L’islam italiano: “Allah protegga nostro fratello Erdogan”

piccardodi GIOVANNI POLLI – Questa volta non si può dire che gli “islamici moderati” italiani non si siano espressi con chiarezza.
Se qualcuno non conoscesse Hamza Piccardo, chi e che cosa rappresenti, qui un estratto dalla sua biografia (da Wikipedia)

“Nato a Imperia, dove risiede, entra nell’Islam nel 1975, e nel 1990 è tra i fondatori dell’Unione delle Comunità ed Organizzazioni islamiche in Italia (UCOII) e viene eletto membro (e in seguito segretario nazionale e portavoce) della direzione nazionale[1], promuovendo l’apertura della Moschea di Imperia; seguiranno nel 1994 quella di Albenga (SV), quella di Sanremo (IM) nel 1996, Savona e Cengio (SV) nel 1998.(…)
Nel 1998 è tra i fondatori del Consiglio Islamico d’Italia, l’organismo voluto dall’UCOII, dalla Lega Musulmana Mondiale-Italia e dal Centro Islamico Culturale d’Italia, per dare rappresentanza unitaria ai musulmani di fronte alla Stato italiano e stipulare un’Intesa ex art. 8 della Costituzione italiana[4].
Nel 2005 è eletto portavoce dell’European Muslim Network[5], costituito a Bruxelles e presieduto da Tariq Ramadan. (…)
Il primo dei suoi cinque figli, Davide Piccardo, è coordinatore del Coordinamento delle Associazioni Islamiche di Milano e Monza e Brianza (CAIM) e collaboratore dell’Huffington Post nella sua filiale italiana”.

Però scusate, mi sono accorto adesso che l’islam non c’entra.
Ha trionfato la democrazia.

Print Friendly, PDF & Email

Recent Posts

3 Comments

  1. Napolitania says:

    Un altro padano sottomesso all’ISLAM come tutti i suoi connazionali…

  2. luigi bandiera says:

    Faro’ il moderato…
    Repetita juvant:
    un re non si fara’ mai e poi mai una legge contro.
    Domando:
    perche’ i cittadini italiani hanno la legge contro a partire dalla costituzione dello stato italia che dovrebbe contenere i cittadini italiani per l’appunto..?
    Dovrebbe si o no proteggere lo stato medesimo e i suoi cittadini..?
    Per esempio da una INVASIONE foresta..?
    Invece, pare, che i cittadini italiani, quelli arrivati per primi e che combatterono nelle varie guerre aquisendo diritti civili e che si fecero una legge fondamentale perche’ li difendesse (costituzione), siano scansati per poi essere occupati dagli ultimi arrivati che poi hanno una religione che ci condanna a morte a priori perche’ crediamo ad un Dio diverso.
    Siamo, per farla corta, degli INFEDELI di cui la nostra condanna a MORTE.
    Come mai, la carta piu’ bella del mondo, non ci difende, anzi..?
    Si. Non difende i cittadini italiani, come mai..?
    Alcuni diranno: anche loro sono cittadini italiani come noi.
    Quindi..?
    Ce l’abbiamo in tel posto e grazie alla carta piu’ bella del mondo..?
    Pare di si.
    Ma quest’ultimi sono qua da poco e clandestinamente sono entrati e non col nostro permesso..!
    Quindi..?
    Siamo o no in una brutta situazione… e grazie alla carta piu’ bella del mondo per l’appunto..?
    Non vi pare..?
    Per liberarci dal ventennio sono morti diversi patrioti e ma oggi pare, pare, che questi ultimi siano i veri patrioti sebbene non parlino nemmeno in italiano. Eppoi, quanti morti per arrivare qua.
    Cosa ci e’ successo in questi ultimi 50 anni..?
    Ci hanno lavato davvero il cervello perche’ succeda che ci INVADONO e noi li ASSECONDIAMO allegramente..?
    Che sia una sorta di MALATTIA la nostra SOTTOMISSIONE al nuovo/vecchio che avanza..?
    Ma possibile che nessuno abbia letto la storia sulle guerre tra i maomettani e i cristiani..?
    Beh, vero, i traditori andrebbero fucilati sul posto e senza processo. Nemmeno sommario.
    E la carta piu’ bella del mondo, visto che ci e’ contro, andrebbe BRUCIATA assieme a chi la difende a spada tratta.
    Salam

    • Paolo says:

      Egregio Luigi, i Veneti sono un popolo fortunato, Nel lontano sud del Brasile e precisamente nello stato di Rio Grande do Sul, sono ben 500.000 le persone che parlano ancora il Veneto ottocentesco ( una persona su cinque) e se andiamo laggiù un piatto di minestrone senz’altro ce lo daranno!

Leave a Comment