L’Italia censura. La Svizzera lo scrive: stupro di branco al confine con Basilea, tutti siriani

stupro di BENEDETTA BAIOCCHI – Sulla stampa italiana non se ne parla. La Svizzera è chissà dove, dall’atra parte del mondo. Eppure i vicini di casa aprono i loro quotidiani online nella serata di venerdì con la notizia, oramai confermata, di uno stupro di gruppo. Così il pacato e prudente Corriere del Ticino: “Quattro giovani fra i 14 e i 21 anni nella notte di Capodanno hanno violentato più volte due ragazze minorenni nella cittadina tedesca di confine Weil am Rhein, vicino a Basilea. Uno dei presunti aggressori, tutti di cittadinanza siriana, risiede nell’area di Zurigoambi”.

Doveva essere una serata di affettuosi scambi di bene, invece è diventata una saga della violenza, facendo il paio con Colonia. Neanche a farlo apposta.

Poi? “Una volta lasciata l’abitazione, le due ragazze – di 14 e 15 anni, entrambe di Weil am Rhein – si sono rivolte alle forze dell’ordine, che hanno provveduto all’arresto dei quattro giovani siriani. Tre di loro sono stati posti in fermo preventivo”.

Di questi, un 21enne è un rifugiato siriano, il fratello di 15 anni invece aveva fatto domanda d’asilo. Poi c’è un terzo aggressore, ancora più giovane, di 14 anni, arrivato dall’Olanda. Un quarto, per il quale non ci sarebbero state ragioni per l’arresto, si è dato alla fuga.

Print Friendly

Articoli Recenti

3 Commenti

  1. Pietro says:

    Sig. Renato Gelforte: se ne parla ad esempio sul sito web della TV nazionale svizzera. Ah, le cose che si possono scoprire facendo due clic sul web. Ecco il link comunque: http://www.rsi.ch/news/svizzera/Giovane-molestata-a-Sciaffusa-6712744.html

  2. Renato Gelforte says:

    Possiamo chiedere a Benedetta Baiocchi perché inizia il suo articolo con “Sulla stampa italiana non se ne parla”? La Baiocchi potrebbe indicarci dove e in quale altra parte del mondo se ne parla? Oltre che in qualche sito filonazista? O su qualche giornale a caccia di click? E perché la Baiocchi ha ritenuto utile mettere quella foto d’archivio nel suo articolo? Quanti click ha guadagnato il suo giornale con questo articolo?
    http://www.datamediahub.it/2016/01/11/colonia-e-le-responsabilita-dei-giornali/

    • Stefania says:

      La nostra collaboratrice avendo a disposizione le agenzie e scorrendo, anche con noi le aperture dei giornali italiani online, ha potuto constatare che, nel momento in cui scriveva, i nostri giornali erano affaccendati a raccontare altro. Ovvero l’uccisione del presunto terrorista a Parigi. Si chiama giornalismo.

Lascia un Commento