L’insurrezione di Trieste e le ragioni dell’indipendentismo alabardato

di ALESSANDRO STORTI

Un po’ spy-story, un po’ mockumentary in forma scritta. Ma in definitiva, e nemmeno troppo in controluce, un manifesto politico. Questo è “L’insurrezione di Trieste. Il romanzo“, uscito lo scorso novembre per i tipi della milanese Edizioni Punto Rosso. Autore del volume, il celebre Leroy Jethro Gibbs; difficile dire se si tratti di opera scritta a titolo personale o se “dietro” ci sia la marina degli Stati Uniti: nel dubbio, ai lettori la scelta.

Semplice nello stile letterario, lineare nello svolgersi, la vicenda narrata inizia il 18 giugno del 2013, per concludersi tre mesi dopo, in quel 15 settembre che rimarrà per sempre impresso nella memoria (e nella storia) di Trieste, per via della ormai famosa manifestazione commemorativa dell’istituzione del Territorio Libero. E proprio attorno al movimento indipendentista triestino ruota tutta la narrazione, attraverso le vicende di un gruppo di agenti speciali e di spie che, più o meno a distanza, si fronteggiano nel tentativo di boicottare la marcia settembrina -e con essa l’intero progetto di emancipazione- o di impedire, per contro, tale boicottaggio. Italiani, americani, inglesi, francesi: sullo sfondo di una Trieste estiva descritta magnificamente, in mezzo alla varia umanità plurinazionale della città mitteleuropea, si incrociano le gesta, spesso non prive di una certa comicità, di agenti che sembrano usciti dai bestsellers di Le Carré.

La particolarità del romanzo consiste però, come detto, nel fatto che esso non si limita ad ambientare una guerra di spie in un contesto a noi familiare ma frutto di invenzione, al di là della plausibilità storica e geopolitica. No. Decisamente no.

“L’insurrezione di Trieste” è molto di piùÈ una sorta di guida alle ragioni del nuovo indipendentismo… CONTINUA A LEGGERE QUI

Print Friendly, PDF & Email

Recent Posts

One Comment

  1. luigi bandiera says:

    Bello leggere storie che ravvivano lo spirito di LIBERTA’.

    Scrittori che vanno ricercati per RISCRIVERE LA STORIA di come divenne italia la penisola, il continente e le isole. Compreso i mari e l’aria evidentemente.
    Lo so, il lavoro e’ ABNORME.

    Speriamo che Trieste vinca contro l’occupante trikolore.

    Il libro dara’ linfa ai patrioti triestini.

    (mio padre durante la II guerra era a Trieste in servizio e terminato il conflitto, mi parlava sempre bene dei Triestini malgrado tutto quel che succedeva a quel tempo).

    AUGURI

Leave a Comment