e questo Napolitano ? poi,questa democrazia ci prende anche per…le fondazioni ! figurarsi che sono arrivate cartelle EQUITALIA a gente che non ha piu’ neanche la luce od il gas…..In effetti un dubbio c’e’….Equitalia ha dirtto a rimborsi e spese basta che invii la cartella…poi….

  9. Luigi Bandiera says:

    È vero, essendo una democrazia, quindi volontà popolare, pensa di poter fare TUTTO QUEL CHE VUOLE SENZA PENSARE DI RENDERE CONTO AL SOVRANO.
    La burocrazia, con la Bassanini, ha di fatto detronizzato il vero sovrano, il popolo.
    Poi si pensi all’ uso ed abuso della parola DEMOCRAZIA E LE SUE VARIANTI.
    Avremo così certe dizioni quali -PARTITO DEMOCRATICO-. DISCORSO DEMOCRATICKO. TASSAZIONE DEMOCRATICA e via discorrendo nel democratico trikolorito idiotismo.

    …continua…

  10. Guglielmo Piombini says:

    Complimenti per l’articolo, Giovanni: hai colto veramente l’origine dei maggiori problemi politici del nostro tempo.

    L’attuale “democrazia” è un sistema in cui poche centinaia di persone che si riuniscono a Roma possono prendere decisioni, a loro completo arbitrio, sulla libertà e le proprietà di 60 milioni di persone.

    Non cambierà nulla fino a quando la gente continuerà a considerare questo obbrobrio come il miglior sistema politico possibile.

Leave a Comment